The Verge Of Ruin – Learn To Love Solitude (Setola Di Maiale, 2018)

Si presenta con un titolo bellissimo l’esordio di The Verge Of Ruin – duo che mette insieme le esperienze di Stefano De Ponti e Shari DeLorian coi contributi di Elia Moretti (percussioni), Eleonora Pellegrini (voce) e Giorgio Sancristoforo (eelttronica) – e ci appare tanto migliore in quanto ritroviamo perfettamente questa suggestione nel disco. La cartella stampa fa nomi impegnativi (Cage, Nono, Schaeffer, Xenakis, Scelsi) ma  sono più che altro riferimenti teorici e metodologici che danno forma a una musica perfettamente fruibile, anche senza conoscere a fondo gli ispiratori, grazie al suo legare strettamente suono e visione. Forse è solo suggestione data dall’immagine di copertina – il Grande Cretto di Alberto Burri fotografato come avrebbe potuto farlo Franco Fontana (o dipingerlo Giovanni Fattori) – ma la sensazione che dà l’ascolto di Learn To Love Solitude è quello di vagare in un luogo rale e della mente insieme, dove la linea di terra si confonde con l’orizzonte e si è lì e altrove contemporaneamente. Siamo lì grazie al valore materico dei suoni, al riconoscere i materiali che li producono (il metallo delle corde, il legno e le pelli delle percussioni, i field recordings che ci portano l’ambiente circostante nelle orecchie); siamo altrove per la costruzione di una musica dalle strutture aperte, spettrale e fluttuante, che solo a tratti (e quasi tutti verso la fine) si fissa in strutture più definite. Un inizio rumoroso e dal sapore industriale ci introduce a un’atmosfera brulicante di stridori leggeri, suoni lontani e piccoli concretismi prima che una pulsazione contribuisca a far salire la tensione portandoci faccia a faccia con orizzonti lividi da cui soffiano droni vibranti e ambientali. Una breve cesura silenziosa ci introduce alla seconda parte del lavoro, quella  maggiormente strutturata. I toni gravi di corde vibranti lasciano spazio a una voce che sussurra lontana, prima disturbata da sfrigolii analogici, poi supportata da battiti regolari che crescono fino a diventare pura esaltazione tribale. Siamo all’apice del percorso, al pieno raggiungimento di una consapevolezza che solo la solitudine può dare: il premio, fra scampanellii e suoni naturali, è il ritorno della voce che canta per noi una melodia antica, prima che rare percussioni ci conducano alla fine. Sono passati solo venti minuti dall’inizio, ma qui il tempo è un elemento secondario; contano invece l’intensità  e il trasporto e di quelli, in Lean To Love Solitude, ce ne sono in abbondanza.

Tagged under: , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

3eem - Echoes (White Label, 2011)

Di nuovo i 3eem, chi l’avrebbe mai detto? Onestamente disperavamo di ascoltare un seguito a Third Segment, vista l’assenza dalle…

16 Jan 2012 Reviews

Read more

Thunder Bomber – S/T (6x6, 2009)

Sorti dalle ceneri ancora tiepide dell'iper-hyped band Machete dopo un risolutivo cambio alla sezione ritmica e già assurti a piccolo…

22 Dec 2009 Reviews

Read more

Valentina Magaletti & Marlene Ribeiro – Due Matte (Commando Vanessa,…

Nel mettere su nastro un lavoro creato per una residenza artistica tenutasi a Porto nel 2019, Valentina Magaletti (Tomaga, Vanishing…

04 Jun 2020 Reviews

Read more

@c – Re: Barsento (Galaverna, 2014)

Galaverna è un progetto di radicalismo gentile. Label digitale devota all’arte del field recordings, lega pratica ed estetica in maniera…

31 Jul 2014 Reviews

Read more

Gopota – Music For Primitive (Luce Sia, 2016)

“Calandovi nel suono percepirete chiaramente l’emergere di strutture che cercano di dar ordine al rumore, di imbrigliarlo e disciplinarlo” scrivevamo…

16 Dec 2016 Reviews

Read more

Atr_x – Phase One (Gipsy House, 2019)

Marcello Groppi è metà del duo rock-strumentale Great Saunites e Atr_x è il suo progetto solitario: è musica dalla forma…

20 Mar 2020 Reviews

Read more

Le Cose Bianche - Tutto Il Corpo È Genitale (Hellbones,…

Nuovo lavoro per il prolifico Giovanni Mori qui con il proprio progetto principe: storie di sesso, power electronic e sofferenza.…

28 Jun 2019 Reviews

Read more

St.Ride - Onde (Niente, 2009)

E così in un batter d'occhio la Niente è arrivata al Volume 4, spirito punk con grafiche ultra spartane (a…

11 Feb 2010 Reviews

Read more

The Bitter Tears - Jam Tarts In The Jakehouse (Carrot…

Chicago, si sa, è considerata da almeno vent'anni a questa parte come una vera e propria Mecca di un certo…

23 Sep 2009 Reviews

Read more

37500 Yens - Astero (Distile, 2007)

Mi scuso per la banalità e per la noia che provoco nel continuare a ripeterlo, se rock dev'essere e proprio "post rock"…

16 Sep 2007 Reviews

Read more

Obits - Bed & Bugs (Sub Pop, 2013)

Gli Obits non sono ragazzini da un pò, ma si ritrovano perfettamente a loro agio nell'essere etichettati come naviganti in…

09 Oct 2013 Reviews

Read more

Sebastiano Carghini – Tpeso (Kohlhaas, 2017)

Ci informa il comunicato stampa che la ricerca di Sebastiano Carghini – musicista italiano di stanza in Olanda – è…

20 Dec 2017 Reviews

Read more

Jenny Wilson - Love And Youth (Rabid, 2005)

Vestito color carta da parati sbiadito, scialle della nonna, voce splendidamente stridula e due occhi dolcissimi che ti fulminano.…

16 Jul 2006 Reviews

Read more

Putiferio - Ateateate (Robotradio, 2008)

Altro gruppo per il quale partivo prevenuto in base al nome e cri**o i**io non è un buon segno! Spero…

05 May 2008 Reviews

Read more

Barzin - My Life In Rooms (Weewerk/Monotreme, 2006)

Dall'iniziale, perfetta, Let's Go Driving sembra arrivato il momento di fare i conti con uno dei dischi del 2006. Poi…

19 Aug 2006 Reviews

Read more

Mondo Candido - Bizarre (Silence, 2006)

Ascoltare un nuovo disco dei Mondo Candido è, ogni volta, come sbirciare dalla vetrina di un negozio d'abbigliamento di lusso,…

05 Dec 2006 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top