U.S. Girls + Father Murphy – 07/01/09 Arci Kroen (Villafranca – VR)

Portarsi sul posto in anticipo per poter gustare un buon pasto nella trattoria all'interno del Kroen è certo il modo migliore per calarsi nel clima caloroso che caratterizza l'isolato locale veronese. Specie d'inverno e in una serata umida come questa, un piatto di pasta annaffiato da buon vino è il viatico ideale verso il concerto dei gruppi che stanno cenando al tavolo a fianco: Father Murphy e U.S. Girls. Dei primi, che aprono la serata, si è parlato di recente su queste pagine e non possiamo che ripetere quanto di buono avevamo già detto. Il loro doom minimale e le loro litanie hanno gioco facile nell'ipnotizzare i presenti e si ha la netta sensazione che se, anziché concludere il concerto staccando gli strumenti, avessero continuato a suonare infilando la porta d'uscita, non avremmo potuto far altro che seguirli come bambini al suono del pifferaio di Hamelin. Ringraziamo il cielo che ai tre non sia balenata l'idea di tentare us girlsl'esperimento, essendo abbastanza difficoltoso il vagare nella campagna attorno al Kroen dopo giorni di pioggia ininterrotta e ci prepariamo ad assistere al concerto delle U.S. Girls. Le U.S. Girls sono Megan Remy, un registratore a nastro, un distorsore, un delay, un microfono; nient'altro. Qualche minuto passato a regolare le due grandi bobine, senza che ben si capisca se si tratti già del concerto, qualche scambio di battute col fonico, poi il nastro comincia a riprodurre musica e non c'è dubbio che sia iniziato: lei quasi sempre inginocchiata, a schiacciare i pedalini con le mani cantilenando nel microfono. Noi a farci timidamente intorno, perché la performace non ha nella comunicatività il suo punto di forza, tutt'altro. È anzi in qualche maniera volutamente autistica e sfigata, con la musica ultracompressa e per lo più aritmica che esce dal nostro magnetico e la voce che intona cantilene atone e melodie che sembrano partorite durate il dormiveglia. Un indie-karaoke ostico che bazzica i Suicide più apatici, scandito dai tempi senza stacchi del nastro. Nella sua voluta povertà un concerto del genere ha il suo fascino, seppure un po' sfigato (o forse father Mproprio per quello), ma certo corre il rischia di annoiare i presenti, alla lunga. Si prospetta insomma uno di quelle serate in cui l'arrivare alla fine è una prova di resistenza, una sfida fra il pubblico e il musicista che va al di là delle questioni di gusto. Ma non abbiamo il tempo di pensarlo: Megan tocca il tasto "stop", il nastro si ferma, lei saluta. Saranno passati sì e no venti minuti. Ci ha fregato. Resta sottilmente il dubbio che si tratti solo di una serata storta, che normalmente il concerto sarebbe durato di più, sfondano il muro del tedio, ma poco importa. Ci ha paventato la noia e invece ci lascia col languore nello stomaco. Sì, ne avremmo voluto ancora. Ha vinto lei.

(Foto di Milvia)

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Ur - Trieb (Topheth Prophet, 2008)

Trieb in tedesco vuol dire impulso, ma la parola ricorda anche l'inglese tribe, ed entrambi i termini sono utili per…

19 Apr 2009 Reviews

Read more

Verme – Un Verme Resta Un Verme (Autoprodotto, 2010)

Un'Agatha, più un Fine Before You Came, più un Dummo, più un Hot Gossip, uguale: un Verme.  Trovarsi a suonare…

26 Jan 2010 Reviews

Read more

Jemh Circs - (Untitled) Kingdom (Cellule, 2018)

Marc Richter torna con il progetto Jemh Circs e subito ripiombiamo nella sua visione musicale di plagiarismo: pop music presa…

20 Apr 2018 Reviews

Read more

The Hand To Man Band - You Are Always On…

La sola parola supergruppo credo faccia mettere mano alla fondina a più di un lettore... e invece questa volta dietro…

06 Nov 2012 Reviews

Read more

Crash Trio - Live At Crash (Setola Di Maiale, 2010)

Questo è un super trio amici miei, nel caso non conosceste gli altri due compagni di viaggio di Stefano Giust…

28 Jan 2011 Reviews

Read more

Ulna - Frcture (Karlrecords, 2008)

Se cercate questo disco su Google trovetere "A ulna fracture is an injury to one of the bones in the…

21 Sep 2008 Reviews

Read more

Andrea Bolzoni – amI? (Bunch, 2015)

È enigmatico il titolo di questo lavoro di Andrea Bolzoni (Swedish Mobilia, Dialvogue, Three Trees e mille altri progetti): un’interrogativa…

12 Oct 2016 Reviews

Read more

Ubik - Anything You Don't See Will Come Back To…

Marco Bonini è un chitarrista jazz con esperienze in ambito improvvisativo (ad esempio lo potete ascoltare negli Acre o nei…

20 Sep 2017 Reviews

Read more

Made In Mexico - Guerrilaton (Skin Graft, 2008)

C'è qualcuno, nel folto e preparato pubblico di Sodapop, che creda ancora in Babbo Natale? Poche mani vedo, bene. Alla…

23 Jan 2009 Reviews

Read more

My Disco - 22/10/10 Polyester Records (Melbourne)

Difficile penetrare nei meandri della musica indipendente locale, ma per fortuna chiaccherando veniamo a sapere dal bassista dei My Disco…

18 Sep 2010 Live

Read more

Hermetic Brotherhood Of Lux-or - Ethnographies Vol. III – Musèe…

Arriva al terzo capitolo, quello conclusivo, la ricerca sull’uomo ermetico dei sardi Hermetic Brotherhood Of Lux-or, un lavoro poderoso in…

13 Sep 2017 Reviews

Read more

Alessandra Novaga - La Chambre Des Jeux Sonores (Setola Di…

Alessandra Novaga suona la chitarra elettrica e questo è il suo esordio da solista, con cinque brani composti per lei…

09 Oct 2014 Reviews

Read more

Trax - Notterossa/Rednight (Smallvoices, 2008)

Oggi da parte di molti rockettari si è risvegliato un interesse per la musica elettronica più rumorosa ed estrema, portando…

22 Feb 2009 Reviews

Read more

Fabrizio Modonese Palumbo – Doropea (Old Bycicle, 2015)

Torino difficilmente lascia indifferenti, ma come tutti i luoghi, per essere conosciuto, va vissuto e anche questo può non bastare.…

24 Jul 2015 Reviews

Read more

Danneggiato Delights Novembre 2011

Non mi piace il dubstep. E' il suono della conservazione, una gratificante e consolatoria esaltazione da potenza e superomismo onanistico.…

08 Feb 2011 Articles

Read more

Il buio ai margini di Drive-In: il ritorno degli '80s…

"Siamo arrivati così ai tanto vituperati Eighties, per l'inevitabile "revival" dei quali bisognerà forse attendere il giro di boa del…

07 Aug 2006 Articles

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top