Ur/Iron Molar – Split CD (Fucking Clinica/Alampo/Locust Swarm, 2009)

Si incrociano, in questo CD, due delle più prolifiche realtà del sottobosco industrial/ambient nostrano, accomunate tra l’altro da radici che affondano nell’hardcore dei ’90. Quasi un’ora di musica equamente divisa, con gli Ur che frazionano la loro porzione in quattro tracce, contro l’unico, monolitico brano degli Iron Molar.
Partiamo dai primi. Il terzetto genovese-alessandrino fa uso di tutti i colori della propria tavolozza, dipingendo una musica che, pur nei toni prevalentemente scuri, grazie alla delicatezza del tocco lascia all’ascoltatore discreti margini di interpretazione. Quattro tracce, dicevamo, quattro come le stagioni e come le stagioni, due sono più nebulose e indistinte, drone increspati da suoni elettroacustici, mentre due mettono in una mostra maggior caratterizzazione e personalità più spiccata. The Invisible Curse of What Feeds on Time fa convivere con sorprendente naturalezza brusio industriale e note cristalline di chitarra ed è certamente il pezzo migliore della serie; You’ve Been So Kind To Me, titolo probabilmente sarcastico visto la brutalità che mette in mostra, è massimalismo post industriale in un continuo montare di pulsazioni discontinue, urla belluine e clangorie, violenza propedeutica alla venuta di Iron Molar. Qui c’è poco da interpretare; i 27 minuti di La Caduta Di Lucifero sono all’insegna di un suono cupo, assurdamente carico e denso di malessere, dove le grida sono indistinguibili dalle sferzate elettroniche e l’unico elemento intellegibile è la voce che di tanto in tanto emerge, invocando Belfagor; dobbiamo parlare di black, piuttosto che dark ambient. Siamo alla presenza di una musica volutamente anti-umana, lontana da qualsiasi intento critico, che rivelerebbe una seppur vaga speranza, e che nemmeno dona, come tanta musica similare, un senso di catarsi. La condanna è stata pronunciata e il riscatto è impossibile, tantomeno il perdono: questa è musica ambient per un girone dell’Inferno dantesco. Onestamente, anche facendo appello a tutto il cinismo e la misantropia di cui sono capace, fatico a condividere una visione così negativa e ad immergermi totalmente nel suono. Se avessero ragione loro, sarebbe segno che Lucifero, nella caduta, ha trascinato con sé tutto il genere umano.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Yuk! Interventi a cadenza casuale e necessaria numero 1 -…

Nel deserto delle proposte fritte e rifritte, ogni tanto mi capita di andare a cozzare con delle cose veramente personali…

15 Sep 2012 Articles

Read more

AA.VV. - Pera Ascognüda (Tera Salvaria, 2013)

Non è inutile parlare di un'opera già esaurita in fase di prenotazione (solo 53 gli esemplari prodotti) quando si sta…

25 Sep 2013 Reviews

Read more

The Books – 30/04/11 Interzona (Verona)

Non sono mai stato un grande fan dei The Books: sulla carta quello che fanno è interessante, ma su disco…

21 Apr 2011 Live

Read more

Ventura - We Recruit (Africantape, 2010)

Africantape continua nel mix di dischi da tutto il mondo in odore di indie/math/post/eccetera pubblicando con un disco degli svizzeri…

13 Jul 2010 Reviews

Read more

Low - Double Negative (Sub Pop, 2018)

Quest'estate si è iniziato a parlare di Double Negative, disco che porta i Low verso sonorità più elettroniche: l'uscita è…

08 Oct 2018 Reviews

Read more

Nicola Guazzaloca/Tim Trevor Driscoe/Slizard Mezei – Underflow (Leo, 2011)

Dopo lo splendido debutto di One Hot Afternoon ritorna la coppia Nicola Guazzaloca - Tim Trevor Briscoe che per l'occasione…

17 Oct 2011 Reviews

Read more

New Monuments - New Earth (Pleasure Of The Text, 2018)

Dopo una lunga militanza con un considerevole numero di uscite sull’Amercan Tapes di John Olson, e dopo essere passati con…

11 Dec 2018 Reviews

Read more

Weight & Treble - Riddims 2010-2014 (CD Love Boat,…

Riddims, ritmi prodotti da Massimo Carozzi e Manuele Giannini, teste e dita pulsanti di alcuni fra i progetti più intriganti…

05 Jun 2022 Reviews

Read more

Le Pietre Dei Giganti - Abissi (Overdub, 2019)

Roccioso stoner di provenienza orgogliosamente eighties (Soundgarden) con sinuoso cantato in italiano. I ridondanti arrangiamenti chitarristici riducono un poco l'impatto…

09 Mar 2020 Reviews

Read more

A Spirale - Agaspastik (Fratto9 Under The Sky/Deserted Factory, 2009)

Il trio composto da Maurizio Argenziano, chitarra, Mario Gabola, sax, e Massimo Spezzaferro, batteria, arriva con Agaspastik al suo terzo…

15 Oct 2009 Reviews

Read more

Empty Chalice – Mother Destruction (Toten Schwan, 2019)

La perseveranza è dote rara e per questo ancor più da apprezzare. Parliamo, nella fattispecie, della continua esplorazione delle regioni…

09 Sep 2019 Reviews

Read more

Vittorio Cane - ST (Innabilis, 2006)

Bugo vive. E buon per lui. Il fatto è che una domanda sorge spontanea: avevamo bisogno di un Vittorio Cane…

18 Aug 2006 Reviews

Read more

Grotto Terrazza - Kalte Köstlichkeiten (Maple Death / Cut Surface…

Thomas Schaman, sciamano bavarese che confonde tiki bar con grotti ticinesi, reo e reiterato autore di uno space lounge pop…

21 Sep 2022 Reviews

Read more

DBH - Wave The Old Wave (Eh?, 2008)

La Eh? altro non è se non una costola della Public Eyesore, etichetta che oltre a dare alla stampe una…

03 Oct 2008 Reviews

Read more

Cannibal Movie – Avorio (Sound Of Cobra, 2011)

Continua a far proseliti, dalle nostre parti, un certo suono psichedelico e dilatato e forse mai come in…

20 Sep 2011 Reviews

Read more

St.Ride - Volume 2 (Niente, 2009)

Ritornano gli St.Ride con il "solito" ottimo disco... e me l'hanno dovuto dire che il cd era il loro, visto…

23 Jul 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top