Ulan Bator – 09/04/10 Tipo 00 (Brescia)

Nei sotterranei del centro storico di Brescia stasera toccai ai francesi (ma da tempo italiani d'adozione) Ulan Bator, ancora una volta in formazione rimaneggiata: all'inossidabile Amaury Cambouzat si affiancano ora Stéphan Pigneul, che ha sostituito lo storico bassista Olivier Manchion, e il batterista Alessio Gioffredi, in comproprietà coi postrocker nostrani Dilatazione. Nessuno scossone comunque, i nuovi si sono già perfettamente ambientati e suonano affiatati e compatti, come fossero qui da sempre.
È parecchio che non assisto a un loro concerto, almeno cinque anni; nel mezzo, una stretta frequentazione degli ex kraut Faust e qualche produzione discografica non proprio imperdibile, impressione confermata dall concerto, che prosegue la tendenza già evidente negli ultimi lavori: normalizzazione. Di quello che era stato uno dei gruppi di punta del post-rock europeo si scorgono ormai poche tracce; spariti i segni di krautitudine e le ripetizioni quasi atonali, buone idee non più sviluppate, rimangono i crescendo alla Mogwai o le brevi sfuriate noise in stile Sonic Youth (stilemi a loro volta già diulanbator----------------------tipo00 maniera) che si innestano su strutture che denunciano fin troppo le loro radici rock/blues. Non che il concerto sia brutto, tutt'altro, gli 80 minuti in cui il gruppo calca il palco trascorrono senza annoiare, con un impatto potente e belle canzoni, seppur senza sussulti. Da quasi ogni album viene estratto un pezzo, con maggior attenzione per il recente EP e qualche anticipazione del lavoro di prossima uscita. Belle canzoni, si diceva: una God Dog brutalmente annunciata nella sua traduzione italiana, Soleil, il pezzo in francese che i Pink Floyd non hanno mai scritto e Santa Lucia, da Ego:Echo, che fa la sua figura pur amputata dei passaggi minimali che possiamo apprezzare sul disco. Non male neppure qualcuno dei pezzi inediti, in particolare quello di chiusura, che lascia forse trasparire qualche lampo dell'antico splendore. Quello che lascia un po' interdetti in questo live è però l'abbandono delle sfumature a favore di un'esibizione di solo impatto, stretta fra i poli di una sorta di soft rock e di un massimalismo elettrico buono per tutte le occasioni, certamente d'effetto ma di cui, passato il momento, rimane poco. Ma è il caso di accontentarsi; al giorno d'oggi, per un gruppo di lunga militanza, è già molto non risultare patetici.

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Touché Amoré - Is Survived By (Deathwish, 2013)

Appassionato, sofferto e brumoso come questo primo scorcio di autunno. Arrivati al loro terzo disco i Touché Amoré, quintetto californiano…

11 Nov 2013 Reviews

Read more

St.ride - Microstorie (Torto Editions, 2021)

Sorprendente ritorno per i genovesi St.ride, arrivati a quello che potremmo definire l'album definitivo. Un disco accessibile (si fa per…

03 Jun 2021 Reviews

Read more

Kyle Bruckmann's Wrack - Cracked Refraction (Porter, 2012)

Welcome back Kyle! Sono parecchio legato a Kyle Bruckmann dopo un bellissimo lavoro per la Barely Auditable di Scott Rosemberg…

29 Oct 2012 Reviews

Read more

Gianluca Becuzzi - B (Silentes, 2011)

Innanzitutto parliamo della raccolta, infatti la Silentes Tapestry per celebrare la musica industriale la riporta al suo formato originale e…

06 Dec 2011 Reviews

Read more

Low + Pikelet + Ponzu Island - 21/10/10 The Forum…

L'ultima delle tre serate che dedichiamo al Melbourne festival è quella dei Low ed è per me quella con le…

16 Sep 2010 Live

Read more

Fabio Battistetti - Into The Wood (Creative Sources, 2014)

Risultato di un lavoro iniziato già anni fa come una performance dal vivo e poi raffinato via via, questo Into…

24 Dec 2014 Reviews

Read more

Walter Prati, Evan Parker/Lukas Ligeti, Joao Orecchia - Phonometak #9…

Il penultimo capitolo della Phonometak Series ospita le gesta di quattro bei nomi dell'improvvisazione, accoppiati due a due. Walter Prati…

03 Sep 2012 Reviews

Read more

Jesus Franco & The Drogas - No(w) Future (Bloody Sound…

Dopo un lungo silenzio (come uscite discografiche) ritornano i fratellini Droga(ti) più in forma che mai. Anzi possiamo dire che,…

16 May 2019 Reviews

Read more

AfarOne - Lucen (Karlrecords, 2012)

Un disco da dopo calura estiva? Forse sì, AfarOne è un ragazzo italiano trasferitosi in Spagna, l'etichetta è quella Karlrecords…

27 Sep 2012 Reviews

Read more

Andrea Bolzoni / Luca Pissavini - Duna Lacera (Bunch, 2013)

Bunch records è l'etichetta che Luca Pissavini ha creato per pubblicare la sua musica e Duna Lacera è il disco…

23 Oct 2014 Reviews

Read more

The Mainliners - S/T (Crusher, 2007)

Ne abbiamo già parlato, di questi garage rocker nordici, in occasione dell'uscita di un loro singolo per la ottima…

02 May 2007 Reviews

Read more

Miss Kenichi - The Trial (Sinnbus, 2014)

Katrin Hahner arriva al terzo disco come Miss Kenichi e fin dalle prime note di questo The Trial non lascia…

07 Oct 2014 Reviews

Read more

Talibam! / Matt Nelson / Ron Stabinsky - Hard Vibe…

Quello che si potrebbe definire il duo più funambolico a matto del mondo, ovvero i Talibam!, continua a stupire per…

29 Sep 2017 Reviews

Read more

St.Ride – Quando Arrivo Arrivo (Niente, 2012)

Immagino sia impossibile chiedere al duo composto da Edo Grandi e Maurizio Gusmerini di rimanere fermo in un punto; così,…

07 Dec 2012 Reviews

Read more

Trou Aux Rats - Amour Et Sépulcre (Nashazphone, 2018)

Può esistere un disco "romantico" di Romain Perrot aka Vomir? E come può suonare? Domande a cui dà risposta la…

27 Feb 2018 Reviews

Read more

Drink To Me/Edible Woman - Split 7” (Smartz, 2009)

Smartz, etichetta canavesana da anni coinvolta in produzioni hardcore e d.i.y. (C.O.V., Distruzione, Arturo, Belli Cosi, Kafka, tra gli altri),…

19 Jun 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top