Tupolev – Tower Of Sparks (Valeot, 2010)

Nome russo come pure uno dei componenti, ma equipaggio in prevalenza austriaco, tanto che si tratta di un disco fatto uscire con una compartecipazione di fondi della fondazione austriaca per la musica (altri paesi amici miei… altri paesi!). Quartetto che vede Peter Holy al piano, Lukas Schoeller all'elettronica, David Schweighart alla batteria e Alexander Vatagin (già collaboratore dei genovesissimi Port-Royal) al violoncello ed al basso.
In un certo qual modo credo che si possa parlare tranquillamente di "neoclassica" ma resterebbe comunque una definizione un po' raffazzonata, dato che nei vari pezzi e nello studio degli incastri di queste composizioni emergono diverse specificità dei singoli musicisti: un pianismo di derivazione classica che spesso caratterizza in modo molto netto la maggioranza delle tracce e una batteria jazzy che sia nel mix che nello stile si mantiene sempre discreta e accompagna il suono da dietro senza mai esondare. L'elettronica agisce in punta di piedi, tanto che a volte non è neppure così facile distinguerla, il che in parte rappresenta un pregio per il modo mimetico di suonare di Scholler ma è anche un po' un peccato, visto che i suoi interventi sono sempre parecchio interessanti e distinguerebbero maggiormente il lavoro da un ambito contemporaneo/jazz colto più tradizionale. Vatagin usa le basse del cello e del basso in modo efficace facendo da ossatura sia nei momenti di stallo delle composizioni sia nelle parti corali. Parlavo di un disco neo-classico perché non si tratta di contemporanea troppo obliqua e sinistra che fa venir voglia di suicidarsi a furia di pause, dissonanze o di soluzioni ultra cerebrali, le tracce dei Tupolev si fanno ascoltare e senza neppure troppa fatica. Per quanto non si tratti di musica impostata sulle citazioni, dei richiami al passato sono più che presenti, ma l'interesse del gruppo sembra più focalizzato nel senso delle singole canzoni, e nel trovare la propria quadratura senza necessariamente dover apparire qualcosa diverso da "sè". Towers Of Sparks è un disco ben pensato ma comunque asciutto, dove i quattro musicisti si lasciano i loro spazi e si muovono come ensemble solo quando c'è necessità di farlo. Un risultato apparentemente semplice ma che in realtà non lo è.

Tagged under: ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Candor Chasma - Rings (Old Europa Cafe, 2012)

Purtroppo credo che sia una delle prime, se non la prima uscita dell'Old Europa Cafe che viene recensita su questa…

10 May 2012 Reviews

Read more

ӔLMĀ - The Beings Of Mind Are Not Of Clay…

Elena M. Rosa Lavita e Marco Valenti, una citazione di Lord Byron, un nastro, due lati per due parti di…

12 Jun 2022 Reviews

Read more

Rage Against The Sewing Machine Vs. Indch Libertine – S/T…

Del duo bolognese delle Rage Against The Sewing Machine avevamo già avuto occasione di parlare in occasione del Tago Fest:…

02 Sep 2011 Reviews

Read more

Taub - Bedtime Stories (Nonine, 2008)

Per quanto si tratti di un'etichetta nata da poco tempo la Nonine non è davvero niente male, fino ad ora…

05 Sep 2008 Reviews

Read more

Black Moth - The Killing Jar (New Heavy Sounds, 2012)

Non partivo affatto prevenuto. Sebbene non ascolti molti gruppi con una donna alla voce, sono pronto a valutare con grande…

15 Jan 2013 Reviews

Read more

Joanna Newsom - Have One On Me (Drag City, 2010)

Dopo quello Ys che tanto ha fatto parlare di sé qualche anno fa, ritorna  la principessina dell'indiefolk Joanna Newsom, ben…

02 Apr 2010 Reviews

Read more

Ojra & Kiritchenko - A Tangle Of Makosha (Nexsound, 2010)

Ho visto che di recente qualcuno ha finalmente dato spazio ad un ottimo musicista come Kyriakides, ne sono felice, sia…

12 Apr 2010 Reviews

Read more

Maurizio Bianchi: "...italian pioneer of noise music, originating from Milan"…

Maurizio Bianchi o molto più semplicemente MB, un nome che paradossalmente in Italia è meno conosciuto che all'estero. Ma fino…

25 Dec 2006 Interviews

Read more

Giulio Aldinucci - Tarsia (Nomadic Kids Republic, 2012)

Il nuovo lavoro di Giulio Aldinucci esce per una etichetta giapponese e questo mi conferma l'idea che mi ero fatto…

13 Nov 2012 Reviews

Read more

Sufjan Stevens - The Age Of Adz (Asthmatic Kitty, 2010)

Quando meno te lo aspetti, in un anno deludente per l'indierock arriva uno dei dischi migliori da anni: è l'ennesima…

29 Oct 2010 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 11 (18/12/14)

Undicesima puntata della terza stagione di The Sodapop Fizz: Emiliano e Stefano con graditissimo ospite Mirko Spino con novità e…

22 Dec 2014 Podcasts

Read more

Yann Novak - The Future Is A Forward Escape Into…

Yann Novak è un musicista e curatore di mostre e già dai primi minuti di questo disco lo si può…

29 Mar 2018 Reviews

Read more

Maurizio Bianchi + Saverio Evangelista ‎- Micromal Sonorities (Silentes/13, 2015)

Interessante ristampa per Silentes, all'interno della serie audio/video 13: un booklet in formato A4 con belle foto di Stefano Gentile…

01 Jul 2015 Reviews

Read more

Alberorovesciato/Donato Epiro - S/T (Sturm Und Drugs, 2010)

Nuovo lavoro per l'etichetta pugliese e nuovo episodio per Donato Epiro, questa volta in combutta con Alberorovesciato per uno split…

04 Oct 2010 Reviews

Read more

Vitas Guerulaitis – S/T (Cheap Satanism, 2011)

Tempo fa (quando? boh!) l'avrebbero chiamato art-rock, per dare un nome a certi ritmi sghembi e a voci storte e…

16 Dec 2011 Reviews

Read more

Grey History - All Dead Stars (Radical Matters, 2010)

E' ritornato Gianluca Becuzzi e si vede, infatti nel giro di poco tempo il toscano si è sparato uno split…

15 Feb 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top