Tiziano Milani, Luca Rota – The City Of Simulation (Setola Di Maiale, 2009)

Un progetto molto interessante quello che mi trovo fra le mani, infatti a dispetto delle molte baggianate che cercano di darsi uno spessore elencando nomi di intellettuali a caso o presunte ispirazioni colte, questo progetto è realmente multimediale e seriamente ispirato ad un'idea molto forte. Si tratta di un lavoro multimediale in cui i testi di Rota e le musiche di Tiziano Milani tratteggiano il profilo del "Vivere nella città, la città come propria realtà, la propria vita come vita della città – o languire come inutili figuranti nella sfigurata Città della Simulazione…" come Luca Rota lo definisce.
Un lavoro splendido in cui forse l'unica cosa che non convince fino in fondo sono alcune delle immagini, non perché si tratti di immagini mediocri, ma per il puro e semplice confronto con i testi di Rota che sono molto interessanti e con la musica di qualità di Tiziano Milani, che si è mantenuto sui suoi soliti ottimi livelli. Per il musicista lombardo la partecipazione ad un progetto del genere era quasi scontata, non parlo tanto del fatto che credo sia architetto, ma più dell'idea di colonna sonora documentaristica che mi hanno lasciato molti dei suoi lavori. Immagini notturne o spazi geometrici vuoti, quand'anche ci fossero degli esseri umani sarebbero comparse in uno scenario dove l'ambiente urbano ed il suo contesto diventano i protagonisti principali: un tributo alla città in cui ogni traccia si accompagna ad un'immagine in cui viene disposto uno dei testi di Rota. L'effetto globale non è molto diverso da quello di alcune istallazioni che mi è capitato di vedere, l'unica differenza è che forse la musica di Milani potrebbe vivere di una propria vita autonoma. Quattordici tracce per altrettanti testi, ed ognuna di esse di lunghezze diverse con più tracce che superano i venti minuti, non per nulla Milani ha scelto il formato mp3 per accompagnare i jpeg che troverete all'interno di questo dischetto. Musica in bilico fra l'elettronica e la sperimentazione, spesso si tratta di campioni o di improvvisazioni rielaborate, fra le varie tracce sono persino riuscito a riconoscere Ghotam Lullaby di Meredith Monk (e per questo credo di meritarmi il peluche in fondo al tirassegno). Suoni astratti ma ancora molto espressivi, un po' come quelli degli appartamenti che nonostante il loro grigiume spesso nascondono storie molto diverse "Vivere nella città, la città come propria realtà, la propria vita come vita della città – o languire come inutili figuranti nella sfigurata Città della Simulazione…".

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 22 (19/03/15)

Puntata numero ventidue della terza stagione di The Sodapop Fizz: Simon Balestrazzi è ospite di Emiliano: c'è tempo per parlare della…

23 Mar 2015 Podcasts

Read more

She Said What?! - S/T (Marsiglia, 2009)

La genovese Marsiglia del "nostro" Matteo Casari continua nella missione di portare alla luce nuove band locali: una volta pubblicato…

30 Aug 2009 Reviews

Read more

The Star Pillow – 12/11/2016 Olandese Volante (Gazzuolo – MN)

È davvero un caso più unico che raro che qualcosa di veramente interessante passi dalla provincia mantovana, specie per la…

18 Nov 2016 Live

Read more

The Tapes - News From Nowhere (Luce Sia, 2019)

Ancora un insapettato blast from the past per Luce Sia che questa volta fa riemergere dal passato remoto la creatura…

18 Jun 2019 Reviews

Read more

Wolfnuke – Nightwar (Crucial Blaze, 2010)

Il metal-core che piace a noi. Eh, sarà che siamo vecchi, ma le porcherie alla Hatebreed e compagnia, chuggachugga da…

30 Jun 2010 Reviews

Read more

Black Rainbows - Holy Moon (Heavy Psych Sounds, 2013)

Ancora una volta musica circolare: tanti infiniti vortici che rimpiccioliscono progressivamente senza mai riuscire ad annullarsi. Con i Black Rainbows…

18 Jun 2014 Reviews

Read more

Deison - Magnetic Debris vol.1 & 2 (Dissipatio, 2022)

Il passato che ritorno non è, in genere, una buona cosa: fantasmi, storie che credevamo dimenticate o, quando va bene,…

24 Mar 2022 Reviews

Read more

Larva - 1.0.1 (Cervello Meccanico, 2007)

Puzza di classe Bisani, sarò poco obiettivo, certo, però credo di parlare di uno di quei classici talenti naturali e se…

19 Sep 2007 Reviews

Read more

Burial - Untrue (Hyperdub, 2007)

Riverberi, voci ovattate, ritmi sincopati, linee di basso, Untrue è un disco in cui ogni cosa sembra…

14 Jan 2008 Reviews

Read more

Grey Machine – Disconnected (Hydrahead, 2009)

Torna a dedicarsi al rumore Justin Broadrick, dopo le alterne vicende del progetto Jesu. Lo fa raccogliendo attorno a sé…

22 Dec 2009 Reviews

Read more

Ovo - Miasma (Artoffact, 2020)

Gli Ovo sono una delle realtà più seminali della scena europea degli ultimi vent’anni. Partiti da una visione punk sperimentale…

25 Mar 2020 Reviews

Read more

Adam's Castle - Vices (Tripel Down, 2012)

C'è di buono che la mia curiosità spesso mi porta a conoscere cose un pò strane, difficilmente mi serviranno nella…

06 Sep 2012 Reviews

Read more

Dyskinesia - L'Ultimo Giorno (Centre Of Warm/Frohike/Creative Fields, 2008)

In tutta onestà sulle prime avevo un po' snobbato i Dyskinesia, credendo si trattasse del solito combo hardcore che si…

19 Jun 2010 Reviews

Read more

You Are Here - As When The Fall Leaves Trees…

Ispirato dai suoni di band a mente unica quali M83 e Apparat, il trio romano You Are Here cerca…

27 Mar 2012 Reviews

Read more

I Camillas - Le Politiche Del Prato (DischidiPlastica/MarinaioGaio/Wallace/Tafuzzy, 2009)

I Camillas portano bene! Ma dico sul serio. Qual' è la linea di confine tra un pugno di canzoni demenziali…

09 Dec 2009 Reviews

Read more

Gian Luigi Diana – Cristalli Sonori (Setola Di Maiale, 2011)

Se per alcune uscite del catalogo della Setola possiamo indubbiamente parlare di jazz, per dischi come quello di Gian Luigi…

10 Oct 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top