Title Tracks – 26/03/11 Interzona (Verona)

Una ben strana serata quella del mio esordio stagionale all'Interzona, iniziata secondo tradizione con un‘ottima pizza nel locale dall'altra parte della strada, e chiusasi, dopo una trentina di minuti dall'entrata, con uno dei concerti più brevi che ricordi. Pur rimanendo un sostenitore dei concerti che lasciano un po' di voglia inappagata rispetto a quelli che per via della lunghezza provocano orchite, qui abbiamo decisamente un caso limite.
In realtà alla brevità contribuisce in minima parte il mio colpevole ritardo, per essermi trattenuto troppo a tavola: quando entro i Title Tracks sono già a metà del secondo pezzo (il che vuol dire comunque che mi sono perso non più di cinque minuti di concerto). I tre, sul palco in completa tenuta nera, che non serve a smagrire la siluette dell'ex Q And Not U John Davis, macinano il "loro pop con le palle" (la definizione è del Ferri e ci sta a pennello) che è una piacere: ritmi serrati, melodie vincenti che ti si accampano nelle orecchie per non uscirne più e sempre quel retrogusto un po' malinconico che fa grandi i title_tracks_interzonagruppi del genere. Rispetto al disco il tiro è ancora maggiore, c'era d'aspettarselo: chi l'aria dell'hardcore l'ha respirata e non solo percepita dai dischi, dal vivo dà il meglio. Musica del genere, in una primavera ancora freddina, è un graditissimo anticipo d'estate, peccato che in questo caso si tratti di una stagione che, come cantava Mina, "è stupenda ma dura poco". Mezz'ora in questo caso, poi Davis annuncia l'ultimo pezzo, lo esegue, saluta e con gli altri due leva le tende. Il ritorno per i bis è scontato, invece non succede niente, il gruppo spariscono dietro al palco per non riemergere più. Sarà a causa degli applausi non convintissimi dello sparuto pubblico, sarà forse una serata storta loro, che dall'esibizione comunque non si percepiva, fatto sta che li rivediamo solo quando la discoteca post concerto già impazza, impegnati a portare gli strumenti sul furgone: il tempo di una fugace stretta di mano e poi via definitivamente. Come dicevo in apertura, sono da sempre un sostenitore dei concerti che lasciano un po' di languore piuttosto che provocare indigestione, ma questo mi lascia addirittura un buco nello stomaco. E non è una bella sensazione.

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Swims - Ep (Distile, 2007)

Altro ottimo esempio di come cambino i tempi e di come l’oceano sia sempre più piccolo, avvicinando i due continenti…

26 Mar 2007 Reviews

Read more

On Fillmore/Pupillo, Kazuhisa, Yasuhiro - Phonometak Series #7 (Phonometak/Wallace, 2010)

Era un da un po' di tempo che mi chiedevo che fine avessero fatto questi due geni, perché al di…

26 Mar 2010 Reviews

Read more

Nuno Moita/Matteo Uggeri - Bathala (Old Bicycle, 2013)

Provate a prendere il vostro registratore digitale o a cassette o minidisk che sia, e andare in giro a registrare…

07 Apr 2014 Reviews

Read more

Micah Gaugh Trio - The Blue Fairy Mermaid Princess (Africantape,…

 Jazz, free, songwriting... non vi basta? Bello, bello, bello. Potrei chiudere qui e dirvi di andare a recuperare questo disco,…

05 Apr 2013 Reviews

Read more

Audrey - The Fierce And The Longing (Tenderversion, 2008)

Le Audrey sono un gruppo femminile scandinavo e The Fierce And The Longing è il loro secondo disco; non avendole…

10 May 2008 Reviews

Read more

Giulio Aldinucci - Tarsia (Nomadic Kids Republic, 2012)

Il nuovo lavoro di Giulio Aldinucci esce per una etichetta giapponese e questo mi conferma l'idea che mi ero fatto…

13 Nov 2012 Reviews

Read more

Monsieur Gustavo Biscotti - S/T (6X6, 2008)

Era cosa impensabile, anche solo poco tempo fa, trovare a Mantova quattro musicisti interessati a sviluppare un progetto non banale…

12 Dec 2008 Reviews

Read more

Taub - The Wrong Path (Bearsuit, 2010)

Dietro alla sigla Taub, di cui avevamo già recensito un ottimo lavoro qualche tempo fa, si nascondono Harold Nono e…

13 Sep 2010 Reviews

Read more

Freshkills - Creeps And Lovers (Arclight, 2005)

Che cazzo gli ha preso al mondo? Se in questa recensione riuscissi a rispondere a questa domanda sarei probabilmente in…

06 Jan 2007 Reviews

Read more

My Dear Killer – The Electric Dragon Of Venus (Boring…

Sorprende vedere come un'etichetta nota per la musica di ricerca come la Boring Machines stia, col tempo, accogliendo sotto la…

13 Mar 2013 Reviews

Read more

Hermetic Brotherhood Of Lux-Or - Sex And Dead Cities (Boring…

In questi ultimi anni nessuno ha saputo raccontare la Sardegna, il suo spirito, la sua storia e il suo presente,…

27 Dec 2019 Reviews

Read more

Liars – 28/05/13 Interzona (Verona)

Torna in Italia in gruppo newyorkese, per presentare l'ormai non recentissino WIXIW e immancabilmente fa tappa a Interzona, con cui…

21 Jun 2013 Live

Read more

Little Black Dress - Dunes EP (Idol, 2013)

Gli EP sono creature strane. Benedetti se si deve parlare di qualcosa che è mediocre, terribilmente dolorosi se si tratta…

02 Aug 2013 Reviews

Read more

Toilet Door n.7 - Siamo Uomini O Conigli?

Direttamente dal cortile di Sodapop ecco la compilation per allietare i vostri amichetti domestici: una manciata di pezzi per gli…

23 Jun 2012 Podcasts

Read more

Giacomo Papetti/Emanuele Maniscalco/Gabriele Rubino - Small Choices (Aut, 2013)

E pensare che ho conosciuto Davide solo due anni fa, ad un mini festival in quel di Bologna e…

20 Jun 2013 Reviews

Read more

Mathians / Dot (.) - Split 7" (Dufresne, 2006)

In periodi di “downtuning, doom, sludge” e rallentamenti vari, nel mentre della quasi beatificazione di O'Malley (Sunno))), Khanate, etc.) in…

15 Oct 2006 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top