Those Lone Vamps – Sketches (Setola Di maiale, 2007)

Setola Di Maiale è davvero una bella etichetta non solo per la qualità della maggioranza delle sue produzioni, ma anche per il fatto che "cdr label" risulta quasi limitativo nel caso di label come questa o la Afe che producono dei cd che come oggetti e grafiche viaggiano tre spanne molte delle produzioni raffazzonate fatte in fretta e furia dell’ultima etichetta improvvisata. Rifatta la presentazione di rito, nel ricordare che si tratta di un’etichetta di musiche, per sua stessa definizione, "non convenzionali", state pur certi che i Those Lone Vamps non cascano fuori categoria e nonostante ciò si tratta davvero di un gruppo singolare. Il duo non fa musica particolarmente astrusa o cerebrale, anzi in un certo senso fanno un lavoro di recupero di certe radici non per nulla uno dei paralleli che mi è venuto in mente è quello di Waits, nonostante ciò sono a loro modo "strani" e Waits in merito questo torna nuovamente comodo. Tranquilli, nessun copia a carbone di Rain Dogs e nemmeno di Alice (per quanto non freghi a nessuno io amo di più il tardo Waits che quello sperimentale, strano ma vero), i due friulani però come l’americano "deluxe" vanno a recuperare una radice blues per altro comune a gente come Captain Beefheart a cui a tratti assomigliano anche di più nel loro essere decisamente deliranti. Nell’economia del gruppo occupa uno spazio ingombrante la voce di Clocchiati che più roca di così ci riescono giusto tre bluesman negri over settanta, capitana cuore di "manzo" e "cigarette and coffee", proprio per questo parlerei proprio di canzoni. Chitarra o piano che insieme alla voce danno la spina dorsale a dei pezzi in cui Trevisan colora con dei rumori per lo più sospesi in secondo piano. Nessun nome più appropriato di Sketches dato che comunque pur trattandosi di canzoni sono appena accennate e lasciate molto grezze senza lavorarle troppo di fino, ma in questo non ho dubbi che si tratti di una scelta stilistica e non di una scarsa capacità. A volte si tratta di materiale nudo e crudo come i due papà l’hanno fatto, a volte arriva al punto a volte no ma si tratta comunque di un lavoro molto genuino ed a suo modo abbastanza stralunato a partire dal cantato che seppur immerso completamente nel blues ha un nonsochè di delirante. La musica in sé sarebbe molto sobria ma un il risultato finale non lo è per nulla, proprio per questo il disco non esula dal contesto dell'etichetta di Giust. Per quanto fra gli "abbozzi" contenuti nel disco abbia trovato una buona serie di chiaroscuri, non v'è dubbio alcuno che sia molto più difficile addentrarsi nei campi della tradizione per modellarla in qualcosa di nuovo che a cercare di fare gli "avant" buttando quattro frequenze acute non strutturate e spacciandole per "elettronica", però si tratta comunque di un campo minato. Un disco strano che proprio per questo avrà sollazzato e divertito il buon Giust, alla fine per me si tratta dell’ennesima riconferma che di matti in italian è pieno. Nota di folklore: il riff di piano e la melodia del secondo pezzo si adatta se non ricalca le stesse identiche note di una vecchia hit di Cindy Lauper e scusate se è poco.

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Enrico Ruggeri – As If (Autoprodotto, 2017)

Parte da un’idea folle questo disco di Enrico Ruggeri, anzi, di quell’idea è in qualche modo il punto d’arrivo, anche…

12 Apr 2018 Reviews

Read more

Le-Li - My Life On A Pear Tree (Unhip/Garrincha, 2010)

Parlavamo tempo fa di pop pandistelle, ed eccolo qua il regalo perfetto per Emiliano Zanotti, il debutto di Le-Li: qui…

24 Mar 2010 Reviews

Read more

Ibisco - Nowhere Emilia (V4V Records, 2022)

Recensione ucronica. Lucio Dalla debutta nel 1966 con 1999, esplode in un successo clamoroso. Adotta un bimbo, lo chiamerà Filippo. Dopo…

24 Feb 2022 Reviews

Read more

Sarram – A Bolu, In C (Talk About, 2017)

I rituali primitivo-futuristi degli Hermetic Brotherhood Of Lux-Or e di tutto il giro di Macomer, le sinfonie post-industriali orchestrate nel…

29 Mar 2017 Reviews

Read more

Lola's Dead – Those Who Read Between The Lines (Autoprodotto,…

Diciamo che, solitamente, quando chi suona decide di cambiare genere, cambia persone con cui suonare. Diciamo anche che ci sono…

24 Mar 2011 Reviews

Read more

Marcus Fjellstrom - Epilogue M EP (Rev Laboratories/Aagoo, 2013)

Marcus Fjellstrom è un musicista elettronico qui al suo quinto disco: il background contemporaneo e da colonna sonora si sente…

26 Jul 2013 Reviews

Read more

Orval Carlos Sibelius – Super Forma (Clapping Music, 2013)

Si dice che dei dischi non bisognerebbe mai parlarne in forma personale, ma quando in qualche modo si rimane coinvolti,…

14 Apr 2014 Reviews

Read more

Secret Colours - Peach (Autoprodotto, 2014)

I Secret Colours sono il seme imbastardito della psichedelia primo periodo e del Britpop. Questa è la prima frase che…

16 Jun 2014 Reviews

Read more

MSMiroslaw - THE AAAge Of Warm Asylum (Trasponsonic, 2020)

La porta di un’antichissima domus de janas abbraccia il nostro pianeta sulla copertina del nuovo lavoro di MSMiroslaw: forse è…

04 Dec 2020 Reviews

Read more

Illachime Quartet - I’m Normal, My Heart Still Works (Fratto9…

Credo che pochi di voi lo ricordino o l’abbiano mai sentito, ma un bel po’ di tempo fa questi ragazzi…

26 Mar 2009 Reviews

Read more

Orko Trio – S/T (Dobialabel, 2011)

Disco dalle complesse architetture progressive rock questo esordio dell'Orko Trio, composto da Michele Cuzziol, Enrico Giletti e Giorgio Pacorig, gode…

22 Feb 2012 Reviews

Read more

Empty Chalice - Ondine's Curse (Ho.Gravi.Malattie., 2018)

Carina l’idea dell’etichetta torinese Ho.Gravi.Malattie. di dedicare una collana di uscite in cassetta a tiratura limitata a una serie di…

11 Aug 2018 Reviews

Read more

Free Nelson Mandoom Jazz - The Shape Of DoomJazz To…

Nell’approcciarsi a questo lavoro, la prima domanda che ci si pone è cosa sia peggio fra il nome che il…

28 Mar 2014 Reviews

Read more

Deprivation - S/T (Diazepam, 2011)

Nuova uscita in solitario sulla sua Diazepam e terzo nome solista per Mauro Sciaccaluga dopo i monicker Shiver e Wailing…

09 May 2012 Reviews

Read more

Belorukov vs Marziano/Fulkanelli – Aggarbatoo! Vol.1 (Lemming/Hysm?, 2012)

Ancora l'attivissima Lemmings Records (era un po' che non ne parlavamo, ma non per inattività loro, bensì per ritardi nostri)…

27 Jun 2012 Reviews

Read more

Haymaker - Let Them Rot 7" (A389, 2014)

Tornano a registrare gli Haymaker, dopo anni di silenzio: i componenti nel frattempo sono/erano impegnati nelle loro altre band (tra…

30 Jan 2014 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top