The White Mega Giant – Antimacchina (Shyrec/Up To You, 2011)

Quando siamo arrivati ad un punto di rigetto verso qualsiasi nuova band giovane, magari italiana, che ripropone in pieno 2012 il post rock strumentale, ecco la sorpresa. Se esistesse in qualche modo un brevetto per la formula, i Mogwai camperebbero per tre generazioni. Anche se sicuramente qualcuno prima di loro accamperebbe qualche diritto. La doverosa premessa viene ancora di più rafforzata dalla eccezione che conferma la regola. Questa eccezione è rappresentata dai padovani The White Mega Giant, che (già dal nome…) annichiliscono l’ascoltatore con una produzione eccellente e crescendi stratificati che sembrano non finire mai (“la band dai crescendo infiniti” o qualcosa di simile, ci disse un comune amico). Ero un po’ diffidente, vista la quantità di gente che suona/va questo genere tra Padova, Modena e Brescia: il triangolo della Padania post rock. Attenzione non parliamo di quei crescendo da eiaculazione precoce a cui ci hanno abituati in troppi, anche per esigenze di cambio palco: qui, dal minutaggio, si può parlare del Ron Jeremy del post rock. In un colpo solo, senza inventare nulla, ma proprio nulla di nulla, mi sono ricordato di quanto fossero evocative e potenti, lustri fa, certe sonorità, forse anche perchè suonavano decisamente fresche. Il giovane trio non prende in giro nessuno, non mescola le carte: la press sheet è scarnissima e in rete credo manco abbiano la pagina bandcamp. Si autodefiniscono “trio post rock strumentale da Padova” e fanno le cose che devono fare in modo egregio, portando il suono, anche per la cura estrema – dicevo prima – della fase di registrazione e mixaggio, ad una potenza emotiva/evocativa che non sentivo da parecchio. Nel brano Polaris puoi addirittura apprezzare le doti del tuo stereo dalle stratificazioni/ torture infinite a cui è sottoposto. Gli undici minuti di Katrina mandano a spasso tanti colleghi blasonati e con Cygni padroneggiano epicità, rarefazione ed atmosfera in modo davvero sapientemente ben amalgamato. Un loop di suoni che mi ha dato una bella svegliata.

Tagged under: ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Ultravixen – Avorio Erotic Movie (Wallace, 2008)

No, amici niente tettone all'orizzonte, anzi, banane au go-go, ma non quelle che lucidate guardandovi film di Meyer, bensì quelle…

04 Dec 2008 Reviews

Read more

Fuzz Orchestra – Morire Per La Patria (Wallace/Boring Machines/Brigadisco e…

Tornano col loro noise '70 diversamente strumentale, cinematografico e politicizzato, i Fuzz Orchestra e, per la prima volta su disco,…

20 Dec 2012 Reviews

Read more

AA.VV. - Guitars, An Anthology Of Experimental Solo Guitar Music…

Qualcuno dei più attempati la fuori ricorda quella mitica compilation intitolata Guitarrorists? Beh... si trattava di un doppio lp e…

25 Jan 2011 Reviews

Read more

Construct Of Lethe - Exiler (Everlasting Spew, 2018)

i Construct Of Lethe sono una bollente ed inesorabile colata di death metal senza compromessi. Suoni cupi, ribassati, abbondanza di…

03 Jun 2018 Reviews

Read more

Il Cielo Di Bagdad - Manca Solo La Neve (Autoprodotto,…

Mi sa che c’ho una buona stella lassù che fa sì mi arrivino per posta dei demo che non mi…

20 Nov 2006 Reviews

Read more

Elisabeth Schimana - Sternenstaub (Chmafu Nocords, 2013)

Chamfu Nocords pubblica il primo lavoro completamente in solitaria per Elisabeth Schimana, tutto dedicato alla creazione dell'universo, tema di sicuro…

02 May 2014 Reviews

Read more

Khem – The Cross (Old Europa Cafè, 2013)

Ancor più che un collettivo, come essi stessi si definiscono, Khem mi pare essere un’entità dotata di un proprio carattere…

18 Apr 2014 Reviews

Read more

True Widow – S/T (End Sounds, 2009)

Con un po' di ritardo recuperiamo questo disco d'esordio dei True Widow, la nuova band capitanata da Dan Phillips, ex…

22 Jun 2010 Reviews

Read more

Verme – Un Verme Resta Un Verme (Autoprodotto, 2010)

Un'Agatha, più un Fine Before You Came, più un Dummo, più un Hot Gossip, uguale: un Verme.  Trovarsi a suonare…

26 Jan 2010 Reviews

Read more

Great Lake Swimmers - Ongiara (Nettwerk, 2007)

Sempre in sordina, e non poteva essere altrimenti, i "nuotatori del grande lago" mi sono sempre piaciuti, sarà per il…

20 Jul 2007 Reviews

Read more

Davide Maspero/Max Ribaric - Come Lupi Tra Le Pecore…

È un'opera monumentale quella messa insieme da Davide Maspero e Max Ribaric per i tipi della Tsunami, non solo per…

08 May 2013 Reviews

Read more

Small Thing - S/T (Flamingo, 2019)

"La cosetta" è un gagliardo punk stop and go di chiara matrice NOFX (nel senso buono) interpretato da un giovane…

08 Feb 2021 Reviews

Read more

Zu & Eugene S. Robinson - The Left Hand Path…

Questo malevolo patto non è fatto per creare simpatie o mettere di buon umore, ma piuttosto per immmergerci dentro un…

28 Nov 2014 Reviews

Read more

Silent Carnival - S/T (Old Bycicle/Viceversa, 2014)

Altro che gli immigrati, sono gli svizzeri a rubarci i lavoro! Nella fattispecie il lavoro del discografico, dato che l’esordio…

26 Feb 2015 Reviews

Read more

Interiors - Liquid (Minus Habens, 2014)

Sempre su un range ipersofisticato e moderno si muovono le ultime produzioni della Minus Habens che con Interiors propone letteralmente…

14 Jul 2014 Reviews

Read more

Loose - Dodge This (Autoprodotto, 2011)

Questo dischetto proveniente dalle marche è un autentico bombardiere carico di rock 'n' roll. Definitivamente e senza imbarazzo posso…

23 Dec 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top