The Paper Chase + Nicker Hill Orchestra + Entrofobesse – 30/10/09 arci Kroen (Villafranca – VR)

Questa sera, davanti all’ingresso del Kroen, sosta uno strano figuro, postura ingobbita, andamento ciondolante, parlata non locale. Non ci sono dubbi, è un americano ubriaco. Ora, uno yankee nel mezzo della campagna veronese può esserci solo se deve suonare e l’associazione “americano”, più “musicista”, più “ubriachezza” fa subito comparire lo spettro degli Oneida. Per la cronaca il personaggio è il secondo tastierista dei Paper Chase, aggregato alla band in occasione del tour e tanti complimenti per la felice scelta. Ma andiamo con ordine. Stasera si esibiscono tre gruppi e si comincia un po’ prima. Non mi ispirano più di tanto gli Entrofobesse, noise ben suonato ma che passa senza lasciare traccia, mentre dei Nicker Hill Orchestra ascolto poco, ma mi sento di sottoscrivere quello che il Corgnati dice nella recensione del disco: solito post-rock, ma ravvivato, scusate il paradosso, da un piglio piuttosto scuro.
I Paper Chase sono sul palco quasi subito. Nel pomeriggio si erano rifiutati di effettuare il soundcheck e rimediano ora, in non più di cinque minuti, buoni a regolare i volumi e un minimo i suoni. Il debosciato tastierista, dopo essersi dimostrato inetto anche al banchetto dei dischi, distribuendo resti di pura fantasia, è sparito dalla circolazione; forse collassato nel furgone, forse eliminato dai compagni e sepolto in un campo nei paraggi. Stasera si farà senza di lui, poco di perso.
paperchaseliveDall’improvvisato soundcheck si era capito che non sarebbe stata una serata di relax: ad ogni suono del basso pareva di aver qualcuno che tirava sberle dietro le orecchie, mentre la batteria, allestita con cassa, due timpani e due rullanti, senza tom, aveva il simpatico effetto di un calcio in pancia; si era capito anche che le atmosfere del nuovo album ce le si poteva dimenticare. Così è: stasera solo post hardcore spigoloso, basso che sembra avere tiranti al posto delle corde e un batterista che fa il superlavoro e più volte chiederà un time out per rifiatare fra un brano e l’altro. John Congleton, più piccolo e più giovane di quanto me lo aspettassi, catalizza l’attenzione agitandosi ed esibendo smorfie e mimi degni del miglior Jello Biafra, ma anche musicalmente fa la sua parte, con urla (parlare di cantato sarebbe troppo) e poche, calibrate rasoiate di chitarra. Solo la tastiera, ormai solitaria, appare poco incisiva, emergendo solo nei momenti di quiete; ma stasera si viaggia dalle parti delle produzioni più ruvide della Dischord e dei Girls Against Boys e davvero di tale strumento non si sente troppo la mancanza. È musica coi nervi scoperti, che trascina il pubblico sull’onda di una ritmicità spigolosa che porta lontano dalla pomposità bandistica del recente Someday This Could All Be Yours, di cui vengono eseguiti pochissimi brani e tutti filtrati dalle lenti deformanti del suono degli esordi. Vien da chiedersi se la defenestrazione dell’ubriacone abbia influito sulla scaletta, favorendo brani più collaudati o se questa sia la normale esibizione di questo tour. Ma conta poco , dopotutto, già che l’ultimo album non mi esalta mentre un concerto come quello di stasera, anche se un po’ retrò, fa bene, una volta ogni tanto.

Foto di Elena Prati

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Pussy - Pussy Plays (Akarma, 2004)

Era il lontano 1969. Praticamente io stavo per nascere o – almeno – essere concepito. E usciva questo disco, che…

22 Jul 2006 Reviews

Read more

Autoblastingdog - HermesLyre (Autoprodrodotto, 2010)

Non male davvero l'esordio di questi quattro giovanotti sperduti nei monti amiatini. La forza d'urto è notevole e, nonostante…

28 Aug 2010 Reviews

Read more

Bexar Bexar - Tropism (Own, 2007)

Normalmente quando leggo di un disco in cui la chitarra acustica la fa da padrona sono sempre un po' scettico,…

15 Jun 2007 Reviews

Read more

Umanzuki - Sonic Birds (Brigadisco/Fromscratch/Eclectic Polpo/Ambient Noise Session/Hysm?/Toten Schwan/Charity Press/ZAMZAM,…

Sarò prevenuto io (non che me ne dispiaccia troppo), ma in questo particolare periodo storico il solo sentir parlare di…

15 Mar 2013 Reviews

Read more

Girl Talk - Night Ripper (Illegal Art, 2006)

Quando ci sei dentro non puoi più scappare. A volte la musica è il nostro stupido e frenetico amore per…

02 Apr 2007 Reviews

Read more

Ivan Iusco - Water (Minus Habens, 2012)

Il percorso creativo di Ivan Iusco, patron della Minus Habens da oltre venticinque anni, continua a stupirci. Se ci aveva…

31 Oct 2012 Reviews

Read more

MSMiroslaw - Organes De La Voix, Chants Funėbres Pour AHYHW…

Il legame di Mirko Santoru/MSMiroslaw  con la Sardegna, la sua terra, va ben oltre la semplice esistenza fisica del musicista:…

22 Jul 2018 Reviews

Read more

Ronin + De Curtis – 04/02/12 Interzona (Verona)

Non vale il gelo e una spruzzata di neve a tenere lontani gli afecionados da una delle prime serata live…

17 Feb 2012 Live

Read more

Francesco Giannico/Zac Nelson – Les Nomades Paysages (HYSM?/Lemming, 2013)

Zac Nelson lo avevamo conosciuto come eclettico musicista pop in un bel disco uscito su Second Family un paio di…

23 Jan 2014 Reviews

Read more

Action Beat + Nurse! Nurse! Nurse! – 06/11/09 Locanda di…

Un paese di campagna  che si chiama Campagna con una locanda che si chiama Locanda: stasera il suono dei tamburi…

19 Nov 2009 Live

Read more

Gerda - Black Queer (Wallace/Shove, 2018)

Come sempre imprevedibili i Gerda ci arrivano sotto la faccia con l'ennesimo lavoro slabbrato, zoppicante ma anche potente e disperato…

26 May 2018 Reviews

Read more

Summer Days, Summer Nights

  Summer loving had me a blast Summer loving happened so fast I met a girl crazy for me Met a boy cute as…

24 Jul 2022 Podcasts

Read more

Megattera - Origo (Killer Pool/Narcotica - 2014)

Notturne visioni torbide ammantano queso italianissimo lavoro distribuito Goodfellas che non può fare a meno di evocare le colonne sonore…

03 Jun 2014 Reviews

Read more

Maximum Awesome - S/T (Sabbatical, 2007)

Ho dato un’ascoltata veloce alla maggior parte dei lavori di quest’etichetta e bene o male, oltre che un’estetica base nel…

08 Mar 2009 Reviews

Read more

Langhorne Slim - S/T (Kemado, 2008)

A tre anni dal precedente When The Sun's Gone Down, a sua volta seguito dell'autoprodotto Slim Pickens, uscito ben nove…

18 Sep 2008 Reviews

Read more

AA.VV. – Metallo Liquido, L’Heavy Metal Come Forgia (L’Arca E…

Sarà un segno dei tempi che stiamo attraversando, ma sempre più spesso mi trovo  a pronunciare il termine “metal”, un…

11 Dec 2015 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top