The Enchanted Realm – Of The Pink Widower (Northpole, 2008)

Il giro della Northpole è in un certo senso fantastico, come quello dei Rollerball seppure i due non siano legati in modo diretto: mediamente sono musicisti con i controcazzi, fanno dei bei dischi, se non ottimi come nel caso dei Rollerball, ed il tutto senza venire cagati nemmeno un minimo rispetto al loro vero potenziale. Dopo Miss Massive Snowflake la saga "pop delirante" continua, se con Miss Massive ci trovavamo di fronte ad un Beck ancora più assurdo e meno fichetto, con The Enchanted Realm il tutto suona ancora più bizzarro. "Il reame incantato" suona come se i Clash dei pezzi più pop della fase finale fossero diventati più top-charts pop-rock anni '70, ma anche musica sudamericana ed altre cose che escono dal cilindro in modo omogeneo ma dipingendo un quadro particolarmente stravagante. Né indie rock, né revivalismo seventies, né strano per il gusto di fare i diversi né pop a pieno titolo, eppure tutto arrangiato così bene da non sfigurare di fianco a gente come i Calexico che in tutt'altro contesto fondono/fondevano gli stili in modo così naturale da far paura. Devo essere onesto e dire che lì per lì mi ha spiazzato e forse non è neanche un disco così accessibile pur essendo a suo modo popolarissimo e easylistening, figuratevi che i pezzi si fanno cantare e a tratti ballare, non avrebbero sfigurato al posto degli Urge Overkill di Girl, You'll Be A Woman Soon in Pulp Fiction. Fra le cose assurde questo stile poppettoso vecchia scuola ricorda persino cose fra Mamas And Papas e Beach Boys (quando non trovavano troppo droga) e spero di non esser fuorviante in questo senso dato che il tutto è diluito con la miriade di altre cose che ho elencato. Se ci pensate bene con tutte queste coordinate si potrebbe dire che Beck potrebbe c'entri nuovamente anche qui (che poi ha fatto cose così diverse fra loro che non ha quasi senso citarlo, lo so), il fatto è si tratta davvero di un minestrone di musica solare fra anticaglie e indie americano (più per il piglio/tiro), fra chitarre degne dei Minutemen e trombe da mariachi e bene o male questo è il rancio. Un disco un po' fuori dai miei ascolti, molto gradevole, strano e adatto per un margarida (se solo sapessi che cazzo è e non mi facesse venire in mente solo la margarina vegetale…).

Tagged under: , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Bruital Orgasme – Méthodologie Contextuelle (Sincope, 2016)

Leggendo il nome del gruppo e conoscendo l’opera di indagine dei più reconditi anfratti del rumore portata avanti dalla Sincope…

25 Nov 2016 Reviews

Read more

St.Ride - Antologia Del Medio Mongoholi Nasi (Setola Di Maiale,…

"Genova's best kept secret", ma sarà davvero un segreto? Alla fine io li ho scoperti con quel piccolo capolavoro (e…

10 Jan 2008 Reviews

Read more

Darkthrone - Underground Resistance (Peaceville, 2013)

E' un bel traguardo per un artista non aver più nulla da dimostrare e, nel caso specifico del terribile duo,…

08 Mar 2013 Reviews

Read more

Dyskinesia - L'Ultimo Giorno (Centre Of Warm/Frohike/Creative Fields, 2008)

In tutta onestà sulle prime avevo un po' snobbato i Dyskinesia, credendo si trattasse del solito combo hardcore che si…

19 Jun 2010 Reviews

Read more

Vetro - Rapido Sguardo Dialettico (Sincope, 2013)

Sincope non è solo una etichetta di musica noise industriale e Massimo Onza ce lo ricorda pubblicando qua e là…

10 Dec 2013 Reviews

Read more

Vortice Di Nulla – The Roundabouts Mania (Trazeroeuno, 2010)

A dispetto delle malinconiche immagini del packaging del cd, si presentano invece rocciosissimi all’ascolto questi Vortice Di Nulla. Si muovono…

15 Jan 2011 Reviews

Read more

Morse Code – The Night An Artificial Light (Monster, 2010)

I redivivi (ex-)Caboto Alessandro Gallerani (chitarra), Alessio Crotti (basso) e Stefano Passini (batteria) mettono insieme un gustoso tritato misto (da…

27 Sep 2010 Reviews

Read more

Gopota – Music For Primitive (Luce Sia, 2016)

“Calandovi nel suono percepirete chiaramente l’emergere di strutture che cercano di dar ordine al rumore, di imbrigliarlo e disciplinarlo” scrivevamo…

16 Dec 2016 Reviews

Read more

Free Nelson Mandoom Jazz - The Shape Of DoomJazz To…

Nell’approcciarsi a questo lavoro, la prima domanda che ci si pone è cosa sia peggio fra il nome che il…

28 Mar 2014 Reviews

Read more

Démodé – S/T (Autoprodotto, 2009)

E’ un pregevolissimo ep di quattro pezzi il debutto, autoprodotto, di questi Démodé di Udine, un sestetto clarinetto, violino, saxofono,…

06 Jan 2011 Reviews

Read more

Very Short Shorts – Background Music For Bank Robberies (Bar…

Assolutamente particolare la proposta di questo trio, che mi sbilancerei a definire jazz folk rock, fin dalla strumentazione utilizzata: violino,…

20 Mar 2011 Reviews

Read more

Arashi – Jikan (PNL, 2019)

Dopo la recente collaborazione del guru della scena free giapponese Akira Sakata (sassofono, clarinetto basso e voce) al progetto New…

20 Jun 2019 Reviews

Read more

Verme Robots - Crawling In The Rush Hour (I make…

La produzione è ottima, buoni musicisti, rock articolato, complesso e raffinato che si muove dai R.A.T.M. fino ai bastioni…

10 Dec 2009 Reviews

Read more

Tetrics - S/T (Autoprodotto, 2012)

I Tetrics nascono come dinamica cover band della provincia anconetana, qui all'esordio con pezzi tutti originali. Apparentemente non ci sono…

11 Jun 2013 Reviews

Read more

My Disco - Little Joy (Shock/Temporary Residence, 2010)

I melbournians My Disco con questo Little Joy rispettano in pieno la regola aurea del rock and roll: infatti, come…

10 Jan 2011 Reviews

Read more

Fuck Buttons - Slow Focus (ATP, 2013)

Sono tornati i giganteschi droni dei Fuck Buttons quando proprio non potevamo più farne a meno. Il vero compromesso tra…

03 Jul 2013 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top