since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

Tag Archives: swans

The Child Of A Creek – Quiet Swamps (Ruralfaune, 2014)

Il secondo album di The Child Of A Creek a uscire nel giro di poche settimane si innesta sul solco dei dischi dell’artista toscano più orientati al folk; non mancano però le differenze, chiare fin dal primo brano, rispetto ai lavori precedenti e ancor più rispetto al gemello omozigota Hidden Tales And Other Lullabies, di cui vi abbiamo detto tempo addietro, come se l’ispirazione del nostro si fosse sdoppiata e procedesse su sentieri sempre più divergenti. …

Read more

Daniele Santagiuliana – Jeremiad (Looney-Tick, 2014)

Da queste parti Daniele Santagiuliana l’abbiamo ascoltato per la prima volta sui dischi del duo Deison & Mingle: esoterico in stile Coil nell’EP Low Blood Pressure, perfettamente calato nella parte nell’album Everything Collapse[d], alle prese con una cover degli Swans. In realtà è attivo da qualche anno sotto vari nomi (Testing Vault, Pariah e Anatomy fra gli altri) e con diverse collaborazioni di valore (Simon Balestrazzi, Corrado Altieri, Gianluca Becuzzi, Egida Aurea…) e questo è il secondo disco a suo nome. …

Read more

NG + Camerata Mediolanense + Khem + (r) – 21/06/2014 Spazio Ligera (Milano)

Si festeggia il solstizio d’estate nei sotterranei del Ligera, un evento per  pochi intimi caratterizzato da un’atmosfera rilassata e familiare. In programma quattro gruppi proveniente dai quattro angoli della penisola, per i quali Milano fa da ideale punto d’incontro: da ovest, Torino, arriva Fabrizio Modonese Palumbo, veneto è Devis Granziera del Teatro Satanico che insieme a Cosimo Mungheri, da Taranto, darà vita al collettivo Khem; Camerata Mediolanense fa  gli onori casa. …

Read more

Deison & Mingle – Everything Collapse(d) (Aagoo/Rev Laboratories, 2014)

Pochi mesi fa un interessante articolo di Antonio Ciarletta su Blow Up, intitolato New Millenarism, prendeva in esame alcuni album capaci di cogliere lo spirito del tempo presente, tornando alla narrazione dopo gli anni della rinuncia dettata dal post-moderno. I lavori analizzati erano Tomorrow’s Harvest dei Boards Of Canada insieme ai più recenti dischi di Jer Moff e Paul Jebanasam, ma non dubito che, fosse stato già disponibile, anche Everything Collapse(d) avrebbe fatto parte del lotto. …

Read more
Back to top