since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

Tag Archives: nicola ratti

Quasiviri – Super Human (Wallace/Bloody Sound Fuctory/Fallo/HYSM?/Morte/Megaplomb/To Loose La Track, 2014)

Il ritorno in pista, con una serie di nuove uscite, di un’etichetta storica (ma fortunatamente non ancora da storicizzare) come la Wallace è decisamente una buona notizia. Meno entusiasmo, lo ammetto, aveva destato in me la notizia del terzo parto dei Quasiviri da cui, pur riconoscendo le doti tecniche e la fantasia compositiva, non ero mai stato conquistato. Super Human cambia radicalmente le cose; per scrupolo sono andato a risentirmi i due lavori precedenti alla ricerca di qualcosa che mi fosse sfuggito, ma sento di potermi assolvere con formula piena: il gruppo è cresciuto enormemente e con questo album trova la quadratura del cerchio. …

Read more

Sanlupo – For Chorus, Cello & Electronics – 17/11/12 Ex Oratorio di San Lupo (Bergamo)

Capita spesso che si organizzino eventi in ambienti insoliti, dando così la possibilità di restituire questi luoghi al pubblico, di farli rivivere e dar loro, insieme a una nuova destinazione d’uso, anche la possibilità di una nuova vita. Non è propriamente questo il caso dell’ex Oratorio di San Lupo, già in passato utilizzato per mostre ed eventi, ma quello che si cerca di fare stasera è restituirlo alla sua originale funzione, quella di ambiente creato per la musica. Anche se certamente, non questo tipo di musica. …

Read more

Ubik – Circadian Rythms, Sleep Disorder (Farmacia901, 2012)

E’ sorprendente che quando meno te lo aspetti esca sempre qualche disco capace di sorprenderti per gusto, qualità e fatto da qualcuno che non sia uno dei soliti nomi del circuito. Ma di quale circuito stiamo parlando? Di un certo tipo di musica sperimentale italiana che qui da noi si conosce ma che tutto sommato non ha spazio e che solitamente incide all’estero dove forse c’è più attenzione ad un certo tipo di sensibilità. …

Read more

Nicola Ratti – 220 Tones (Die Schachtel, 2011)

Immagino che già il nome di Nicola Ratti vi dica qualcosa, ma per i più distratti giova ricordare che si tratta del chitarrista dei Ronin, dei furono Pin Pin Sugar, di un collaboratore di David Grubbs, Giuseppe Ielasi e di Dean Roberts, oltre che di un autore solista che spesso è arrivato ail’attenzione del pool di The Wire (e l’ultima cosa è stata ottenuta senza comprarsi gli spazi pubblicitari e/o lo spazio sui sampler dell rivista come invece hanno fatto altri). La consacrazione su Die Schachtel? Ma no, non esattamente, nel senso che questo ragazzo dai primi esordi con Prontuario Per Giovani Foglie ha fatto parecchia strada e direi che come per Ielasi, ogni uscita è mediamente una garanzia per ciò che concerne il gusto e la qualità della musica.

Read more
Back to top