Susanna Gartmayer – AOUIE, Solos For Bass Clarinet (Chmafu/God, 2015)

New York’s Alright If You Like Saxophones, dicevano i Fear; se invece amate il clarinetto, la città che fa per voi è Vienna. Susanna Gartmayer, appunto viennese, è una pittrice che ha studiato in alcune delle più prestigiose accademie d’Europa, fra cui la Glasgow School Of Art; come musicista è invece autodidatta e presta le sua ance a Broken.Heart.Collector, Dirac, The Vegetable Orchestra, Möström, tutte ensemble che si muovono al confine fra rock sperimentale, improvvisazione e contemporanea: AOUIE è il suo esordio come solista.
Come dice chiaramente il titolo, è il clarinetto basso l’assoluto protagonista di questo disco: la Gartmayer ne saggia le qualità timbriche, melodiche ed espressive con gran classe, senza mai abbandonarsi a vuoti tecnicismi ma mantenendo sempre una certa comunicatività e fruibilità, all’insegna di un jazz inteso più come spirito che come stile. Lo stesso controllo dello strumento, che non viene mai meno, non va a scapito della spontaneità e dello spirito di ricerca, come evidenzia l’incredibile 0339 O, che evoca l’Africa coi soli ritmi ottenuti percuotendo lo strumento e schiacciando le chiavi, senza soffiare nell’ancia. Notevoli sono anche l’insistente 0357 AE, col suono che si spegne e risale di continuo, l’angosciante e quasi afono 0214 U, i blocchi di suono austeri di 0442 E (unico brano eseguito col contralto e registrato non in studio ma nella chiesa di St. Ruprecht), il più dinamico e quasi incazzato 0534 A; se contate che i due brani che non ho citato – e che completano la raccolta – non sono da meno, avrete la misura della qualità del lavoro. Elemento essenziale per valorizzare un disco come questo è la registrazione che cattura, oltre alla grande varietà di multiphonic, ogni respiro della musicista, i colpi sullo strumento, le risonanze di un piano presente in un paio di pezzi: non semplici accidenti, ma elementi che contribuiscono, al pari del suono del clarinetto, a connotare i brani e a donare loro espressività. In AOUIE, con un solo strumento all’opera per meno di mezz’ora, si trovano più inventiva, emozioni e trasporto che nei repertori di tutti gruppi jazz-core che impestano il pianeta: un ascolto esaltante e allo stesso tempo istruttivo.

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Hoch/Tief - S/T (Arctic Rodeo, 2011)

E' da vent'anni ormai che la band di Stoccarda calca il palco dell'indie rock: non è stata una proprio una…

22 Aug 2011 Reviews

Read more

Little Black Dress - Dunes EP (Idol, 2013)

Gli EP sono creature strane. Benedetti se si deve parlare di qualcosa che è mediocre, terribilmente dolorosi se si tratta…

02 Aug 2013 Reviews

Read more

New Processean Order – Hymns To The Great Gods Of…

Pare che sia l’Italia il nuovo centro d’irradiazione della Chiesa Del Giudizio Finale, meglio nota come The Process, culto fondato…

08 Oct 2014 Reviews

Read more

Barachetti/Ruggeri – White Out (Ribéss/DreaminGorilla, 2016)

Luca Barachetti (già voce nei post-blues Bancale) ed Enrico Ruggeri (ex Hogwash e da tempo impegnato come solista presso tutt’altri…

09 Sep 2016 Reviews

Read more

Perturbazione - 30/05/08 Morya (Cellatica - BS)

Mi aspettavate, lo so. Eccomi dunque all'esordio su queste pagine a portarvi un po' di sano spirito padano. Indosso l'elmo…

02 Jun 2008 Live

Read more

METTICI LA MUSICA! Alessandro Fiori e Topazio Perlini - 20.11.2021…

Di questi tempi i concerti...diciamo che si fa quel che si può. Costanza e fisico non sono più quelli di…

28 Nov 2021 Live

Read more

Autoblastingdog - HermesLyre (Autoprodrodotto, 2010)

Non male davvero l'esordio di questi quattro giovanotti sperduti nei monti amiatini. La forza d'urto è notevole e, nonostante…

28 Aug 2010 Reviews

Read more

Sodastream - Reservations (Trifekta/ Homesleep, 2006)

Oramai mi sa che abbiamo speso tutti gli elogi possibili per questo gruppo australiano, così amato dalle nostre parti. Tanto…

27 Oct 2006 Reviews

Read more

Vanessa Van Basten - La Stanza Di Swedenborg (Eibon, 2006)

Uno dei gruppi genovesi più "chiaccherati" del momento? Non saprei, non abitando neppure nella Superba dura valutarne la fama in…

26 Feb 2007 Reviews

Read more

Gregor Samsa - Rest (Own, 2008)

I Gregor Samsa tornano con un nuovo disco, dopo il bellissimo 55:12. Per fortuna non ripetono esattamente la formula con…

25 Apr 2008 Reviews

Read more

Astral Brew - Red Soil (Macina Dischi, 2018)

Navigatori di lungo corso intrecciano le trame di questa sorta di concept spaziale a metà strada tra l'impro jazz colto…

25 Oct 2018 Reviews

Read more

D.B.P.I.T. / Xxena – Alien Symbiosis (Deserted Factory, 2008)

Per chi non si ricordasse D.B.P.I.T. sta per Der Bekannte Post-Industrielle Trompeter che al secolo è Flavio Rivabella, quest'ultimo oltre…

29 Nov 2008 Reviews

Read more

Land Lines - S/T (Cash Cow Production, 2013)

Dopo un periodo di pausa tornano tre quarti dei Matson Jones con un nuovo nome: Land Lines. Per chi non…

30 Sep 2013 Reviews

Read more

High On Fire - De Vermis Mysteriis (E1 Music, 2012)

Inarrestabili Matt Pike e soci tornano con il sesto album: ancora una volta un lavoro avvolto dentro una fitta nebbia…

29 Nov 2012 Reviews

Read more

Paolo Cantù: soltanto io, da solo.

Paolo Cantù si è fatto le ossa in seminali gruppi dell'industrial italiano all'inizio degli anni '80, ha suonato la chitarra…

17 Nov 2012 Interviews

Read more

Blastula – Lingue Di Fuoco (Aimusic/Ambria Jazz, 2012)

Ecco di nuovo il duo voce-batteria messo in piedi da Monica Demuru e Cristiano Calcagnile: fa piacere vedere che simili…

06 Mar 2013 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top