Superportua – Resterai Sempre Uno (Shyrec/Soviet/Sisma Mvmnt, 2018)

Non si può non provare simpatia per i Superportua: raramente mi è capitato di sentire un gruppo che tirasse fuori con tanta cura e passione riferimenti così poco spendibili nell’attuale mercato discografico.  Il sestetto trevigiano, all’esordio sulla lunga distanza dopo un paio di EP, sembra cristallizzare il post-punk di casa nostra un attimo prima che i chitarroni arrivino a trasformarlo in quella porcheria di rockettoneitaliano che avrebbe dominato la scena a cavallo del ’90. Su questa base innestano – non sarà originale ma è molto ben fatto – dosi di autorialità ricercata ma non stucchevole: anche qua, ne converrete, siamo fuori da qualsiasi trend. Se i tesi fanno la parte del leone, affrontando l’amore anche nei suoi aspetti più scabrosi, la musica li supportata a dovere senza essere un semplice sfondo, con un basso che spiana la strada a tastiere e chitarre intente a disegnare linee nette ma mai troppo invadenti. In Resterai Sempre Uno, al netto di qualche traccia dimenticabile, troviamo almeno un terzetto di brani che esprime appieno le potenzialità del gruppo: Credervi Santi, giustamente pezzo apripista,e a sola mezza lunghezza il tribalismo urbano di A-Mantide e Permafrost, con il testo che trasforma l’amore in epica e il suono che ha il sapore da Litfiba pre-Desaparecido (influenza che echeggia spesso). Altrove ci sono spunti interessanti – Corposcoglio, L’ultimo Giorno (Di Un’Altra Vita), col violino di Nicola Manzan/Bologna Violenta che conferisce coloriture mediterranee o la ballata Luce, che mi ha ricordato gli ingiustamente dimenticati varesini Lo.Mo – ma manca un po’ la capacità di far uscire la parte più istintiva di sé, come se la registrazione avesse smussato gli spigoli, facendo perdere espressività al tutto: è un’impressione, ma dal vivo, senza la possibilità di indugiare troppo, queste canzoni dovrebbero trovare la perfetta quadratura. A un gruppo all’esordio si dice talvolta che c’è tanto lavoro da fare; i Superportua, che proprio esordienti non sono, devono solo farlo in modo un po’ diverso.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Tupolev - Tower Of Sparks (Valeot, 2010)

Nome russo come pure uno dei componenti, ma equipaggio in prevalenza austriaco, tanto che si tratta di un disco fatto…

19 Jan 2011 Reviews

Read more

Paul Beauchamp - Grey Mornings (Boring Machines, 2017)

Temperatura controllata sui 25° per accompagnare il sonno indotto di un viaggio nello spazio. Anni luce sicuramente. Il delicato album…

03 Jul 2017 Reviews

Read more

Fuzz Orchestra – 09/09/10 Locanda di Campagna (Lonato – BS)

Riparte la stagione concertistica della Locanda (stasera è il terzo appuntamento) e arrivano i Fuzz Orchestra, che già qualche volta…

14 Jul 2010 Live

Read more

Nedry - In A Dim Light (Monotreme, 2012)

Si dice che nel Regno Unito si stia evolvendo una nuova scena musicale tutta dedita a sonorità che, fino a…

12 Apr 2012 Reviews

Read more

Chaos Physique – The Science Of Chaotic Solutions (Jestrai, 2009)

Il nuovo progetto di Amaury Cambuzat, a suo tempo negli Ulan Bator, condiviso con Diego Vinciarelli e Pier Mecca, si…

21 Oct 2009 Reviews

Read more

Mingle & The Land Of The Snow -Vuoto/Leere (Luce Sia,…

C’è in rete un video di Giovanni Lindo Ferretti girato sulle sue montagne, pochi secondi di ripresa e una breve…

20 Jan 2017 Reviews

Read more

Clock DVA – 18/10/2014 Interzona (Verona)

Dopo la data saltata all’ultimo momento la scorsa primavera, finalmente si concretizza la possibilità di vedere i Clock DVA all’Interzona,…

24 Oct 2014 Live

Read more

Lola's Dead – Those Who Read Between The Lines (Autoprodotto,…

Diciamo che, solitamente, quando chi suona decide di cambiare genere, cambia persone con cui suonare. Diciamo anche che ci sono…

24 Mar 2011 Reviews

Read more

Rock And The City - Sex, Drugs & (Fake) Rock…

Perché Chris Robinson è di nuovo single? Che c'entra col punk di New York? Che ruolo ha mai Kate Moss…

02 Sep 2006 Articles

Read more

Quasi per caso... in Islanda

Lassù è un po' come trovarsi ai confini del mondo: te ne accorgi dal paesaggio, lo senti dal vento artico,…

27 Sep 2006 Articles

Read more

Comaneci - You A Lie (Madcap Collective/Fooltribe/Here I Stay, 2009)

I Comaneci riducono l'organico, sono ora solo Francesca Amati e Glauco Salvo ed escono dalla cura dimagrante più in forma…

30 Oct 2009 Reviews

Read more

Fukjo - La Musica, Il Mare E La Deriva Occidentale…

Raffinato shoegaze nineties per questo inaspettato duo pugliese (Cerignola) che seppur dedito ad un cantato italiano nulla ha da invidiare…

02 Mar 2020 Reviews

Read more

Autoblastingdog - HermesLyre (Autoprodrodotto, 2010)

Non male davvero l'esordio di questi quattro giovanotti sperduti nei monti amiatini. La forza d'urto è notevole e, nonostante…

28 Aug 2010 Reviews

Read more

Aucan + Cheap Orchestra - 27/03/10 Interzona (Verona)

Non è molto che abbiamo avuto occasione di parlare degli Aucan dal vivo: circa otto mesi, solitamente insufficienti a registrare cambiamenti…

28 Mar 2010 Live

Read more

The White Mega Giant - TWMG (Shyrec, 2014)

Tornano i The White Mega Giant dopo l'ottimo biglietto da visita di Antimacchina, una sorta di fotografia di ciò che…

22 Sep 2014 Reviews

Read more

Chupaconcha - Mmxi Annus Conchae (Tan, 2010)

Non so se nel caso di questo duo parlerei di "fuga dei cervelli", semmai essendo un duo batteria-tromba parlerei di…

23 Apr 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top