Superportua – Resterai Sempre Uno (Shyrec/Soviet/Sisma Mvmnt, 2018)

Non si può non provare simpatia per i Superportua: raramente mi è capitato di sentire un gruppo che tirasse fuori con tanta cura e passione riferimenti così poco spendibili nell’attuale mercato discografico.  Il sestetto trevigiano, all’esordio sulla lunga distanza dopo un paio di EP, sembra cristallizzare il post-punk di casa nostra un attimo prima che i chitarroni arrivino a trasformarlo in quella porcheria di rockettoneitaliano che avrebbe dominato la scena a cavallo del ’90. Su questa base innestano – non sarà originale ma è molto ben fatto – dosi di autorialità ricercata ma non stucchevole: anche qua, ne converrete, siamo fuori da qualsiasi trend. Se i tesi fanno la parte del leone, affrontando l’amore anche nei suoi aspetti più scabrosi, la musica li supportata a dovere senza essere un semplice sfondo, con un basso che spiana la strada a tastiere e chitarre intente a disegnare linee nette ma mai troppo invadenti. In Resterai Sempre Uno, al netto di qualche traccia dimenticabile, troviamo almeno un terzetto di brani che esprime appieno le potenzialità del gruppo: Credervi Santi, giustamente pezzo apripista,e a sola mezza lunghezza il tribalismo urbano di A-Mantide e Permafrost, con il testo che trasforma l’amore in epica e il suono che ha il sapore da Litfiba pre-Desaparecido (influenza che echeggia spesso). Altrove ci sono spunti interessanti – Corposcoglio, L’ultimo Giorno (Di Un’Altra Vita), col violino di Nicola Manzan/Bologna Violenta che conferisce coloriture mediterranee o la ballata Luce, che mi ha ricordato gli ingiustamente dimenticati varesini Lo.Mo – ma manca un po’ la capacità di far uscire la parte più istintiva di sé, come se la registrazione avesse smussato gli spigoli, facendo perdere espressività al tutto: è un’impressione, ma dal vivo, senza la possibilità di indugiare troppo, queste canzoni dovrebbero trovare la perfetta quadratura. A un gruppo all’esordio si dice talvolta che c’è tanto lavoro da fare; i Superportua, che proprio esordienti non sono, devono solo farlo in modo un po’ diverso.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Adamennon – Mortuary Chambers (Autoprodotto/Corpocavernoso, 2010)

Il nuovo, sofferto parto dell'oscuro Adamennon, musicista dark-ambientale e adepto del culto del Megawolf, lascia poco spazio all'immaginazione fin da…

25 Oct 2010 Reviews

Read more

Daniele Santagiuliana - Imbecile EP (Looney-Tick, 2014)

A sorpresa, pochi mesi dopo il convincente Jeremiad (dal quale Mingle ha recentemente estratto un riuscito remix) Daniele Santagiuliana ritorna…

26 Nov 2014 Reviews

Read more

Betzy - Romancing The Bone (Lady Lovely, 2010)

La profezia che preconizzo a Fabio Cussigh è predestinazione al successo per tutta una serie di buoni motivi. Pur…

12 Feb 2010 Reviews

Read more

Olyvetty - Nothing To Eat 10” (A Dear Girl Called…

Quinta produzione e quinto tipo di supporto testato (dopo il 7", il CD-R, l'LP one side e la cassetta) per…

22 Dec 2009 Reviews

Read more

Redwood Hill/Hexis – Split 7” (Shove/Enjoyment/Boue/Bookhouse e altre, 2013)

La nostrana Shove, in combutta con un manipolo di altre etichette dedite a suoni non proprio da educande, ci propone…

26 Mar 2014 Reviews

Read more

Vittorio Cane - ST (Innabilis, 2006)

Bugo vive. E buon per lui. Il fatto è che una domanda sorge spontanea: avevamo bisogno di un Vittorio Cane…

18 Aug 2006 Reviews

Read more

Sonic Youth - Simon Werner A Disparu (SYR, 2011)

Come abitudine da qualche anno a questa parte i Sonic Youth, parallelamente alla loro discografia diciamo "ufficiale" e su major,…

07 Apr 2011 Reviews

Read more

Marcus Fjellstrom - Epilogue M EP (Rev Laboratories/Aagoo, 2013)

Marcus Fjellstrom è un musicista elettronico qui al suo quinto disco: il background contemporaneo e da colonna sonora si sente…

26 Jul 2013 Reviews

Read more

Eniac - Camera 121 (Many Feet Under, 2013)

Nell'attesa della pubblicazione dell'album registrato a partire dalla sua residenza d'artista americana ad I-Park, il nostro Fabio Battistetti aka Eniac…

15 Jul 2013 Reviews

Read more

Eremite - Dragonarius (Taxi Driver, 2013)

Esordio genovese con tutte le caratteristiche per accattivarsi gli amanti di ogni declinazione di (post) metal moderno. Le elucubrazioni di…

07 May 2013 Reviews

Read more

Echran - In Offret (A Silent Place/MGF, 2010)

Quasi non ci speravo più in questo disco, la data del mastering di Ielasi reca 2007, quindi direi che si…

25 May 2010 Reviews

Read more

Urbanightmare - Nightride Of An Italian Saxophone Player (Revenge/Fonoarte, 2015)

Ennesimo progetto per il decano Bruno Romani (Detonazione, No Guru) sempre alle prese con il suo strumento principe (accompagnato qui…

23 Nov 2016 Reviews

Read more

Psychocandy - Le Canzoni Dei Folli (Autoprodotto, 2006)

Buon prodotto di stampo tipicamente americano per questi quattro metallari del mezzogiorno che porano in giro il nome Psychocandy. Benché…

18 Aug 2007 Reviews

Read more

Der Blutharsch + Deutsch Nepal + Bain Wolfkind + Varunna…

La primavera sta portando da queste parti alcuni nomi storici della scena post-industriale e dintorni: dopo Brighter Death Now e…

30 Mar 2012 Live

Read more

Corpoparassita/thisGrey Hates The Sun – Final Muzik CD Singles Club…

Ve li ricordate i singles club? Negli anni ’90 molte etichette importanti - dalla Rough Trade alla Kill Rock Stars…

06 Mar 2014 Reviews

Read more

700Bliss - Nothing To Declare (CD Hyperdub, 2022)

Niente da dichiarare. Ho ripetuto questa frase migliaia di volte vivendo a stretto contatto di un confine, quello svizzero italiano. Nothing…

22 Jun 2022 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top