St.Ride – Volume 2 (Niente, 2009)

Ritornano gli St.Ride con il "solito" ottimo disco… e me l'hanno dovuto dire che il cd era il loro, visto che dai cdr della Niente records non si capisce praticamente nulla e ok l' "arte", ok la provocazione, ok che se tutti i cd fossero bianchi e senza scritte un casino di giornalisti andrebbero in paranoia nel rischio di parlare male delle persone sbagliate, ok il d.i.y. con cui chiunque prende in mano il proprio destino (ma de, che ma dove!?), tutto quello che volete… ma l'unica cosa che mi ha fatto venire in mente la grafica di questo cd è che se lo specchio fosse stato vero l'avrei potuto passare a qualche vecchio amico che fa uso di "bianca signora".
Superato il disagio visuale c'è il disagio sonoro, ma quello è un piacere, infatti ci consegna una nuova evoluzione degli St.Ride in cui Maurizio Gusmerini ed Edo Grandi come sempre snocciolano tracce molto particolari e produzione ineccepibile. I suoni ottimi in un disco spesso aiutano, ma non bastano a farne un buon lavoro, il fatto è che i due genovesi sono partiti come duo quasi elettronico-sperimentale su Snowdonia, da una frammentazione stile Starfuckers si sono spostati a cose più morbide con Piume Che Cadono dove talvolta sembrano dei Mouse on Mars senza forma canzone in crisi epilettica (praticamente un capolavoro di frattaglie appena accennate fra idm-melodia-canzo…ancor oggi splendido), sono diventati più cerebrali e a loro modo elettroacustici nella fase su Setola di Maiale, ma a quanto pare stanno attraversando una nuova fase. "In tempi duri i duri incominciano a giocare", Grandi e Gusmerini non avendo mai smesso di giocare non hanno fatto altro se non indurirsi, con il primo risultato non così ovvio di aver prodotto un disco che fotografa degli St.ride noiseggianti e quasi industrial. A quanto pare hanno introdotto la chitarra e Grandi non ha fatto economia di saturazioni/distorsioni, nonostante ciò è tutto calibrato come sempre, ritroverete i loro caratteristici frammenti vocali, i soliti loop sghembi tagliati a colpi di mannaia, però compaiono più suoni che ricordano vagamente lamiere, filtri, rumore bianco di varia natura, tappeti e ripetizioni che vista la loro discografia precedente sono praticamente una novità. Se i liguri dei primi due album erano quasi melodici e persino memorizzabili (Piume che cadono), con questo nuovo disco sono ripiombati irrimediabilmente nel grigio. Cupo, epilettico, ruvido e vagamente ossessivo, gran bel disco.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Rock And The City - La Storia Siamo Noi

Sosteneva Lukàcs che il compito del genio è mettere ordine tra le cose, che per deduzione equivale a dire che…

10 Feb 2007 Articles

Read more

Cagna Schiumante - S/T (Tannen, 2014)

Scorticare fino a raggiungere l'essenza stessa. Le tracce di questo lavoro sono canti di muezzin ubriachi e storti declamati sbavando…

26 Sep 2014 Reviews

Read more

Nicolas J. Roncea - Eight (Part One), (Autoprodotto, 2014)

Abbiamo già avuto modo di conoscere ed apprezzare Nicolas J. Roncea in quanto membro degli eccellenti Io Monade Stanca e…

29 Jul 2014 Reviews

Read more

Franz Rosati – Black Body Radiation (Manyfeetunder, 2015)

Franz Rosati riprende in discorso iniziato con l’album Ruins un paio di anni fa e con Black Body Radiation lo…

21 Mar 2016 Reviews

Read more

WK569 – Omaggio A Marino Zuccheri (Boring Machines, 2017)

Tempo, spazio e suono devono essere ben stranamente allineati in quel della Val Camonica (Brescia). Mesi fa vi parlammo dell’ottimo…

31 Jan 2018 Reviews

Read more

Monaci Del Surf - S/T (Inri, 2012)

Frizzantissimo terzetto perfetto per l'estate che non vuol decollare. In un mondo civile questi tre wrestler messicani (o di Mirafiori?!)…

06 Jun 2012 Reviews

Read more

Barnacles – One Single Sound (Boring Machines, 2017)

Salto i preamboli dato che di Barnacles, nome dietro cui si nasconde Matteo Uggeri (già Sparkle In Grey), vi abbiamo…

28 Jun 2017 Reviews

Read more

Makhno/HaveyousaidMakhno - Digital 7” (Neon Paralleli/Brigadisco/HYSM?/Wallace, 2013)

L'alias di Paolo Cantù torna a farsi sentire con un 7" digitale, presentato con grafica e immagini del vinile come…

02 Jul 2013 Reviews

Read more

Deison & Mingle – Everything Collapse(d) (Aagoo/Rev Laboratories, 2014)

Pochi mesi fa un interessante articolo di Antonio Ciarletta su Blow Up, intitolato New Millenarism, prendeva in esame alcuni album…

12 May 2014 Reviews

Read more

Don Vito/Bogong In Action – Split 7” (Lemming/Brigadisco et al.,…

Merita una segnalazione questo split in vinile diviso fra Don Vito, gruppo che, a discapito del nome, proviene dalla Germania …

20 Jan 2012 Reviews

Read more

Default Jamerson - Stable Government And Adequate Sanitation (Sabbatical, 2008)

Sabbatical è una etichetta di musica sperimentale portata avanti da Leith, Mark, autore di quasi tutte le grafiche e Marcus,…

07 Nov 2009 Reviews

Read more

Ultravixen – Avorio Erotic Movie (Wallace, 2008)

No, amici niente tettone all'orizzonte, anzi, banane au go-go, ma non quelle che lucidate guardandovi film di Meyer, bensì quelle…

04 Dec 2008 Reviews

Read more

RPWL - World Through My Eyes (SPV/InsideOut, 2005)

Pur continuando a turbinare nel girone progressivo scatologico, stavolta, ammetto di esser incappato in qualcosa di interessante ed anche prezioso.…

13 Sep 2006 Reviews

Read more

Gianluca Becuzzi/Luigi Turra - In Winter (Silentes, 2012)

Gianluca Becuzzi e Luigi Turra pubblicano per la prima volta un disco assieme, dopo aver collaborato sotto diverse forme per…

04 Dec 2012 Reviews

Read more

Rainer Maria - Catastrophe Keeps Us Together (Grunion, 2006)

Even if Rainer Maria are an emo band, Catastrophe Keeps Us Together is not an emo album. Con questa citazione…

24 Jul 2006 Reviews

Read more

Fabrizio Ottaviucci - Ragapiano (Odd Times, 2009)

Da pseudo-relativista (che grazie a Dio non sono) e da seguace della ricostruzione storica individuale, o forse solo da "rosicone"…

22 Dec 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top