St.Ride – Quando Arrivo Arrivo (Niente, 2012)

Immagino sia impossibile chiedere al duo composto da Edo Grandi e Maurizio Gusmerini di rimanere fermo in un punto; così, dopo gli ottimi risultati in ambito off-pop di Tutto Va Bene, gli St.Ride danno un taglio alle melodie sghembe e al cantato in italiano e riprendono il discorso di Primitivo, mettendo in mostra il loro lato meno rock. Ammetto che un po’ mi spiace, avevo molto amato pezzi “da classifica” come Mi Piaci e Mi Annoio, ma anche in questo nuovo episodio non mancano le ragioni d’interesse.
In realtà, più che una brusca sterzata, Quando Arrivo Arrivo sembra la versione fratturata e scarnificata del predecessore, a cui sono state asportate con chirurgica precisione alcune parti: il risultato è una reinvenzione completa. Come fossero ingegneri del suono di una dimensioni parallela, gli St.Ride progettano e inscenano una continua lotta fra suoni spigolosi e silenzio, costruendo con maniacale attenzione strutture che seguono geometrie insolite, ma che, alla prova dei fatti, stanno in piedi. È il caso, ma prendete l’indicazione del genere col beneficio d’inventario, del funk aritmico di Topi Sulla Lavagna e Quando Arrivo Arrivo, dell’hip hop irregolare di Accelerazione Anagrammatica, del free sottosopra di Arrotolo Spirito Pratico, dove la chitarra dà un vago ritmo e tutto il resto va apparentemente per conto suo. Per quanto, a un ascolto superficiale, possa sembrare un esercizio di estro gratuito, Quando Arrivo Arrivo (e in generale tutta l’opera degli St.Ride), è in realtà una studiata e intrigante ricerca di equilibri “altri”, senza che si faccia uso delle facili scappatoie dell’ironia e del nonsense: basta dare un’occhiata ai titoli, talvolta davvero geniali, figli di un dadaismo capace di svelare, con un fulmineo accostamento, l’essenza delle cose. E in questa logica non può essere un caso trovare, verso la fine, un pezzo bellissimo come Canotto Con Cartella, tre minuti e mezzo di ritmi regolari, voce tremolante, chitarra che punteggia un’atmosfera lirica e notturna (beninteso, in stile St.Ride) e sembra volerci dire che il nostro mondo è ancora lì, semplicemente coesiste con tutte le altre realtà: è solo una delle tante possibili.

Tagged under:

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Vulturum - Vivi Di Luce Riflessa/Voraussage 12" (Sangue Dischi/Trips Und…

Il tempo vola e sono già passati due anni dall'apprezzato Vineta. Dopo una serie ben congegnata di concerti, tornano i…

06 Feb 2011 Reviews

Read more

Amklon - Collision Of Absolutes (Boring Machines, 2016)

Sapere che nel progetto Amklon sono coinvolti Sergio Albano (Grizzly Imploded, Drowning In Wood, Monte Ossa) e il musicista elettronico…

12 Dec 2016 Reviews

Read more

Catherine Graindorge ft. Iggy Pop - The Dictator EP (Glittebeat,…

Iggy Pop si sta sempre più svelando come Dj capace e curioso (recente il suo passaggio degli Skiantos nella sua…

20 Sep 2022 Reviews

Read more

Lola's Dead – Those Who Read Between The Lines (Autoprodotto,…

Diciamo che, solitamente, quando chi suona decide di cambiare genere, cambia persone con cui suonare. Diciamo anche che ci sono…

24 Mar 2011 Reviews

Read more

Il Pan Del Diavolo - S/T ( 800A/Malintenti, 2009)

Avevamo terribilmente bisogno di questo duo siciliano: al 50% amaro come una sbronza cattiva e al 50% dolce e…

18 Feb 2009 Reviews

Read more

The Shipwreck Bag Show - Il Tempo... Tra Le Nostre…

    Forse è eccessivo definire questo un album di canzoni sebbene "ubriache e sbilenche", come fa il comunicato stampa che lo…

10 Apr 2009 Reviews

Read more

Brain In Vain – Inner Crowd (Monster, 2010)

Ancora bella musica dalla Monster, ancora, da ex-Caboto, musica che trova il coraggio d’esser coraggiosa: la tentazione di copia-incollare qui…

02 Jan 2011 Reviews

Read more

Snew - Snew You (Autoprodotto, 2008)

Non credo proprio che il nuovo Chinese Democracy riuscirà a riportare in auge lo street rock n'roll quanto lo…

30 Nov 2008 Reviews

Read more

Simon Balestrazzi – Redshift (Azoth, 2018)

Si presenta con una grafica concettuale piuttosto interessante Redshift, il nuovo album di Simon Balestrazzi, efficace controparte visiva di un’uscita…

22 Feb 2019 Reviews

Read more

Scosse Elettriche - Rock Cut (MC Non Piangere, 2022)

Registrato nel corso del 2020 da Davide Zolli e Riccardo Sinigaglia. Batteria e percussioni il primo, piano, tastiere, sintetizzatori e…

17 May 2022 Reviews

Read more

Stefano Giaccone - Città Nuova (Fondo Giaccone, 2022)

Buttarsi a capofitto in un disco, senza provare a leggerne contenuti ed autori. Iniziando una mattina di settembre, cane a fianco.…

22 Sep 2022 Reviews

Read more

Body/Head – The Switch (Matador, 2018)

Il primo disco dei Body/Head ha riportato allo scoperto tutto lo spleen di una scena d’altri tempi, di quando a…

04 Sep 2018 Reviews

Read more

The Pattern Theory - S/T (Valeot, 2011)

Chissà se Ulf Grenander, lo statistico svedese che formulò la Teoria dei Modelli (pattern), avrebbe mai pensato di ispirare così…

03 May 2011 Reviews

Read more

AA.VV. - Damn! Freistil Samplerin #3 (Chmafu, 2013)

Arriva al terzo capitolo la compilation in collaborazione fra la Chmafu Records e il giornale Freistil che raccoglie i contributi…

26 May 2014 Reviews

Read more

Micah Gaugh Trio - The Blue Fairy Mermaid Princess (Africantape,…

 Jazz, free, songwriting... non vi basta? Bello, bello, bello. Potrei chiudere qui e dirvi di andare a recuperare questo disco,…

05 Apr 2013 Reviews

Read more

Thee Oh Sees - Putrifiers II (In The Red, 2012)

Non sapendo da dove cominciare, con i californiani Thee Oh Sees, (da O.C.?), credo non sia male, se ancora non…

25 Oct 2012 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top