St.Ride – Quando Arrivo Arrivo (Niente, 2012)

Immagino sia impossibile chiedere al duo composto da Edo Grandi e Maurizio Gusmerini di rimanere fermo in un punto; così, dopo gli ottimi risultati in ambito off-pop di Tutto Va Bene, gli St.Ride danno un taglio alle melodie sghembe e al cantato in italiano e riprendono il discorso di Primitivo, mettendo in mostra il loro lato meno rock. Ammetto che un po’ mi spiace, avevo molto amato pezzi “da classifica” come Mi Piaci e Mi Annoio, ma anche in questo nuovo episodio non mancano le ragioni d’interesse.
In realtà, più che una brusca sterzata, Quando Arrivo Arrivo sembra la versione fratturata e scarnificata del predecessore, a cui sono state asportate con chirurgica precisione alcune parti: il risultato è una reinvenzione completa. Come fossero ingegneri del suono di una dimensioni parallela, gli St.Ride progettano e inscenano una continua lotta fra suoni spigolosi e silenzio, costruendo con maniacale attenzione strutture che seguono geometrie insolite, ma che, alla prova dei fatti, stanno in piedi. È il caso, ma prendete l’indicazione del genere col beneficio d’inventario, del funk aritmico di Topi Sulla Lavagna e Quando Arrivo Arrivo, dell’hip hop irregolare di Accelerazione Anagrammatica, del free sottosopra di Arrotolo Spirito Pratico, dove la chitarra dà un vago ritmo e tutto il resto va apparentemente per conto suo. Per quanto, a un ascolto superficiale, possa sembrare un esercizio di estro gratuito, Quando Arrivo Arrivo (e in generale tutta l’opera degli St.Ride), è in realtà una studiata e intrigante ricerca di equilibri “altri”, senza che si faccia uso delle facili scappatoie dell’ironia e del nonsense: basta dare un’occhiata ai titoli, talvolta davvero geniali, figli di un dadaismo capace di svelare, con un fulmineo accostamento, l’essenza delle cose. E in questa logica non può essere un caso trovare, verso la fine, un pezzo bellissimo come Canotto Con Cartella, tre minuti e mezzo di ritmi regolari, voce tremolante, chitarra che punteggia un’atmosfera lirica e notturna (beninteso, in stile St.Ride) e sembra volerci dire che il nostro mondo è ancora lì, semplicemente coesiste con tutte le altre realtà: è solo una delle tante possibili.

Tagged under:

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

VV. AA. - Cinque pezzi facili 5 (Under My Bed,…

Capolinea per la serie Cinque Pezzi Facili: quinto capitolo, ultimi due gruppi. E finalmente, accostando le copertine, potrete riconoscere il…

20 Feb 2013 Reviews

Read more

Simon Balestrazzi – Redshift (Azoth, 2018)

Si presenta con una grafica concettuale piuttosto interessante Redshift, il nuovo album di Simon Balestrazzi, efficace controparte visiva di un’uscita…

22 Feb 2019 Reviews

Read more

Runes Order - Re: Murders (Luce Sia, 2018)

Per la serie "recuperi e ricorsi storici" la Luce Sia si tuffa nelle tenebre del passato per riesumare un altro…

07 Feb 2019 Reviews

Read more

Kinetix - Absolute Grey (Koyuki, 2009)

Dopo aver recensito negli ultimi tempi una serie di dischi in cui Gianluca Becuzzi compare in collaborazioni con altri musicisti,…

26 Mar 2009 Reviews

Read more

Squadra Omega – 06/05/10 Locanda di Campagna (Lonato – BS)

In quella che voleva essere una stagione riassuntiva con il meglio delle precedenti puntate, gli Squadra Omega (gente di Mojomatics,…

12 May 2010 Live

Read more

Burzum - Fallen (Byelobog, 2011)

 Quanto ci sarebbe da dire su ogni nuovo lavoro di Burzum. Nel 2011, dopo sedici anni di prigione ed un…

19 Feb 2011 Reviews

Read more

Empire! Empire! (I Was A Lonely Estate) - You Will…

Che un disco di mero revival possa accendere l'interesse degli ascoltatori è una questione a lungo dibattuta. A maggior ragione…

11 Oct 2014 Reviews

Read more

Mauve - Sweet Noise On The Sofa EP (Canebagnato, 2007)

Copertina che rimanda a quelle spartane di album indie o emo usciti negli anni novanta (primi Modest Mouse, Mineral, Karate,…

23 Sep 2007 Reviews

Read more

Nicker Hill Orchestra – All The Different Deaths… And Rebirths…

Il post rock come il progressive italiano alla fine degli anni ’70? Quanto manca prima che, numericamente parlando, gli attuali…

22 Oct 2009 Reviews

Read more

Adamennon - Nero (Autoprodotto, 2011)

Torna con un nuovo album, dalla sua dimora persa nell’Appennino tosco-emiliano, il musicista che si cela dietro al nome di…

16 Sep 2011 Reviews

Read more

Pulseprogramming - Charade Is Gold (Audraglint, 2011)

Ci eravamo lasciati otto anni fa con i Pulseprogramming: e chi si sarebbe immaginato fossero mai tornati. Sodapop nel suo…

29 Sep 2011 Reviews

Read more

Mon Electric Bijou - Terror At The Gates (Delta Poison…

Un'insolita flemma che si è impossessata di me negli ultimi mesi ha fatto sì che parli di Mon Electric Bijou…

20 Aug 2012 Reviews

Read more

Sator - S/T (Taxi Driver, 2015)

Cinque brani per l'esordio della band genovese più interessante nell'ambito della musica pesante: già dai primi concerti dal vivo il…

29 Jun 2015 Reviews

Read more

Adam Ant - Is The Blueblack Hussar In Marrying The…

Ma dai non sarà Adam Ant, quell'Adam Ant... e invece sì. Del tipo che l'ultimo suo lavoro ha la stessa…

25 Mar 2013 Reviews

Read more

Orange - Certosa (Midfinger, 2009)

L'album degli Orange arriva nelle mie mani corredato da un semplice booklet contenente i testi dei brani, e nulla più.…

03 Oct 2009 Reviews

Read more

AA.VV. - Clouds From The Earth (neuroprison.blogspot.com, 2009)

Promossa da dal forum italiano dei Neurosis, Clouds From The Earth è un esaustivo documento sullo stato dell'arte della scena…

09 Sep 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top