St.Ride – Conquistare Il Mondo (Niente, 2013)

Due lembi di bandiere strappate attaccate ad un palo piantato nell’acqua, con il panorama del mare davanti a noi: ecco come ci si presenta Conquistare Il Mondo degli St.Ride, nuovo capitolo della straniante saga del duo genovese. Maurizio Gusmerini ed Edo Grandi ibridano ancora il loro suono con altri spunti, lasciano sempre spazio ai silenzi e confezionano ancora una volta un disco intrigante. Il synth analogico mopho è da un po’ lo strumento feticcio dei nostri, che a questo giro lo uniscono a scarnissime batterie ripiene di echi e folate di rumori digitali. L’iniziale Nagoya ha una ritmica incalzante circondata da una coreografia di suoni bizzarri e stranianti, molti dei quali sembrano essere vocalizzi passati dentro un tritacarne di forme d’onda. Un riflusso di rumore bianco e un crepitio di onde corte su un tappeto di blips compongono l’ambientale Bangalore, mentre Tepetlaoxtoc ad un inizio vagamente ritmato in odore di dub isolazionista unisce trame trance a vere visioni sonore disturbanti, non riuscendo magari a far ballare, ma nemmeno a stare fermi… una vera prova di forza psicologica. Detroit più che techno è una mescola di illbient, sonar improbabili e interferenze elettriche, Ulaanbaatar invece ha l’andamento del suono delle pale di un elicottero a mezza velocità e ricorda vagamente On The Run dei Pink Floyd. Trondheim è un trip scuro ed ossessivo, con una frase di synth alla base e tutto un turbinio di suoni che le gira intorno, mentre la finale Massawa è una ambient inquietante e scheletrica. Stupefacente tassello di una discografia appassionante e mai doma, Conquistare Il Mondo si pone un obiettivo pienamente nei suoi mezzi: non opponete resistenza.

Tagged under: ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

The Unit Ama - s/t (Gringo, 2006)

Partire da una base molto semplice. Lavorarci sopra. Ricamare. E poi strappare tutti i fili inutili, tutti gli ornamenti e…

16 Jul 2006 Reviews

Read more

Tetuan - Tela (Brigadisco/I Dischi Del Minollo/Onlyfuckingnoise et al. 2011)

Tela è il disco d'esordio del trio marchigiano Tetuan, ripescato dal cesto a inzio 2013. In realtà l'album era…

14 Mar 2013 Reviews

Read more

Eugenoise/The Lay Llamas - Tape Crash #6 (Old Bycicle, 2013)

La serie dei Tape Crash di Old Bycicle continua a farci scoprire entità musicali "altre": a questo giro la ricerca…

02 Jan 2014 Reviews

Read more

Deadburger - La Fisica Delle Nuvole (Goodfellas/Snowdonia, 2013)

A sei anni da C'è Ancora Vita Su Marte tornano i Deadburger e di musica ne suonano ancora e parecchia:…

17 Jan 2014 Reviews

Read more

Kill Me Tomorrow / Dance Disaster Movement - Split CD…

Non credo di aver ben capito quello che sta succedendo. Il ballo spastico è diventato di moda? La presentazione mi…

16 Aug 2006 Reviews

Read more

Fanciulli Goom - #1 (51Beats, 2014)

L'etichetta 51Beats produce da qualche anno dischi elettronici di diversi sottogeneri: c'è il disco più giocoso/scanzonato, quello danzereccio e quello…

09 Apr 2014 Reviews

Read more

Irata – S/T (Silber, 2010)

I comunicati stampa talvolta sono davvero fuorvianti; questo, che parlava di una commistione di drone, postrock e metal, mi aveva…

27 Jun 2010 Reviews

Read more

Lunar Dump - Lipo (XO La Factory/Soviet, 2021)

Duo veronese dinamico e sognante che, come tutti i fratelli di sangue (al secolo Paolo e Zeno Camponogara) che suonano…

18 Jan 2022 Reviews

Read more

Démodé – S/T (Autoprodotto, 2009)

E’ un pregevolissimo ep di quattro pezzi il debutto, autoprodotto, di questi Démodé di Udine, un sestetto clarinetto, violino, saxofono,…

06 Jan 2011 Reviews

Read more

Hermetic Brotherhood Of Lux-or - Ethnographies Vol. III – Musèe…

Arriva al terzo capitolo, quello conclusivo, la ricerca sull’uomo ermetico dei sardi Hermetic Brotherhood Of Lux-or, un lavoro poderoso in…

13 Sep 2017 Reviews

Read more

Sigillum S - Emptiness Spheres (Luce Sia, 2020)

Rarefatto e speziato ritorno per i tecnopadri dell'area grigia. Power trio a tutti gli effetti quello che incarna le nuove…

02 Feb 2021 Reviews

Read more

Massimo De Mattia / Giorgio Pacorig / Giovanni Maier /…

Registrazione di un concerto tenuto nel 2016 a Bologna nell'ambito di Angelica, questo Desidero Vedere, Sento è improvvisato fin dal…

16 Apr 2018 Reviews

Read more

Agnostic Front - Another Voice (Nuclear Blast, 2004)

Disco inconsistente e insapore come uno yogurt greco, ma senza fermenti lattici né carattere. Non ho mai avuto nulla in…

17 Jul 2006 Reviews

Read more

Rise Of The Stateless Wolf – Born Dead/Year Of The…

Può sembrare strano che una band che si pone sul crinale fra hardcore e thrash metal, due generi eminentemente materialisti,…

23 Apr 2020 Reviews

Read more

VV. AA. - Éxotic Ésoterique Vol. 2…

Mi allineo totalmente ai Bloody Riot (e ai Colonna Infame Skinhead, Pinta Facile, Tear Me Down): odio i freakkettoni e…

26 Apr 2017 Reviews

Read more

Robanera - Meco Discordia (Shove, 2013)

Pezzi avviluppanti quanto le spire di un pitone che ti si cementifica intorno alla gola fino a diventar pietra. E…

11 Feb 2014 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top