Stefano De Ponti – Fin d’Ersástz/20xx–2016 (Grotta, 2017)

Con meno di vent’anni di musica e un’età anagrafica che non tocca i quaranta è ancora lontano il tempo dei bilanci, ma può essere il momento di fare il punto della situazione, guardarsi indietro (e dentro) per andare avanti. È quello che fa Stefano De Ponti con questa cassetta pubblicata in edizione limitatissima (solo 37 copie) dalla Grotta Records, un piccolo scrigno che racchiude, debitamente sintetizzate, le esperienze finora fatte in una forma che non ha nulla di nostalgico o del riassuntivo: Fin d’Ersástz / 20xx – 2016 è il punto d’arrivo di un’esperienza che si pone come punto di partenza di nuove avventure, che forse sono già qua. Per l’artista le due tracce che riempiono i lati del nastro si potrebbero prestare a un ascolto infinito è l’idea è quanto mai felice: per una musica che ignora l’idea di genere (e per certi versi, vedremo, anche quella di musica) un fluire senza inizio né fine è ideale per cogliere ogni volta aspetti nuovi e approfondire ciò che già si è sentito. Vien quasi da pensare che sia possibile – probabilmente lo è – iniziare l’ascolto in un punto a caso e – alla maniera di certi romanzi burroughsiani – vivere un’esperienza ogni volta diversa. Quel che è certo è che attraversare Fin d’Ersástz vuol dire addentrarsi nell’anima di De Ponti, conoscendone i gusti e gli ispiratori; tutto ci viene poi restituito senza soluzione di continuità né gerarchie in un lavoro che combina cinema e post-rock, avanguardia e monologhi, dialoghi e musica, rumore e teatro e del quale siamo talvolta allocutori, talaltra semplici spettatori, talaltra ancora naufraghi trasportati dal flusso sonoro. Inutile citare i riferimenti stilistici e le fonti: nel complesso processo di composizione tutto si combina dando vita a un’opera affatto nuova e se da un lato è ovvio che questa sia solo una delle possibili forme ottenibili da queste fonti, dall’altro è essa stessa passibile di molteplici letture. Si torna sempre lì, all’idea che le cose siano di continuo rimesse in gioco, che nulla sia stabile ma continuamente ricreabile. De Ponti, nel comunicato stampa, parla di un lavoro pubblicato  “prima di addentrarmi in un futuro di rivoluzioni e attese”; fatico a credere che, in un’opera così complesso eppure aperta alle interpretazioni di chi le si voglia accostare con la dovuta passione e curiosità, non si trovino i germogli del De Ponti prossimo venturo ma è cosa che solo il tempo saprà dirci. Nell’attesa ci teniamo ben stretto Fin d’Ersástz.

Tagged under: ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 18 (19/02/15)

Per la puntata numero diciotto della terza stagione di The Sodapop Fizz Emiliano e Stefano recuperano una lista di dischi…

23 Feb 2015 Podcasts

Read more

Philippe Petit - Oneiric Rings On Grey Velvet (The Extraordinary…

Rieccoci ad uno degli appuntamenti annuali con il signor Philippe Petit, che insieme a Fabio Orsi e Gianluca Becuzzi non…

22 Mar 2012 Reviews

Read more

Sakee Sed – Alle Basi Della Roncola (Mousemen, 2010)

Quelle contenute in Alle Basi Della Roncola, esordio dei Sakee Sed, sono canzoni da balera, o da saloon, suonate con "sentimento…

24 May 2010 Reviews

Read more

Gianluca Becuzzi/Fabio Orsi - Muddy Speaking Ghost Through My Machine…

Senza nulla togliere agli altri lavori del catalogo A Silent Place che ad onor del vero sono sempre a livelli…

02 Apr 2007 Reviews

Read more

Svart1 - Frozen Chants (Luce Sia, 2018)

Frozen Chants è un viatico ultraterreno diviso in dodici tracce, benché formalmente si abbia la percezione che sia sempre lo…

15 Jan 2019 Reviews

Read more

Sodastream - Reservations (Trifekta/ Homesleep, 2006)

Oramai mi sa che abbiamo speso tutti gli elogi possibili per questo gruppo australiano, così amato dalle nostre parti. Tanto…

27 Oct 2006 Reviews

Read more

Rainer Maria - Catastrophe Keeps Us Together (Grunion, 2006)

Even if Rainer Maria are an emo band, Catastrophe Keeps Us Together is not an emo album. Con questa citazione…

24 Jul 2006 Reviews

Read more

Ludmilla Spleen - Gennariello (Artista Anch'Io/Villa Inferno/Neon Paralleli, 2020)

Mi rendo conto siamo ad inizio anno e di cose ne potremo  ascoltare molte, ma ad oggi, senza indugio alcuno…

18 Feb 2020 Reviews

Read more

Fuck Buttons - Slow Focus (ATP, 2013)

Sono tornati i giganteschi droni dei Fuck Buttons quando proprio non potevamo più farne a meno. Il vero compromesso tra…

03 Jul 2013 Reviews

Read more

Larsen Lombriki - Free From Deceit Or Cunnings (Snowdonia, 2005)

Vivere nelle grotte, negli anfratti del terreno, in buie spelonche dove anche il più esile dei suoni viene amplificato. Il…

16 Jul 2006 Reviews

Read more

Orla Wren - Soil Steps (Oak, 2014)

Orla Wren è il progetto dello scozzese Tui, che per lunghi periodi vive in un furgone andando in giro per…

12 Jun 2014 Reviews

Read more

Susanna Gartmayer – AOUIE, Solos For Bass Clarinet (Chmafu/God, 2015)

New York’s Alright If You Like Saxophones, dicevano i Fear; se invece amate il clarinetto, la città che fa per…

22 Jan 2016 Reviews

Read more

Viridanse - Gallipoli 1915 E Le Altre Storie (Silentes, 2012)

Non suona affatto bizzarro il recupero della discografia completa dei Viridanse, in un'epoca in cui il suono new wave è…

10 Jan 2013 Reviews

Read more

Osaka Flu - The Revolution (Autoprodotto, 2011)

Frizzantissimo garage 'n' roll dall'aretino. Tre pezzi stringati ed asciutti come un caffè cortissimo bevuto nel regno unito: non…

15 Dec 2011 Reviews

Read more

Naga - Hén (Shove, 2014)

Trio partenopeo ben lontano dal neo melodico o dalle atmosfere musicarelle popolari in quelle zone. I Naga sono pù neri…

18 Jun 2015 Reviews

Read more

Airportman - Rainy Days (Lizard, 2007)

Ritorna a far uscire dei dischi la Lizard che ha patrocinato delle produzioni interessanti e che rimane l’etichetta che ha stampato…

30 Sep 2007 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top