Stefano De Ponti & Eleonora Pellegrini – Physis (Manyfeetunder/Grotta, 2017)

Parte da lontano questo progetto di Stefano De Ponti ed Eleonora Pellegrini e chissà che questo disco non sia solo un punto intermedio dell’intero percorso; di certo è comunque un punto significativo su cui conviene soffermarsi. Pensato inizialmente come performance teatrale che combinasse suono e movenze fisiche per narrare l’evoluzione della natura dalle origini a un possibile futuro, ha attraversato festival teatrali, compilation (Burnt Circuits Kept Under My Bed, di cui vi parlammo) ed esperienze personali e si presenta ora in una forma che riassume e comprende tutto questo. Physis è scandito da tre momenti – posti all’inizio, a metà a alla fine del lavoro – in cui la voce, che fa le veci del corpo nell’opera unicamente sonora, è protagonista. In Non Dèi Da Invocar Eleonora Pellegrini recita con partecipe drammaticità un estratto da La Strada di Cormac McCharthy, quasi un’invocazione (a dispetto del nome); Canto rivisita la Come Wander With Me cantata da Bonnie Beecher in un episodio di Ai Confini Della Realtà e la trasforma in un brano brevissimo e di bellezza abbagliante che dice del desiderio di fuga dal mondo combinando voce e droni come potrebbero farlo Martyn Bates o Andrew King; la conclusiva Oracle getta invece uno sguardo utopistico e speranzoso sul futuro e lo fa con un canto a cappella a cui nulla potrebbe essere aggiunto o tolto senza infrangerne la magia. A fare da ponte fra questi momenti sono sezioni di suoni minimali e soffusi – solo a tratti stridenti – di violoncello e chitarra preparata e field recordings narrativi che fanno parlare gli elementi (acqua, legno, pietre, metallo) o evocano il paesaggio: non semplici riempitivi dunque ma passaggi essenziali per la comprensione dell’opera, che suggeriscono il pellegrinare di uno spirito che solo a tratti si incarna nella voce. Physis è un’opera viva, che nasce alla confluenza fra musica, letteratura, teatro e sentimento della natura e da qui cresce, col confronto e la sperimentazione, prendendo la forma di quella che potremmo definire come una lunga preghiera. Un ascolto non sempre facile – non potrebbe esserlo visto il tema – ma appagante, che ci dà la possibilità di vivere il concept ancor pirma che ascoltarlo.

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Walter Schreifels - an open letter to the scene (Arctic…

Spero che il nome non vi sia nuovo, perchè per gente che ha bazzicato nel circuito hardcore o che ha…

06 Jul 2010 Reviews

Read more

Dyskinesia/Corpoparassita - S/T (Frohike, 2010)

Esteticamente il disco si presenta come uno di quei lavori che vi piacerebbe avere anche solo per la…

20 Jun 2010 Reviews

Read more

Uzi & Ari - It Is Freezing Out (Own, 2006)

Il "non-plus-ultra" (pronunciato alla Colle Der Fomento) del pop eccolo qui racchiuso in questo Uzi & Ari, mi sembrava strano…

27 Dec 2006 Reviews

Read more

Bulldozer - Unexpected Fate (Scarlet, 2009)

Era una vita che aspettavo il ritorno di Ac Wild ed Andy Panigada (Dove è finito Rob K Cabrini?!).…

13 Jul 2009 Reviews

Read more

Replace The Battery - Daily Birthday (In The Bottle, 2010)

Non male, l’esordio di questo quintetto padovano che risponde al nome di Repalce the Battery. Però. Citano Explosion In The…

26 Jan 2011 Reviews

Read more

This Will Destroy You - Tunnel Blanket (Monotreme, 2011)

"Post-rock will never die...but you will" giusto per menzionare il titolo dell'ultimo Mogwai ed anche per iniziare a mettere le…

31 Mar 2011 Reviews

Read more

NOFest! 2011 - 17-19/06/11 Spazio 211 (Torino)

Ancora il No Fest, ancora un weekend di giugno in quel di Torino, stavolta assistiti da tempo favorevole, con gli…

31 May 2011 Live

Read more

Current 93 - Aleph At The Hallucinatory Mountain (Durtro, 2009)

Riprende il largo la nave dei folli di David Tibet e dopo aver veleggiato, col precedente Black Ships Ate The…

22 Jun 2009 Reviews

Read more

Giardini Di Mirò + Mimes Of Wine - 7/12/12 Circolone…

Con un valido lavoro uscito la scorsa primavera e la ristampa del glorioso primo album Rise And Fall Of Academic…

14 Dec 2012 Live

Read more

September Malevolence - After This Darkness, There's A Next (Tenderversion,…

Se subito dopo avere letto il nome di questo gruppo veniste a sapere che sono pure svedesi, pensereste subito ad…

26 Apr 2008 Reviews

Read more

Le-Li - My Life On A Pear Tree (Unhip/Garrincha, 2010)

Parlavamo tempo fa di pop pandistelle, ed eccolo qua il regalo perfetto per Emiliano Zanotti, il debutto di Le-Li: qui…

24 Mar 2010 Reviews

Read more

Fops - Yeth, Yeth, Yeth (Monotreme, 2010)

Nella sezione dischi non recensiti per tempo, e che fanno di tutto per non farsi notare, una menzione va fatta…

25 Apr 2011 Reviews

Read more

Martial Canterel - You Today (Weird, 2011)

Sean Mc Bride è attivo da anni nella sua personale e devotissima riedizione del synth pop anni ottanta più minimale…

01 Feb 2011 Reviews

Read more

Zoft – Eletrically Haunted (Humpty Dumpty, 2011)

Gli Zoft sono un duo belga, di base a Bruxelles. Il loro suono è interamente costruito sugli intrecci matematici di…

29 Feb 2012 Reviews

Read more

Davide Merlino Percussion Duo – The White Elephant (Floating Forest,…

È musica di resistenza quella proposta dalla Floating Forest di Verbania - più un collettivo di musicisti che una semplice…

26 Feb 2016 Reviews

Read more

Rogue State - Poetry Is Not For Me (Shove/Green Records,…

Dall'algida provincia alessandrina ritornano quattro "brutte ghigne" arcinote a chi bazzica da un po' l'ambiente indie. Vi lascio immaginare infatti…

02 Mar 2016 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top