Slowcream – Wax On Wool (Nonine, 2009)

La Nonine è stata una delle migliori sorprese dello scorso anno in ambito elettronico e per di più si tratta di un elettronica per nulla fredda, molto easy listening pur non tradendo la sua origine berlinese. Questo disco degli Slowcream non smentisce le ottime impressioni che avevo avuto dopo aver ascoltato il primo lavoro, Slowcream come al solito vede coinvolto in prima persona Me Rabenstein che oltre ad aver licenziato i vari dischi sulla label berlinese ha in piedi collaborazioni in ambiti più o meno limitrofi con un numero imprecisato di altre persone. In questo Wax On Wool Rabenstein ed il gruppuscolo di musicisti che gli ruota attorno si sono regalati un lavoro da top class “con bicchieri di cristallo” come diceva Fresh Prince (al secolo Will Smith). Soft-tronica morbidissima, jazzeuse da colonna sonora per un road-movie notturno girato nella città del reichestag e degli angeli di Wenders. Un disco prodotto in modo ineccepibile e che sembra addirittura semplice nella costruzione delle varie tracce… e sottolineo: sembra. Le basse frequenze sono molto presenti ma ultradiscrete e sui tappeti che vanno a creare solitamente disegnano le melodie le voci di tastiere, pianoforti e synth, poi fiati, chitarra e qualche arrangiamento di archi, poi su tutto resta un parlato che finisce per essere molto efficace. Più che altro la voce quando c’è è molto presente ma non si tratta di un cantato vero e proprio, in realtà si tratta di una voce profonda e cavernosa che ricorda quella di Black Sifichi già ospite con gli String Of Consciousness e in pianta stabile nei [1] Kilo Of Black Bondage uscito su Wallace e che rimane uno dei dischi migliori mai editi dalla label di Mirko Spino. Effetto maledettamente notturno e sorprendentemente rilassato, ancora di più che nel disco d’esordio, per il resto si tratta di ritmiche semplici e lasciate in sospensione, tappeti rossi e velluto anche nell’ambientazione sonora delle tracce, quindi morbidezza che attutisce tutto ovattandolo e che si sposerebbe perfettamente con luce soffusa e vestaglietta in raso (ah vecchi puttanieri!). A suo modo si tratta di un disco sexy, anche semplicemente per i testi ultraminimali e che vengono snocciolati in una perfetta ambientazione da Back Dahlia nel corso delle varie tracce.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Sarram – Silenzio (Autoprodotto, 2020)

Per una volta il famigerato “disco nato nel periodo del lockdown" non è una vergognosa pippa autoreferenziale (lo stesso, inutile…

04 Jan 2021 Reviews

Read more

Sparkle In Grey – Brahim Izdag (Old Bicycle/ Moving Records…

Con il ritardo che ultimamente mi contraddistingue, parlo umilmente dell'ultima fatica degli Sparkle In Grey. Un album che omaggia e…

07 Sep 2016 Reviews

Read more

All Leather - When I Grow Up, I Wanna Fuck…

L'ironia ed il cattivo gusto ricordano qualcuno?...che poi sarà così ironico essendo Justin Locust gay? E il fatto che lo…

30 May 2010 Reviews

Read more

Saffronkeira - A New Life (Denovali, 2012)

Saffronkeira è un disco che lambisce diversi territori sonori con gusto e ottime doti tecniche: questo A New Life è…

30 Nov 2012 Reviews

Read more

Betzy – Romancing The Bone (Lady Lovely, 2010)

Essere concepiti a New York, anche se poi si cresce in una valle alpina, è cosa che segna nel profondo.…

04 Jan 2010 Reviews

Read more

Gretel E Hansel - Follow The Porcupine (Madcap, 2008)

Niente strega cattiva, niente casetta di marzapane, niente di tutto ciò: l'unica favola che troviamo nell'album di Gretel E Hansel…

06 Jun 2008 Reviews

Read more

Franz Rosati – Black Body Radiation (Manyfeetunder, 2015)

Franz Rosati riprende in discorso iniziato con l’album Ruins un paio di anni fa e con Black Body Radiation lo…

21 Mar 2016 Reviews

Read more

Dead Boomers/Crow + Rushford/Talia + Hamann + Brennan/Butler - 24/10/10…

E' domenica sera ma la musica dal vivo non si ferma a Melbourne e la nostra scelta si orienta sul…

22 Sep 2010 Live

Read more

J Mascis - Several Shades Of Why (Sub Pop, 2011)

Finalmente J Mascis si mette a nudo, non solo col nome, e quindi ci fermiamo un attimino prima di liquidare…

01 Mar 2011 Reviews

Read more

Bachi Da Pietra - Habemus Baco (Wallace/Tannen/La Tempesta, 2015)

Abbiamo il Baco, e sono già dieci anni, due lustri che Giovanni Succi e Bruno Dorella calpestano la terra, ben…

20 May 2015 Reviews

Read more

Colony Open Air Day 2 - Pala Brescia 22-23/07/2017 (Brescia)

Ci vuole un po’ di tempo per recuperare le energie in vista di un secondo giorno che si preannuncia impegnativo…

31 Aug 2017 Live

Read more

Christopher Tignor - Core Memory Unwound (Western Vinyl, 2009)

Ribadisco che la Western Vinyl è una gran bella etichetta e dire che fa molta roba melodica, alcune cose addirittura…

06 Jun 2009 Reviews

Read more

Roseluxx - Grand Hotel Abisso (Goodfellas, 2021)

Raffinato indie rock cantautoriale  completamente incentrato sulla voce di Tiziana Lo Conte (vedi review dei Wedding Kollektiv). Arrangiamenti garbati e…

02 May 2022 Reviews

Read more

The Swans + Xiu Xiu – 23/03/13 Interzona (Verona)

E venne il giorno, anzi, la notte degli Swans, inevitabilmente fredda e piovosa nonostante la primavera già ufficialmente iniziata da…

29 Mar 2013 Live

Read more

Get The People - S/T (Ruminance, 2006)

C’è gente che vive un drammi indicibili quando in fase post-adolescenziale vede crollare miserabilmente il proprio eroe e purtroppo è…

26 Feb 2007 Reviews

Read more

Fungi From Yuggoth – S/T (Diazepam/Lightbulb, 2012)

È lungi dall'esaurirsi il fascino che gli scritti di H.P. Lovecraft esercitano sui musicisti di aera estrema: in questo caso…

14 Mar 2013 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top