Sleeping People – Growing (Temporary Residence, 2007)

Ricordate la Temporary Residence? L’etichettina americana post-rock melodico che fra le altre cose aveva stampato alcuni capolavori come Tarentel, Cerberus Shoal e Halifax Pier (ora qualcuno nei celebrati Red Sparrows)? Per fortuna o sfortuna non si è convertita al funk punk o alla rock wave stile "dai ragazzi, che se Ian Curtis è un mito l'ha fatto per far fare due euro/dollari pure a noi". Il fatto è che ha anche sperimentato, tanto da far anche uscire un Violetta Beauregarde che bene o male ne spostava ulteriormente il catalogo, ciò non toglie che la radici e la fisionomia della label non ne sono uscite completamente trasformate. Gli Sleeping People, nella migliore tradizione rock americana, sono tecnici, fisici, curati e competenti in materia di rock, il loro enorme problema è di fare math-rock così simile al loro riferimento base che a tratti mi è sembrato di sentire dei Don Caballero sotto tono. Il disco non è per nulla brutto, anzi a tratti hanno il riff assassino ed il pezzo che gli gira attorno, il "sotto tono" era riferito al fatto che non si trattava comunque dei Don Caballero e tanto meno dei Battles (di cui non sono per nulla un fan). Un bel problema direi visto che anche il disco di Damon Che su Relapse dove sostituisce tutti gli soci con dei cloni non tiene fede al blasone del gruppo, resta che anche quel disco annacquato rende più di buona parte dei replicanti. Giusto per inquadrare ulteriormente il suono direi che siamo attorno al periodo di quella bomba What Burns Never Returns con la differenza che gli Sleeping People sono meno erranti e più melodici. Buffo ho appena notato che la band proviene da San Diego e dire che una volta da lì venivano Swing Kids e gente che viaggiava su altre coordinate, però un buon parallelo ci può stare d’altro canto potremmo dire che i primi Tristeza (i migliori) stavano al post-rock come gli Sleeping People stanno al math-rock. Non malaccio ma mentre i Williams e Che saccheggiavano King Crimson, Ac/Dc, hardcore, hard rock, progressive, etc, loro rubano solo da un paio di tasche… e la monocoltura impoverisce il terreno.

Tagged under: , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

LIBERATO - II (Autoprodotto, 2022)

A chiudere la trimurti campana dopo Nziria ed Almamegretta ecco tornare Liberato, l’entità che ormai da 5 anni a cadenza…

20 Jul 2022 Reviews

Read more

Mashrooms – S/T (Wild Love, 2011)

In maniera tutt'altro che banale i siciliani Mashrooms riescono nella difficile impresa di fare un disco che, pur muovendosi in…

27 Sep 2011 Reviews

Read more

Pivixki - S/T (Sabbatical, 2008)

Datato esordio per questo duo piano/batteria australiano, da culto in patria ed inevitabilmente misconosciuto da noi. Per certi versi…

15 Mar 2011 Reviews

Read more

Orla Wren - Soil Steps (Oak, 2014)

Orla Wren è il progetto dello scozzese Tui, che per lunghi periodi vive in un furgone andando in giro per…

12 Jun 2014 Reviews

Read more

Musica Per Bambini - Dio Contro Il Diavolo (Trovarobato, 2008)

Benchè con clamoroso ritardo, finalmente mi accingo a recensire quello che, ancora ad oggi, resta l'ultima fatica del piacentino…

26 Jul 2010 Reviews

Read more

The Doggs - Black Love EP (Autoprodotto, 2011)

Marcissimo e maleodorante EP imbrattato di Stooges, Velvet Underground e sferragliante punk anni settanta. Fa sempre piacere sentire che esiste…

16 Feb 2012 Reviews

Read more

Riul Doamnei - Apocryphal (Dead Sun, 2007)

Ci sono alcune caratteristiche nella musica di oggi assolutamente sorprendenti. Perché fino all’inizio degli anni novanta le band italiane di…

01 Jun 2007 Reviews

Read more

Fabio Chinca/Alberto Valgimigli - Il Memoriale Fantasma Di Gaston Cafard…

Strana creatura questo libro illustrato di Fabio Chinca (testi) e Alberto Valgimigli (disegni) pubblicato dalla piccola, ma coraggiosa casa editrice…

25 Jun 2013 Reviews

Read more

Le Singe Blanc - Strak! (Magdalena/Keben, 2006)

In questo disco la scimmia bianca (questa la taduzione del mome Le Singe Blanc) sembra davvero "stracca", che esattamente come in…

25 Feb 2007 Reviews

Read more

BiG A little a - gAame (Gigantic Music, 2007)

I meglio informati mi dicono dalla regia che questi BiG A little a sono gente da tener d'occhio, perché sono "nuovaiorchesi",…

24 Jun 2007 Reviews

Read more

Bill Dolan / JBe Split 7" (Sixgunlover, 2010)

Che se c'è un gruppo che non ho mai capito perchè non è capostipite di una filiazione di dei in…

20 May 2010 Reviews

Read more

The Land Of The Snow - Paths Of Chaos (Taxi…

Proseguendo nel filone one-man-project, la genovese Taxi Driver, dopo Petrolio, propone questa invernale scalata in vetta carica di riverberi doom…

07 Jul 2017 Reviews

Read more

Mulatu Astatke - Mulatu Steps Ahead (Strut, 2010)

Mi sono avvicinato quasi per caso alla musica di Mulatu Astatke giusto poco prima di ascoltare questo suo nuovo disco…

27 Mar 2010 Reviews

Read more

Pow-Wow - House Sounds (Luce Sia, 2018)

Ancora una volta l'etichetta svizzera riesce a stupirci ripescando dai meandri del tempo un  demo del 1988 dei Pow-Wow, oscura…

20 Oct 2018 Reviews

Read more

Putan Club – 10/04/10 Le Tits (Brescia)

A un solo giorno di distanza da Amaury Cambuzat coi suoi Ulan Bator anche il cugino Francois (già Gran Teatro…

08 Apr 2010 Live

Read more

gRAEFENBERg - Plug (Fratto9 Under The Sky, 2018)

Il rumore è musica? Il suono è musica? Sì, basta che dia delle emozioni, che trascini l'animo e che porti…

12 Mar 2018 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top