S.J.Esau – Wrong Faced Cat Feed Collapse (Enormous Corpse/Fooltribe, 2005)

Da qualche parte nel mondo qualcuno ha una mappa. Ma noi ci siamo decisamente persi. Sensazione spiacevole e nervosismo crescente. Boh, non c'è nessuno a cui chiedere, la rete ormai non permette più di districarsi visto l'ingente numero di siti che offrono dieci versioni diverse della stessa soluzione. Cosa fare? Come risolvere l'arcano di cosa sia il folk nella seconda metà del primo decennio degli anni 2000?
Beh, sarà un bel cercare di tradurre le canzoni di Why? in un linguaggio consono, decodificando le ritmiche post-hiphop e scoprendo i suoi figliocci in giro per il mondo. Il folk è scappato da se stesso ed è tornato a casa, sacrifichiamo il vitello prodigo per il figlio grasso! Da qualche parte tra il post-folk di casa Anticon e la Beta Band più rurale si situa questo S.J.Esau, il cui ultimo album è edito in Italia da Roberto Mais della tribù dei folli. Un disco eterogeneo, con una forte linea cantautorale e una peculiare voce che emergono da degli arrangiamenti vicini al primo Microphones, un filo ridondanti e carichi dove a volte potevano forse essere lievemente alleggeriti. Bassa fedeltà nell'era dell'home recording più estremo e più alla portata di tutti. Un problema per molti, che producono a cazzo solo perchè possessori degli ingressi nel computer, una benedizione per altri, come in questo caso, dove la creatività e l'urgenza scendono a patti con le mille e una possibilità disponibili, scegliendo con gusto e discretamente giusta dose le misure. Viene da Bristol e vedendo dove è andato a parare uno dei suoi figli prediletti, Matt Elliott, non mi sembra poi così improbabile. Probabilmente non sarà il portatore della luce che traccia la strada in questa foresta di figli bastardi del Dylan di Subterranean Homesick Blues, si veda Halfway Up The Pathway, ma sicuramente è uno di quei cantori la cui voce ti rassicura sul porto più vicino e sicuro.

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Jon Rune Strøm Quintet - Fragments (Clean Feed, 2018)

Molto particolare la scelta del norvegese Jon Rune Strøm, già attivo negli interessanti Friends And Neighbors e Universal Indians, nonché…

19 May 2018 Reviews

Read more

Pain Of Salvation - BE (Inside Out/Audioglobe, 2004)

E' risaputo che se i musicisti hanno quasi sempre un ego grosso e turgido, i musicisti metal ce l’ hanno addirittura abnorme e sproporzionato.…

19 Jul 2006 Reviews

Read more

Sqaramouche – Tutu (Nonine, 2011)

Concepito e ideato in Sicilia nell'estate del 2010, in un clima immaginiamo assolutamente rilassante, Künstler Geer Mussert aka Subsequent, produttore…

22 Dec 2011 Reviews

Read more

Ludmilla Spleen - Gennariello (Artista Anch'Io/Villa Inferno/Neon Paralleli, 2020)

Mi rendo conto siamo ad inizio anno e di cose ne potremo  ascoltare molte, ma ad oggi, senza indugio alcuno…

18 Feb 2020 Reviews

Read more

...qualcosa come Old Bicycle Records ma 10 anni fa: Haru…

A volte basta un input per scatenare il passato, ricostruendo il percorso che ci ha portato fino a questo momento…

08 Aug 2016 Articles

Read more

Ensemble Uzi - S/T (Autoprodotto, 2009)

Fa uno strano effetto sapere che un terzetto del genere, musica improvvisata che evita accuratamente la struttura…

28 Jul 2009 Reviews

Read more

...And You Will Know Us By The Trail Of Dead…

A volte ritornano. A volte era meglio che non ritornassero, ma dico subito che non è questo il caso. Era…

28 Sep 2012 Live

Read more

Luigi Turra - Enso (Smallvoices, 2007)

Se non si chiamasse Luigi Turra e se non sapessi che è italiano, ascoltando il disco avrei pensato che si…

16 Nov 2007 Reviews

Read more

Elena M. Rosa Lavita & Samuele Innocenti - BBBB (Luce…

Bad Bare Black Bones. Bad: la connotazione che implicitamente diamo agli artisti potrebbe definirli come placidi o tormentati. Spesso questi estremi non dipingono la…

12 Aug 2022 Reviews

Read more

Victor Bockris - Keith Richards (Omnibus Press, 2006)

Provvidenziale, questo ristampone in paperback piuttosto economico che la Omnibus sforna a 14 anni dalla prima uscita del volume originale.…

10 Dec 2006 Reviews

Read more

Ulna - Frcture (Karlrecords, 2008)

Se cercate questo disco su Google trovetere "A ulna fracture is an injury to one of the bones in the…

21 Sep 2008 Reviews

Read more

Andrea Rottin - Songs About Nightmares (Madcap Collective, 2008)

La Madcap continua imperturbabilmente nel suo percorso all'insegna del folk, per dirla tutta: dell'indie-folk. Anche questo disco firmato Andrea Rottin…

27 Jan 2008 Reviews

Read more

Three Trees (Fabio Sacconi/Andrea Bolzoni/Riccardo Marenghi) - S/T (Bunch, 2014)

I tre "alberi" che danno il nome al trio potrebbero forse essere il jazz, l'improvvisazione e la musica contemporanea, dato…

10 Sep 2014 Reviews

Read more

St.Ride - Fuori (Niente, 2014)

Disco numero tredici, se non erro, nella copiosa discografia del duo genovese e primo nel formato doppio album: Fuori infatti…

13 May 2014 Reviews

Read more

Koji Asano – August Is Fall (Solstice, 2013)

Autoprodursi i dischi nel 2013 è ormai quasi consuetudine per molti, ma nel 1995, quando Koji Asano pubblica il suo…

10 Jul 2013 Reviews

Read more

Leather Parisi - Clockwise Mayhem (Industrial Coast, 2021)

Ormai l'entità che si cela dietro il sinistro logo sadomado da prima serata Rai è diventata artisticamnete inagguantabile. Ha sublimato…

02 May 2021 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top