All My Sins – Pra Sila–Vukov Totem (Saturnal, 2018)

Se il black metal slavo gode da qualche anno di ottima salute sull’asse Polonia-Russia, cominciano ora ad emergere realtà interessanti anche da zone più periferiche: è il caso dei serbi All My Sins, che con particolare forza si affermano come punta di lancia del metal pagano dei territori slavi del sud. Il duo di Pančevo, da sempre immerso nella spiritualità ancestrale della terra che l’ha generato (le foto dei musicisti ritratti in costumi tradizionali sembrano uscite da Wilder Mann di Charles Freger), arriva all’esordio sulla lunga distanza al compimento del diciottesimo anno di vita e la raggiunta maturità si percepisce in ogni traccia, sia a livello musicale che lirico (per quanto Google Traduttore ci permette di capire, visto che i testi sono riportati solo in serbo). Dedicato alla figura del lupo nella mitologia slava, nei suoi differenti e a volte opposti significati, Pra Sila – Vukov Totem bilancia egregiamente la ruvidezza e la melodia del black egli albori con la più attuale tendenza alla dilatazione quasi post-rock, sebbene l’impatto rimanga innegabilmente quello del metal estremo. Il brutale incipit di Vukov Totem, col titolo scandito dopo un fulminante stop and go, trasmette una furia da punk primordiale che ritroveremo spesso nel disco (sentitevi l’orgiastica U Mlazevima Krvi), ma i brani, in genere piuttosto lunghi, sono sempre costruiti in modo vario e articolato, con rallentamenti, passaggi atmosferici e rarefatti, blocchi di riff impilati in stile noise-rock, campionamenti di canti tradizionali e recitati solenni (rigorosamente in serbo). A legare il tutto è uno spiccato gusto per la melodia e un senso dell’epica che porta l’ascoltatore a correre a fianco dei lupi attraverso la foresta, per incontrare gli spiriti degli elementi: la tempesta (Vetrovo Kolo) e il sole (Zov Iz Magle), la guerra (U Mlazevima Krvi) e l’inverno (Vukov Totem), il sangue (Opsena) e la morte (Konačna Ravnodnevica (Čin Drugi)). Senza l’ossessione di risultare moderni a tutti i costi, gli All My Sins scrivono un album che ci parla di un aspetto dell’oggi che non andrebbe sottovalutato. A ben vedere Pra Sila – Vukov Totem è black metal solo incidentalmente: in realtà questa è la forma che assume l’attuale folk serbo sotto la potente spinta del rinascente paganesimo slavo.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Dad They Broke Me – Rot (We Empty Rooms, 2010)

Fine della corsa per uno dei gruppi preferiti dal nostro amabile Radu Kakarath: il batterista va a vivere in Giappone…

25 Jan 2011 Reviews

Read more

I Camillas - Le Politiche Del Prato (DischidiPlastica/MarinaioGaio/Wallace/Tafuzzy, 2009)

I Camillas portano bene! Ma dico sul serio. Qual' è la linea di confine tra un pugno di canzoni demenziali…

09 Dec 2009 Reviews

Read more

Celtic Frost - Monotheist (Century Media/Prowling Death, 2006)

Quante volte Thomas G. Warrior ci avrà rimuginato sopra negli ultimi dieci anni? Me lo sono spesso domandato. Molte volte…

29 Jul 2006 Reviews

Read more

Larva 108 - 99.09 Inside The Stones (Greytone, 2010)

Dopo dieci anni di registrazioni Greytone pubblica una raccolta di Larva, al secolo Guido Bisagni, dando l'opportunità di ascoltare pezzi…

09 Feb 2011 Reviews

Read more

Mark Putterford - Phil Lynott: The Rocker (Omnibus Press, 2002)

La fascinazione per i Thin Lizzy mi ha preso così per caso, un mattino di settembre. E' una di quelle…

19 Nov 2006 Reviews

Read more

The Hand To Man Band - You Are Always On…

La sola parola supergruppo credo faccia mettere mano alla fondina a più di un lettore... e invece questa volta dietro…

06 Nov 2012 Reviews

Read more

Robert Lepenik - Postepeno (God/Entr'acte, 2012)

Robert Lepenik è un musicista austriaco attivo da parecchio tempo in diversi ambiti: partendo dal suonare la chitarra nel gruppo…

27 Nov 2012 Reviews

Read more

Lakes - Blood Of The Grove (Avant!, 2013)

Dietro la sigla Lakes si nasconde nell'oscurità goth Sean Bailey, australiano che ruota dalle parti di Melbourne. In Blood Of…

16 Sep 2013 Reviews

Read more

OvO - Cor Cordium (SuperNaturalCat, 2011)

Non so davvero se o cosa possa definirsi queer metal (in riferimento alle recenti interviste cartacee rilasciate dal gruppo):…

18 Apr 2011 Reviews

Read more

Obits - Bed & Bugs (Sub Pop, 2013)

Gli Obits non sono ragazzini da un pò, ma si ritrovano perfettamente a loro agio nell'essere etichettati come naviganti in…

09 Oct 2013 Reviews

Read more

Murcof + Duke Garwood – 12/10/12 Teatro Smeraldo (Valeggio Sul…

L'associazione Humus di Valeggio sul Mincio (VR) inizia la stagione del decennale con un concerto del messicano trapiantato in Europa…

26 Oct 2012 Live

Read more

All Leather - When I Grow Up, I Wanna Fuck…

L'ironia ed il cattivo gusto ricordano qualcuno?...che poi sarà così ironico essendo Justin Locust gay? E il fatto che lo…

30 May 2010 Reviews

Read more

Melampus - Hexagon Garden (Riff/Sangue Disken/Old Bicycle, 2015)

Il terzo disco dei Melampus pecca nell'artwork: pulito, essenziale, ben fatto, chiaro. Tutto perfettamente in regola, se non fosse che…

30 Apr 2015 Reviews

Read more

Massimo Olla – Structures (Azoth, 2017)

Le strutture che Massimo Olla costruisce col suono in questo disco sono esattamente come quelle che vedete sulla copertina (che…

21 Feb 2018 Reviews

Read more

Forever Idle Forever Idol - Volume Two (Kosmik Elk Mind,…

Altra cassetta Kosmik Elk Mind, altro bel reperto ed anche in questo caso si tratta di un lavoro semplice, ruvido…

14 Jan 2009 Reviews

Read more

Soft Black Star & Zeno Gabaglio/Mike Cooper – The Good…

Incidenti a catena sulla strada della Old Bicycle: con questa cassetta siamo giunti alla settima uscita della serie Tape Crash,…

17 Feb 2014 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top