Simon Balestrazzi – The Sky Is Full Of Kites (Boring Machines, 2012)

Abbiamo più volte avuto occasione di segnalare la prolificità di Simon Balestrazzi, sia in solo che in collaborazione con altri (e senza contare le ristampe dei suoi T.A.C.). Se mai ci fosse bisogno di conferma, ecco questo lavoro, stavolta rilasciato dalla Boring Machine.
The Sky Is Full Of Kites è un album di difficile lettura fin dal titolo, pieno di gioioso stupore infantile, a cui si associa una copertina (peraltro molto bella) in cui gli aquiloni, scarlatti come macchie di sangue, sembrano in fuga da una città turrita, a metà strada tra un insediamento industriale e la torre di Barad-dûr. L’iniziale Under Pressure, lunga composizione fra dark ambient ed elettroacustica, mette fin da subito in scena la ricchezza di strumenti, fra l’analogico, il digitale e gli oggetti concreti, che compongono l’armamentario del musicista: l’impressione è talvolta che la carne al fuoco sia troppa, in un brano frammentario e privo di centro, in cui ogni suono concreto sembra galleggiare sul drone che fa da sfondo, per poi scomparire e lasciare spazio a un altro. Il fatto è che l’ascolto razionale non è il miglior metodo di approcciare questa composizione, e più in generale tutto l’album: lungo flusso di coscienza in cui ogni frammento sonoro diventa significativo, Under Pressure va ascoltato nel dormiveglia (o debitamente alterati…), lasciandosi trasportare dalle immagini che i suoni evocano, figure del passato che appaiono e sfumano continuamente. Sempre indietro sembra guardare Persistence Of Memory, il brano più compiuto del disco, ancora ambient oscuro ma scosso da vibrazioni mediterranee di strumenti a corde e percussioni, fra calde suggestioni etniche e cupi paesaggi desolati. In chiusura il brano eponimo, drone pulsante e lineare, che si congeda senza ulteriori sussulti. The Sky Is Full Of Kites è un disco di musica atemporale, che combina le radici industrial di Balestazzi con le più recenti frequentazioni in ambito avanguardista, e ci lascia l’idea che qualcosa ci sfugga, come gli aquiloni in copertina. Ma se abbiamo visto giusto, è inevitabile che sia così.

Tagged under: ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Adamennon/Shiver – S/T (Diazepam, 2020)

Se, durante la successione di antichi e più recenti capodanni, dal 31 ottobre al 31 dicembre, la distanza fra i…

29 Dec 2020 Reviews

Read more

Johnny Grieco: dai Dirty Actions a tronista mancato

Johnny Grieco detto "il bello" incarna perfettamente l'eroe tragicomico impersonato da Mickey Rourke nello stupendo The Wrestler, con l'attenuante che,…

18 Jun 2010 Interviews

Read more

Stefano De Ponti - Malagrazia_________ Landfall (Luce Sia, 2018)

Dell'omonimo spettacolo Malagrazia di Phoebe Zeitgeist (ideazione e regia di Giuseppe Isgrò) metabolizziamo la colonna sonora o sarebbe più corretto…

05 Mar 2019 Reviews

Read more

Current 93 - Aleph At The Hallucinatory Mountain (Durtro, 2009)

Riprende il largo la nave dei folli di David Tibet e dopo aver veleggiato, col precedente Black Ships Ate The…

22 Jun 2009 Reviews

Read more

AA.VV. - L'Antologia Funk, Dagli Anni 70 Ad Oggi (Cramps,…

Ernesto de Pascale ed il prode Bobby Soul assemblano questa doppia raccolta su Cramps con trentatre tracce per altrettanti artisti:…

14 Jun 2010 Reviews

Read more

Wound – And Nothing Will Be The Same (Spirit Throne,…

Ha un che di funereo, nel suo candore intaccato solo da fiori raffigurati in toni di grigio, questo nastro del…

08 Sep 2015 Reviews

Read more

Toilet Door n.2 - Futurismo O Rumorismo?

Un back to mine sferragliante quanto una locomotiva lanciata a ritroso verso le origini del suono. Anche stavolta i…

28 May 2010 Podcasts

Read more

Owun - 2.5 (Atypeek Music/Reafførests, 2017)

Tornano gli Owun e continuano questa loro seconda vita iniziata qualche anno fa con il precedente Le Fantôme De Gustav,…

14 Feb 2018 Reviews

Read more

Anatrofobia – Canto Fermo (Wallace/Neon Paralleli/Lizard/ADN/Aut, 2020)

Chi l’avrebbe mai detto? Sono tornati gli Anatrofobia, a  13 anni dall’ultima comparsa su un supporto fonografico. Uno iato così…

24 Jul 2020 Reviews

Read more

Harold Nono/Hidekazu Wakabayashi – S/T (Bearsuit, 2010)

Tempo fa avevamo recensito un lavoro di Harold Nono oltre ad altro materiale della piccola etichetta inglese Bearsuit,…

11 Jun 2010 Reviews

Read more

Le Ton Mité - Version D'Un Ouvrage Traduit (Music A'…

Originario di Olympia, Washington e folgorato dalla Francia, McCloud Zicmuse ha deciso un bel giorno di maggio del 2006…

07 Jan 2015 Reviews

Read more

Francesco Meirino - Beyond Repair (Sincope, 2014)

Lo spagnolo Francesco Meirino, di stanza a Losanna, ha danni abbandonato il suo vecchio moincker Phroq per portare avanti a…

07 May 2015 Reviews

Read more

Plakkaggio HC - Approdo (Hanged Man, 2012)

Terzo e lucidissimo lp/cd per il terzetto di Colleferro ormai capace di coniugare meravigliosamente Oi! ed heavy metal partendo proprio…

12 Mar 2013 Reviews

Read more

Crash Trio - Live At Crash (Setola Di Maiale, 2010)

Questo è un super trio amici miei, nel caso non conosceste gli altri due compagni di viaggio di Stefano Giust…

28 Jan 2011 Reviews

Read more

Il Buio - Via Dalla Realtà, 7" (Corpoc, 2012)

Dopo il bel vinile d'esordio sulla media distanza, torna Il Buio da Thiene con un sette pollici, notevole sia dal…

02 May 2012 Reviews

Read more

Joan Of Arc - Boo! Human (Polyvinyl, 2008)

Ricca ospitata per il nuovo Joan Of Arc (Iron And Wine, Wilco e Bonnie Prince Billy tra gli altri), tanto…

17 Jul 2008 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top