Simon Balestrazzi – Redshift (Azoth, 2018)

Si presenta con una grafica concettuale piuttosto interessante Redshift, il nuovo album di Simon Balestrazzi, efficace controparte visiva di un’uscita che richiama i suoi lavori più sonicamente astratti e meno narrativi. Un linguaggio che poggia su un sostrato elettroacustico, dove gli studi di oggetti, gong e piatti collimano e si intrecciano all’interno di una visione sonora del tutto personale.
Si potrebbe leggere nell’inizio un qualche tributo a un vecchio collaboratore e altro nome di spessore della scena internazionale, Z’ev, nell’utilizzare un impasto sonoro spettrale fatto di echi metallici e rintocchi, ma, se di questo si tratta, l’incedere mostra subito un carattere del tutto peculiare, dove la mano di Balestrazzi è evidente e riconoscibile nelle rarefazioni elettroniche come nell’approccio compositivo. Una prima traccia che gestisce e trattiene la tensione in modo magistrale, coinvolgendo immediatamente l’ascoltatore nella deriva di sommessi droni di sfondo che danno la giusta profondità alla stratificazione. Itinerario che strada facendo si arricchisce di asprezze e feedback crudi che risaltano accordandosi ai bagliori metallici, vagando tra silenzi, sospensioni e sbalzi improvvisi. Intermezzi di lavorio materico incalzano poi in ambientazioni sempre più tese, in cui annegano voci, rarefazioni concrete e field recordings tenendo agganciata costantemente la tensione al giogo del naufragio. Fino all’ultima traccia dalla tematica estatica che evita il banale grazie a un’attenta sovrapposizione di frasi al limite dello stridente che ondeggiano sul tappeto costante; finale che riaccorda il tutto facendo emergere una visione macronarrativa complessa.
Un disco che convince a pieno per il suo modo di trattare argomentazioni modern classical innervando il suono con potenti e affascinanti prospettive elettroacustiche, mostrando un’eleganza compositiva che tiene assieme un percorso non facile all’interno di una poetica mai scontata e avvincente. Un altro prezioso tassello in una discografia dalla qualità sempre molto alta.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Neurosis - 23/08/08 Mamamia (Senigallia - AN)

Pullula di uomini e donne in maglietta nera, Senigallia, già dal tardo pomeriggio. Il pubblico dei Neurosis piano piano prende…

06 Sep 2008 Live

Read more

Belorukov vs Marziano/Fulkanelli – Aggarbatoo! Vol.1 (Lemming/Hysm?, 2012)

Ancora l'attivissima Lemmings Records (era un po' che non ne parlavamo, ma non per inattività loro, bensì per ritardi nostri)…

27 Jun 2012 Reviews

Read more

Cortez - Phoebus (Get a Life, 2013)

Una cascata lavica di feedback dalla pacifica svizzera. Pubblicano questo Phoebus, secondo disco sulla lunga distanza gli elvetici Cortez, già…

28 Mar 2013 Reviews

Read more

Susanna Gartmayer – AOUIE, Solos For Bass Clarinet (Chmafu/God, 2015)

New York’s Alright If You Like Saxophones, dicevano i Fear; se invece amate il clarinetto, la città che fa per…

22 Jan 2016 Reviews

Read more

Bachi Da Pietra - Festivalbug (Corpoc, 2013)

Non sono passate dodici lune dall’uscita di Quintale che già il baco torna a farsi sentire: il suo lavoro è…

20 Dec 2013 Reviews

Read more

Montauk - S/T (Autoprodotto, 2013)

Con un nome che richiama l'oltreoceano (vi basterà cercarlo su google per scoprire come ho fatto io le tante cose…

14 Jun 2013 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 18 (19/02/15)

Per la puntata numero diciotto della terza stagione di The Sodapop Fizz Emiliano e Stefano recuperano una lista di dischi…

23 Feb 2015 Podcasts

Read more

Francesco Meirino - Beyond Repair (Sincope, 2014)

Lo spagnolo Francesco Meirino, di stanza a Losanna, ha danni abbandonato il suo vecchio moincker Phroq per portare avanti a…

07 May 2015 Reviews

Read more

K-Branding - Facial (Humpty Dumpty, 2009)

Molto interessante, ecco finalmente un gruppo che ha dei riferimenti che oggi non sono così comuni, non dico necessariamente fuori…

08 Apr 2009 Reviews

Read more

Hong Chulki & Will Guthrie - Mosquitoes and Crabs (Erstwhile,…

Il rischio che corre un lavoro costruito su concetti frammentari e irrisolti come questo Mosquitoes and Crabs è quello di…

12 Jun 2018 Reviews

Read more

Miss Kenichi - The Trial (Sinnbus, 2014)

Katrin Hahner arriva al terzo disco come Miss Kenichi e fin dalle prime note di questo The Trial non lascia…

07 Oct 2014 Reviews

Read more

Rock And The City - Quelli Che...

Quelli che fanno i giornalisti, però sono pure musicisti e allora si fanno recensire dalle riviste su cui scrivono senza…

05 Nov 2006 Articles

Read more

Farmacia 901

Purtroppo per motivi di tempo spazio e per causa degli Dei che ci sono avversi non possiamo soffermarci su tutto…

13 Sep 2009 Articles

Read more

St.Ride - Volume 2 (Niente, 2009)

Ritornano gli St.Ride con il "solito" ottimo disco... e me l'hanno dovuto dire che il cd era il loro, visto…

23 Jul 2009 Reviews

Read more

Messa In Piaga - Undelicate Sound Of Powder (LR l'oretta…

Ritorna la piaga dai meandri del passato. Sempre  più free, uncompromising e nonsense, stavolta propugna cinque pezzi a metà strada…

10 Aug 2020 Reviews

Read more

Tony Dryer/Jacob Lindsay/Jacob Felix Heule - Idea Of West (Creative…

E' interessante come certe etichette si facciano portavoci di un suono particolare, ma allo stesso tempo di qualcosa che dallo…

17 Oct 2010 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top