Simon Balestrazzi & Nicola Quiriconi – Licheni (Azoth, 2019)

Simon Balestrazzi e Nicola Quiriconi hanno già avuto modo di lavorare assieme in diverse occasioni, sia dal vivo che nel progetto Daimon, trio che oltre ai nostri vede la partecipazione di Paolo Monti/Star Pillow, fino alla collaborazione di Balestrazzi con l’ensemble Vip Cancro, nel quale milita da sempre lo stesso Quiriconi. Ora tornano su Azoth con Licheni, un lavoro in cui si prendono tutto il tempo per sviluppare e mettere a fuoco la collaborazione in duo.
Il suono risente in parte delle derive più materiche dei VipCancro, come anche è forte l’influenza delle ultime sperimentazioni soniche di Balestrazzi che abbiamo potuto sentire nel prezioso Redshift. Il fondo della questione è lavorare esplicitamente su tensioni elettroacustiche, micro tonalità, balbettii, field recordings, oggetti e rarefazioni vocali. Un percorso all’apparenza semplice, ma nella sua cerebralità costruito concatenando i diversi livelli con un mirato gusto della sottrazione. Il titolo richiama la ragion d’essere della collaborazione, trovare il modo migliore per riflettersi nell’altro e vivere una sorta di reciprocità creativa. Aspettare, cercare il momento giusto per incontrarsi e spingere i suoni. Così tra crepitii e feedback trattenuti si delinea lentamente una timbrica brulicante e perfettamente coerente, che sotterraneamente si spande al di là del tempo esecutivo: oggetti sommersi da onde radio sature in bassa frequenza, silenzi rotti da elettronica spuria, respiri squisitamente fisici e brontolii indolenti percorsi da ruvidi bordoni sottovena. Tutte linee di fuga che si collocano su quelle correnti care ai fan della Erstwhile, arrivando in alcuni casi a lambire felicemente la tranquilla inquietudine di artisti come Taku Unami, Annette Krebs o Christian Wolff. Ma il suono di Licheni si differenzia per la maggiore corporeità, risentendo positivamente della componente live action che richiama una sorta di quieto azionismo sonico: una concezione compositiva suonata, e praticata con cadenze di complementarità creativa. Proprio per questo convince, mantenendo salda la propria visione senza disperdersi nelle più disparate analogie descrittive. Una collaborazione che merita tutta la nostra attenzione.

Tagged under: , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Alberto Boccardi – Fingers (Important/Cat|Sun, 2015)

Alberto Boccardi si dà al rock? A chi ricorda le sue prime esibizioni, dove armeggiava con le macchine imbracciando l’inseparabile…

10 Sep 2015 Reviews

Read more

Bad Pritt – EP1 (Shyrec/Ricco, 2021)

Ascoltare ad alto volume. Per quanto possa sembrare strano riferito ad un EP che ha nel piano lo strumento principale…

29 Dec 2021 Reviews

Read more

Cortez - Phoebus (Get a Life, 2013)

Una cascata lavica di feedback dalla pacifica svizzera. Pubblicano questo Phoebus, secondo disco sulla lunga distanza gli elvetici Cortez, già…

28 Mar 2013 Reviews

Read more

Lady Vallens – Noon EP (Second Family, 2010)

Il boss dell'etichetta più il chitarrista degli ottimi Bonora e un tot di macchinari, questo l'organico dei Lady Vallens, che…

30 Aug 2010 Reviews

Read more

Catherine Graindorge ft. Iggy Pop - The Dictator EP (Glittebeat,…

Iggy Pop si sta sempre più svelando come Dj capace e curioso (recente il suo passaggio degli Skiantos nella sua…

20 Sep 2022 Reviews

Read more

Fabrizio Ottaviucci - Ragapiano (Odd Times, 2009)

Da pseudo-relativista (che grazie a Dio non sono) e da seguace della ricostruzione storica individuale, o forse solo da "rosicone"…

22 Dec 2009 Reviews

Read more

Gianluca Becuzzi/Fabio Orsi - Dust Tears And Clouds (Silentes, 2013)

Dopo anni di silenzio torna una delle collaborazioni più azzeccate della scena elettronica ambient italiana: Silentes pubblica un disco doppio…

03 Mar 2014 Reviews

Read more

Crevecoeur - #1 (Drella, 2007)

Mi piace pensare che i francesi siano tutti degli stereotipati figli di Jacques Tati, prima ancora che nostri compagni europei.…

01 Apr 2007 Reviews

Read more

Trio Banana - Arthur Dent EP (Bubca, 2013)

La prima volta in cui mi sono imbattuto nel Trio Banana è stato poco più di un anno fa. Erano…

22 Apr 2013 Reviews

Read more

Hector's Pets - Pet-O-Feelia (Oops Baby, 2014)

Prendete cinque individui a metà strada tra il geek, l'hipster e il punk-rocker, radici a Austin e ora una "carriera"…

13 Nov 2014 Reviews

Read more

Gabriel Sternberg - Endless Night (Canebagnato, 2007)

La Canebagnato è una piccola etichetta milanese, che vuole rimanere tale e che, a detta sua, pubblica album per folk…

11 Apr 2008 Reviews

Read more

@c – Re: Barsento (Galaverna, 2014)

Galaverna è un progetto di radicalismo gentile. Label digitale devota all’arte del field recordings, lega pratica ed estetica in maniera…

31 Jul 2014 Reviews

Read more

Andrea Bolzoni / Luca Pissavini - Duna Lacera (Bunch, 2013)

Bunch records è l'etichetta che Luca Pissavini ha creato per pubblicare la sua musica e Duna Lacera è il disco…

23 Oct 2014 Reviews

Read more

Talibam!/Jealousy Party - Phonometak Series #5 (Phonometak/Wallace, 2008)

Continua inesorabile la serie di vinili marcati Soundmetak/Wallace; la collana solitamente mette insieme nomi conosciuti esteri e nostrani, vecchie glorie…

18 Nov 2008 Reviews

Read more

Equus - Eutheria (Get A Life, 2008)

Entusiasmante debutto per l'elvetico terzetto che, believe it or not, raggiunge a pieno titolo la palma di band Cinematica…

30 Apr 2008 Reviews

Read more

Ludmilla Spleen - Gennariello (Artista Anch'Io/Villa Inferno/Neon Paralleli, 2020)

Mi rendo conto siamo ad inizio anno e di cose ne potremo  ascoltare molte, ma ad oggi, senza indugio alcuno…

18 Feb 2020 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top