Simon Balestrazzi & Nicola Quiriconi – Licheni (Azoth, 2019)

Simon Balestrazzi e Nicola Quiriconi hanno già avuto modo di lavorare assieme in diverse occasioni, sia dal vivo che nel progetto Daimon, trio che oltre ai nostri vede la partecipazione di Paolo Monti/Star Pillow, fino alla collaborazione di Balestrazzi con l’ensemble Vip Cancro, nel quale milita da sempre lo stesso Quiriconi. Ora tornano su Azoth con Licheni, un lavoro in cui si prendono tutto il tempo per sviluppare e mettere a fuoco la collaborazione in duo.
Il suono risente in parte delle derive più materiche dei VipCancro, come anche è forte l’influenza delle ultime sperimentazioni soniche di Balestrazzi che abbiamo potuto sentire nel prezioso Redshift. Il fondo della questione è lavorare esplicitamente su tensioni elettroacustiche, micro tonalità, balbettii, field recordings, oggetti e rarefazioni vocali. Un percorso all’apparenza semplice, ma nella sua cerebralità costruito concatenando i diversi livelli con un mirato gusto della sottrazione. Il titolo richiama la ragion d’essere della collaborazione, trovare il modo migliore per riflettersi nell’altro e vivere una sorta di reciprocità creativa. Aspettare, cercare il momento giusto per incontrarsi e spingere i suoni. Così tra crepitii e feedback trattenuti si delinea lentamente una timbrica brulicante e perfettamente coerente, che sotterraneamente si spande al di là del tempo esecutivo: oggetti sommersi da onde radio sature in bassa frequenza, silenzi rotti da elettronica spuria, respiri squisitamente fisici e brontolii indolenti percorsi da ruvidi bordoni sottovena. Tutte linee di fuga che si collocano su quelle correnti care ai fan della Erstwhile, arrivando in alcuni casi a lambire felicemente la tranquilla inquietudine di artisti come Taku Unami, Annette Krebs o Christian Wolff. Ma il suono di Licheni si differenzia per la maggiore corporeità, risentendo positivamente della componente live action che richiama una sorta di quieto azionismo sonico: una concezione compositiva suonata, e praticata con cadenze di complementarità creativa. Proprio per questo convince, mantenendo salda la propria visione senza disperdersi nelle più disparate analogie descrittive. Una collaborazione che merita tutta la nostra attenzione.

Tagged under: , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Taub - Bedtime Stories (Nonine, 2008)

Per quanto si tratti di un'etichetta nata da poco tempo la Nonine non è davvero niente male, fino ad ora…

05 Sep 2008 Reviews

Read more

Grails - Doomsdayer’s Holiday (Temporary Residence, 2008)

Imperturbabili retro futuristi, i Grails continuano il proprio percorso evo/involutivo iniziato all'inizio di questa decade su Neurot Records. Dopo…

19 Oct 2008 Reviews

Read more

Slagr - Dirr (Hubro, 2018)

Settimo disco nella discografia degli Slagr, Dirr è opera di questo trio norvegese che si muove lungo coordinate di minimalismo…

11 Apr 2018 Reviews

Read more

Benjamin Finger, James Plotkin & Mia Zabelka - Pleasure-Voltage (Karlrecords,…

La prima cosa che colpisce di Pleasure-Voltage è una certa austerità della produzione che inaspettatamente si sposa alla perfezione con…

28 Mar 2019 Reviews

Read more

Jacuzzi Boys - S/T (Hardly Art, 2013)

Bene, se l'abito facesse sempre il monaco, a guardar la copertina del nuovo album dei Jacuzzi Boys, dove campeggia una…

02 Oct 2013 Reviews

Read more

Lucifer Big Band – Atto III (Bloody Sound Fucktory, 2017)

Dev’essere l’anno della chiusura delle trilogie il 2017: dopo Deison & Mingle tocca alla Lucifer Big Band completare il triangolo…

07 Jun 2017 Reviews

Read more

Klasse Kriminale – Vico dei Ragazzi (Randale Records, 2020)

Tenere botta per 35 anni, suonando musica senza futuro come il punk è già di per sé qualcosa di incredibile.…

18 May 2020 Reviews

Read more

Tristan da Cunha – Praia (DreaminGorilla, 2018)

Il duo Francesco Vara e Luca Scotti torna sul luogo del delitto a un anno dal disco d’esordio, riproponendo la…

14 Jul 2018 Reviews

Read more

Konakon – Ars magna (Vacancy, 2015)

Matteo Berghenti l’abbiamo incontrato nei Lady Vallens, duo di Parma che divide con un membro dei Lourdes Rebels; in Konakon…

03 Oct 2016 Reviews

Read more

Trou Aux Rats - Amour Et Sépulcre (Nashazphone, 2018)

Può esistere un disco "romantico" di Romain Perrot aka Vomir? E come può suonare? Domande a cui dà risposta la…

27 Feb 2018 Reviews

Read more

Nimh/Mauthausen Orchestra - From Unalthy Places (Silentes, 2009)

Cari piccoli drughi, se recentemente avete scoperto che Maurizio Bianchi suonava la musica dei vostri eroi del rumore ancora prima…

27 Dec 2009 Reviews

Read more

Concrete - Gvttae Sangvinis (Donna Bavosa/Sanguedischi/Shove, 2009)

Preparatevi perchè più che una recensione si tratterà di un epitaffio, di quelli stile Kina (beh un po' più brutti,…

13 Mar 2009 Reviews

Read more

Transition (Nils Gerold/Nicola Guazzaloca/Stefano Giust) - Arútam (Setola Di Maiale,…

Non è la prima volta che vediamo un "ingaggio" fra Nicola Guazzaloca e Stefano Giust, ma questa volta a rendere…

16 Oct 2012 Reviews

Read more

Chrome Division - Doomsday Rock 'n Roll (Nuclear Blast, 2006)

Ho deciso di dare una svolta alle recensioni di brutti dischi per non prendermi una patente pirandelliana.Con orgoglio posso dire che questo…

20 Jul 2006 Reviews

Read more

Connect_icut - Crows & Kittywakes & Come Again (Rev Laboratories/Aagoo,…

Seconda uscita per la sussidiaria più elettronica della Aagoo e secondo centro: Connect_icut in quaranta minuti riesce a mostrare tutte…

14 Mar 2014 Reviews

Read more

Jemh Circs - (Untitled) Kingdom (Cellule, 2018)

Marc Richter torna con il progetto Jemh Circs e subito ripiombiamo nella sua visione musicale di plagiarismo: pop music presa…

20 Apr 2018 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top