Simon Balestrazzi – Early Works (1979–1982) (Azoth, 2016)

Quello che vedete in copertina può sembrare un registratore a nastro ma non lo è: è una macchina del tempo che ci permette di tornare alle origini della carriera di Simon Balestrazzi, agli anni che hanno preceduto la formazione dei Kino Glaz e dei T.A.C., progetto che sicuramente deve qualcosa alla musica che ascoltiamo in questa raccolta. La storia di come è giunta fino a noi non così è insolita ma è comunque interessante: durante una visita alla casa materna Balestrazzi ha riscoperto, in una scatola del piccolo chimico (!), una serie di cassette contenenti le prime esperienze sonore registrare fra l’estate del ’79 e l’inverno dell’82. Un ritrovamento del genere porta inevitabilmente un’onda di emozioni – nella forma di ricordi di persone, situazioni, oggetti – che noi da fuori possiamo solo intuire (magari leggendo le esaurienti note di copertina) ma che l’ascolto riesce a farci condividere almeno in parte. I primi cinque pezzi che troviamo andavano in origine a comporre Album Nero, una cassetta distribuita agli amici in una manciata di copie, i restanti quattro sono un primo tentativo di analisi critica del proprio lavoro, provenendo da un nastro del 1984 che raccoglieva composizioni degli anni precedenti. Quella di Early Works è materia nemmeno troppo grezza che denuncia gli ascolti dell’epoca nelle fonti utilizzate (alcuni dischi della serie Nova Musicha della Cramps) e prende la forma di un industrial che già guarda al post, totalmente al passo coi tempi, senza contare che ascoltato col senno di poi mostra i germogli di sviluppi allora probabilmente poco prevedibili. Lo spirito di ricerca che anima il tutto è evidente in particolare nella quantità di soluzioni che vengono tentate con risultati talvolta eccessivi, come nell’estenuante Autoritratto Con Teschi – un fiume in piena che per venti minuti trascina con sé voci sussurrate e distorte, canti operistici, dialoghi radiofonici, suoni di varia natura e provenienza – altri decisamente buoni. Fra gli episodi migliori annoveriamo Enfants Menacés  coi suoi spigolosi cut up che giustappongono rumore e melodia, Loplop con gli intricati loop di elettronica e voci a far da base per le incursioni di un violoncello dal sapore decisamente avant e Strange Birds caratterizzato da un suono quasi sinfonico pur nella ruvida pesantezza industriale. Ma al di là del pregio delle singole parti, quello che conta veramente è il valore di un simile disco: per i completisti e i filologhi una testimonianza preziosa dei primi passi di un musicista che ha militato un alcuni dei gruppi più importanti della scena post-industriale italiana (e non solo), per tutti l’opportunità di respirare l’aria di un’epoca indubbiamente vitale per la musica di ricerca dove il farsi forte dei propri limiti, tecnici in primis (buona parte del materiale è suonato e registrato con strumentazione domestica, non professionale), rappresentava un valore aggiunto alla bontà delle idee: vero artigianato sonoro, nel senso più alto del termine.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

7 Training Days – Wires (Autoprodotto, 2013)

Arrivano al secondo album i laziali 7 Training Days e parlare di maturità, quando già lo abbiamo fatto per la…

17 Mar 2014 Reviews

Read more

Sprinzi - Ohh Ohh (Alice/Fooltribe, 2007)

Gli Sprinzi hanno un non so che di speciale: in circolazione da un po' (dieci anni circa), sono il classico…

05 Nov 2007 Reviews

Read more

Larva - 1.0.1 (Cervello Meccanico, 2007)

Puzza di classe Bisani, sarò poco obiettivo, certo, però credo di parlare di uno di quei classici talenti naturali e se…

19 Sep 2007 Reviews

Read more

Aspec(t) - El Obsceno Pàjaro De La Noche (FF HHH,…

Il titolo vorrà dire "l’osceno passero della notte?", boh, purtroppo quel poco di spagnolo che parlavo è andato a farsi…

23 Jul 2009 Reviews

Read more

La Batterie - He Ate A Lamp Now He's A…

"Una versione spongebob dei Sonic Youth", e stavolta chiunque abbia inventato questa definizione per il terzetto berlinese un po' c'ha…

17 Feb 2008 Reviews

Read more

Plakkaggio - Ziggurath (Hellnation, 2015)

Dalla provincia dell'impero ritorna il terribile trio sempre carico di nostalgico NWOBHM in chiave romper stomper. Ma, ricapitoliamo il percorso…

07 Oct 2015 Reviews

Read more

?Alos - Ricamatrici (Bar La Muerte, 2009)

Riparte nella seconda metà del duemilanove la Bar La Muerte di Bruno Dorella, dopo un "intoppo" tragicomico per una storia…

02 Dec 2009 Reviews

Read more

Cupio Dissolvi – Tanatomimesi ( Looney-Tick, 2017)

Si sentiva la mancanza di una pubblicazione che facesse tornare in scena il nome dell’oscuro progetto Cupio Dissolvi le cui…

04 Dec 2017 Reviews

Read more

Gameface - Come On Down 7" (Equal Vision, 2013)

Graditissimo ritorno quello dei californiani Gameface, attivi dai primi anni Novanta ed esponenti del più classico suono melodico applicato alla…

19 Feb 2014 Reviews

Read more

The Use - What's the use (Alrealon Musique, 2014)

Eh sì, è passato un po' di tempo dall'uscita del disco, così come è trascorso molto tempo senza sentir parlare…

07 Aug 2016 Reviews

Read more

Silent Carnival - S/T (Old Bycicle/Viceversa, 2014)

Altro che gli immigrati, sono gli svizzeri a rubarci i lavoro! Nella fattispecie il lavoro del discografico, dato che l’esordio…

26 Feb 2015 Reviews

Read more

Death Mantra For Lazarus - Mu (Grammofono Alla Nitro, 2010)

Ancora tu? Ma non dovevamo vederci più? Non parliamo ovviamente di Lucio Battisti, il cui ritorno ci inquieterebbe assai, essendo…

16 Jun 2010 Reviews

Read more

Abstracter - Wound Empire (Fragile Branch/Vendetta/7Degrees/Shove/Sentient Ruin/An Out/COF, 2015)

Gli italoamericani Abstracter sono di stanza ad Oakland ed arrivano dopo qualche anno a pubblicare il secondo disco: con i…

15 May 2015 Reviews

Read more

Mortification To The Flesh - Le Trésor Maudit (Final…

La Final Muzik inaugura una nuova collana significativamente intitolata Eighties che si propone di rimettere in circolazione titoli di quel…

26 Jan 2012 Reviews

Read more

Earlimart - Hymn And Her (Major Domo/Shout! Factory, 2008)

Ad un primo ascolto, le assonanze tra Hymn And Her, sesto album degli Earlimart, e gli ultimi (capo)lavori degli Stars…

14 Jul 2008 Reviews

Read more

Toni Bruna - Fogo Nero (autoproduzione, 2021)

La mente fa strani, stranissimi collegamenti. Evoca piccole cose che, anni fa, hanno lasciato un segno. Formigole. Nel 2011 a Trieste accadde…

14 Feb 2022 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top