Silent Carnival – Drowning At Low Tide (Viceversa/Seltz, 2016)

Che ci fossero le basi per essere un disco eccezionalmente alto in qualità, visti i protagonisti coinvolti, era fuori ombra di dubbio. Il side project di Marco Giambrone – artista poliedrico nonché chitarrista dei Marlowe che hanno sempre trasudato stile coi loro intrecci musicali perfetti – arriva e ci si aspetta qualcosa di bello. E infatti. Molto cupo fin dal suo incipit – Across The Ocean sembra un inno alle atmosfere a cui può averci abituato Nick Cave giusto per dire qualcuno di grosso -, il secondo album della band propone una rutilante carrellata di pezzi introspettivi e graffianti, segnati da voci che sembra riescano a scavare nella parte buia dell’anima – Holy Flames, Devotion -. La capacità di trascinare nella sfera emotiva più melanconica, viene ampiamente riequilibrata dalla presa di coscienza che per definire queste nove tracce non esista termine più calzante di ‘belle’. Sotto ogni punto di vista. Le canzoni – che si avvalgono di camei preziosi del calibro di Andrea Serrapiglio al violoncello, John Eichenseer alla viola e Gianni Gebbia al sax – sono cesellate in maniera esemplare con pause e timbriche accentuate, seconde voci e scelte di arrangiamenti che sono calcolate per comparire al momento giusto e nella giusta misura. Sempre. Tutto viene ascoltato quando e quanto si deve e la sinergia di tutti gli elementi mi stupisce sempre – Downfall, ma soprattutto, Drifting, che trovo superiore nella sua semplicità -. Drowning At Low Tide è un disco che autunnalmente volge verso il buio, che accompagna nei viaggi mentali, che fa serpeggiare luce nuova sulle cose, come se si osservasse a doppia velocità l’arrivo del crepuscolo. Penso che gli Unwound mi abiano già dato questa sensazione piacevole e un po’ inquietante. Penso che i Silent Carnival siano a quel livello. Visti recentemente dal vivo nello spazio piccolo e intimo del nuovo negozio di vinili milanese Volume – che è bello nel senso spiegato sopra e se doveste capitare a Milano, dovreste programmare una visita in Via Paladini 8 -, il trio dei Silent Carnival ha saputo rendere magnetica l’aria. Di solito basta dire che qualcuno dal vivo vale tantissimo e il resto va da sè. Io ho fatto il contrario. Pazienza.

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Fear - The Record (The End, 2012)

Se date da ripetere a memoria a un pappagallo i versi di Dante, siete sicuri che qualcosa di buono ne…

28 Feb 2013 Reviews

Read more

Crash Trio - Live At Crash (Setola Di Maiale, 2010)

Questo è un super trio amici miei, nel caso non conosceste gli altri due compagni di viaggio di Stefano Giust…

28 Jan 2011 Reviews

Read more

L'Altra - Telepathic (Acuarela Discos, 2011)

Il progetto L'Altra, con base a Chicago, torna dopo ben sei anni di silenzio, tanto che credevo che la band…

14 Apr 2011 Reviews

Read more

Simon Balestrazzi – The Sky Is Full Of Kites (Boring…

Abbiamo più volte avuto occasione di segnalare la prolificità di Simon Balestrazzi, sia in solo che in collaborazione con altri…

29 Jun 2012 Reviews

Read more

Low Low Low La La La Love Love Love -…

Continua la carriera discografica di questa band inglese che risponde al nome bizzarro di Low Low Low La La La…

01 Dec 2009 Reviews

Read more

Valina - A Tempo! A Tempo! (Trost, 2008)

Mi appoggerò nuovamente al mio tormentone preferito, il grande Pozzetto di Paolo Barca, Maestro Elementare Praticamente Nudista in cui…

08 May 2008 Reviews

Read more

Mr. Milk – S/T (Casa Molloy, 2011)

Se qualcuno come me anni fa si era ritrovato il cuore stracciato dall'album di quello svedese di Josè Gonzales (come…

13 Mar 2011 Reviews

Read more

Melampus - Hexagon Garden (Riff/Sangue Disken/Old Bicycle, 2015)

Il terzo disco dei Melampus pecca nell'artwork: pulito, essenziale, ben fatto, chiaro. Tutto perfettamente in regola, se non fosse che…

30 Apr 2015 Reviews

Read more

700Bliss - Nothing To Declare (CD Hyperdub, 2022)

Niente da dichiarare. Ho ripetuto questa frase migliaia di volte vivendo a stretto contatto di un confine, quello svizzero italiano. Nothing…

22 Jun 2022 Reviews

Read more

She Owl - S/T (Broken Toys, 2013)

Del progetto She Owl si parla come di un mostro sacro, si legge di pezzi che suonano come il vento…

03 Jan 2014 Reviews

Read more

Jennifer Gentle - The Midnight Room (Sub Pop, 2007)

Bisogna mettere un disclaimer. Subito. Non sono un amante delle sonorità psichedeliche. Non ho un background di Pebbles, Nuggets o…

03 Sep 2007 Reviews

Read more

Ground Unicorn Horn - S/T (Three.One.G, 2007)

Piccoli oggettini e deformazioni fisiche. Ossa inesistenti e problemi di dieta. Temporanei divertissement di annoiati e insofferenti capipopolo. Tutto…

14 Feb 2008 Reviews

Read more

Downfall Of Gaia - Epos (Shove et al., 2011)

In quest'anno scolastico la Shove ce l'ha messa tutta per arrivare a giugno con il massimo dei voti e per…

12 May 2011 Reviews

Read more

Dust Dive - Claws Of Light (Own, 2007)

"Everyday is an indie day" dove era Reagan per Biafra o Sid Migx, ad ogni modo quella è la materia…

13 Dec 2007 Reviews

Read more

Versus The Mirror - Home (Equal Vision, 2006)

Oggi sono andato a curiosare sul sito dei Versus The Mirror per dare una occhiata e ho letto che si…

27 Feb 2007 Reviews

Read more

Mark Putterford - Phil Lynott: The Rocker (Omnibus Press, 2002)

La fascinazione per i Thin Lizzy mi ha preso così per caso, un mattino di settembre. E' una di quelle…

19 Nov 2006 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top