Secret Colours – Peach (Autoprodotto, 2014)

I Secret Colours sono il seme imbastardito della psichedelia primo periodo e del Britpop. Questa è la prima frase che si legge nel comunicato stampa che li presenta. Effettivamente colgo entrambi i riferimenti in maniera decisamente spiccata. Già da Blackbird, la prima traccia – citazione beatlesiana inconscia? -, Peach si rivela come un lavoro dai suoni devoti alla religione Madchester – Freak, World Through My Window – celebrati con bridge di stampo showgaze mutuati dai Blur di Leisure e Modern Life Is A Rubbish (backvocals e sottolineature di mellotron a secchiate) e Charlatans e voce molto simile (un pò troppo?) a quel Ian Brown dei tempi andati, quando ancora U.N.K.L.E. non era neanche all’orizzonte e non prestava la sua voce che a singoli osannati da NME e Melody Maker. Alla ricetta si aggiungano le chitarre in leggero overdrive che seguono pedissequamente la costruzione classica di canzone strofa-ponte-ritornello e si completa velocemente un quadro già visto. Euphoric Collisions ha inserti quasi garage che fanno pensare ai primi Kinks e solo Blackhole – andatevela a sentire qui – si discosta un pò da un album che mi sembra un’operazione commerciale per riportare in voga un certo genere – Brian Deck, già produttore di Modest Mouse e Gomez, deve aver visto lontano in merito a ciò che tornerà di moda -, svalvola rispetto al resto essendo composta da parti molto diverse tra loro che mischiano acustica, elettronica soft che si avvicina quasi al trip hop e giochi di effetti che rendono il tutto psichedelico come da promessa iniziale. Peccato che io ritenga che sia l’unico pezzo che esca dal coro. Peach è un disco di facile ascoltabilità e sicuramente l’insieme è gradevole,ma quasi mi infastidisce che sia zeppo di riferimenti troppo sfacciati che lo caratterizzano. I quattro di Chicago sono bravi, ma potrebbero forse provare ad intraprendere una strada musicale che li renda più indipendenti dalla scena britannica che li ha indubbiamente segnati, forse troppo.

Tagged under: , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

AA.VV. - L'Antologia Funk, Dagli Anni 70 Ad Oggi (Cramps,…

Ernesto de Pascale ed il prode Bobby Soul assemblano questa doppia raccolta su Cramps con trentatre tracce per altrettanti artisti:…

14 Jun 2010 Reviews

Read more

Little Black Dress - Dunes EP (Idol, 2013)

Gli EP sono creature strane. Benedetti se si deve parlare di qualcosa che è mediocre, terribilmente dolorosi se si tratta…

02 Aug 2013 Reviews

Read more

Le Singe Blanc - Strak! (Magdalena/Keben, 2006)

In questo disco la scimmia bianca (questa la taduzione del mome Le Singe Blanc) sembra davvero "stracca", che esattamente come in…

25 Feb 2007 Reviews

Read more

La Teiera Di Russell - NMR (DreaminGorilla/Scatti Vorticosi/Vollmer/Tanto di Cappello,…

Un fitto tessuto di parole mutuate da situazioni non musicali, questo l'intro - e l'outro - di NMR, primo lavoro…

30 Dec 2015 Reviews

Read more

Uomoman - Digital Kind Of Guy (Wallace/Blackbug/Il Verso Del Cinghiale/Villa…

Se i Quasiviri fossero un gruppo sul viale del tramonto anziché gli autori di un’opera maiuscola come Super Human, non…

22 May 2015 Reviews

Read more

Mabinuori Kayode Idowu - Fela Kuti. Lotta Continua! (Stampa Alternativa/Nuovi…

Come spesso accade in Italia, ci piace alterare i titoli originali dei film come quelli dei libri con nuovi significati…

31 Oct 2007 Articles

Read more

Humcrush - Enter Humcrush (Shhpuma, 2017)

A sei anni di distanza da HA!, collaborazione con la singer e improvvisatrice Sidsel Endresen, il duo Humcrush pubbica il…

23 Apr 2018 Reviews

Read more

Owen Tromans - Hope Is A Magnet (Sacred Geometry, 2007)

La bella copertina bianco celeste raffigura un flipper con un magnete, il titolo è all'insegna dell'ottimismo, così come i…

13 Jun 2008 Reviews

Read more

Adriàn Juarez & Zenlu - Random Trip (Chew-Z, 2008)

Proprio di recente comprando un vecchio Nurse With Wound sono ritornato per la miliardesima volta a pensare quanto cazzo fosse…

24 Apr 2008 Reviews

Read more

Ffatso - Mano Nera (Setola Di Maiale, 2009)

Un nuovo disco targato Setola Di Maiale in ambito più marcatamente jazzistico: l’amore di Stefano Giust per il genere ed…

16 Jul 2009 Reviews

Read more

Robert Lepenik - Postepeno (God/Entr'acte, 2012)

Robert Lepenik è un musicista austriaco attivo da parecchio tempo in diversi ambiti: partendo dal suonare la chitarra nel gruppo…

27 Nov 2012 Reviews

Read more

Walter Schreifels - an open letter to the scene (Arctic…

Spero che il nome non vi sia nuovo, perchè per gente che ha bazzicato nel circuito hardcore o che ha…

06 Jul 2010 Reviews

Read more

Julia Ensemble – S/T (Altrove, 2011)

Pianoforte, chitarra, batteria e contrabbasso, questo il nucleo sonoro centrale dei Julia Ensemble, a cui si aggiungono una pletora di…

11 May 2012 Reviews

Read more

Kinit Her - The Poet & The Blue Flower (Avant!,…

Una sorta di avvicinamento (super) uomo/natura, testa fra le nuvole, seduto su vette altissime e purissime: questa la copertina (opera…

18 Oct 2013 Reviews

Read more

Gli Putridissimi/Luther Blissett – Split (FromScratch/Hysm/Ashame/Eclectic Polpo/Charity Press, 2012)

Cassetta in limitatissima edizione, novanta copie appena, per cui conviene sbrigarsi, inventarsi un modo per contattare i gruppi coinvolti e…

29 Nov 2012 Reviews

Read more

Remora – Derivative (Gear Of Sand, 2009)

Nome dietro cui si nasconde il solo Brian John Mitchell (boss della Silber Records) con la sua chitarra e i suoi…

21 Nov 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top