Scout Niblett – 20/11/10 Interzona (Verona)

Ammetto di essermi mosso, questa sera, dietro pressione di vari amici che avevano tessuto le lodi di Scout Niblett e solo dopo essermi accertato non si trattasse di indie pandistelle. D’alta parte, essendo la collaborazione con Will Oldham il lavoro che più mi viene nominato, non sono per nulla preparato a ciò che avrei sentito e forse non ero il solo: il pubblico numeroso, testimonianza di uno zoccolo duro di fans, arriverà a scaldarsi solo sul finale, quando arriveranno le canzoni vere e proprie. Ma andiamo con ordine… Sale sul palco sola la Niblett, per quanto la presenza di una batteria incustodita lasci supporre futuri sviluppi. Per ora comunque c’è solo lei, che saluta con un apparentemtne timido “hi” e subito lascia campo alla voce acutissima e alla chitarra dalle cadenze scout_niblet_interzonaipnotiche, dando forma a un folk fuori dagli schemi che si direbbe più di matrice inglese che americana. Poi è il turno di un lungo pezzo dall’incedere drammatico che alterna vocalizzi e schitarrate hard, prima che si faccia finalmente avanti il batterista che completa l’organico, senza tuttavia imprimere alcuna particolare svolta alla serata: si limita a supportare, ora con percussioni delicate, ora pestando senza complimenti, tanto i pezzi rock quanto quelli più folkeggianti. Quello che viene fuori, ora in forma un po’ più compiuta, è una specie di folk-sludge (?), canzoni minimali e sporchissime con lunghe e lente parti strumentali, musica sgraziata ma forte della propria irregolarità. D’altra parte, cosa aspettarsi da una tipa che si presenta in braghe slavate e gilet fosforescente, passa le pause tra un pezzo e l’altro a scarnficarsi un dito coi denti, a fare stretching o a chiedere al pubblico se ci sono domande? È un pacchetto da prendere o lasciare in toto e a questo punto non c’è dubbio che valga la pena prendere. Meno notevole è invece la seconda parte del concerto, marcata da una performance della nostra a batteria e voce con cui esegue una medley aperta e chiusa da un’agghiacciante versione di We Are The World, cantata senza troppa convinzione da parte del pubblico. È quindi il turno di una serie di canzoni più normali, probabilmente le hits a giudicare dall’approvazione dei presenti, belle ma senza la particolarità che caratterizzava le composizioni suonate in precedenza, così come per nulla memorabile è la rispettosa cover di Josephine dei Magnolia Electric Co.. Si è a questo punto appena oltre l’ora e qui si chiude, appena in tempo perché il bilancio resti positivo: da neofita, cominciavo ad annoiarmi.

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Gaerea - S/T (Everlasting Spew, 2017)

Con qualche mese di ritardo sull'uscita segnaliamo questo interessante esordio dalle tinte decisamente fosche. Presentandosi come una via di mezzo…

30 Dec 2017 Reviews

Read more

Luca Majer - Matita Emostatica (Volo Libero edizioni)

Questo libro più CD edito da Volo Libero e mandatomi dallo stesso Majer, non raccoglie solo alcune memorie dell'autore relative…

16 Nov 2011 Reviews

Read more

Paul Beauchamp - Sala B: Intervention (Chew-Z, 2010)

Doppia uscita della Chew-Z in bilico fra la capitale sabauda ed un contesto internazionale, infatti se Tommasini si accompagnava a…

04 Feb 2011 Reviews

Read more

Caso - La Linea Che Sta Al Centro (To Lose…

E ancora con la menata che a me i cantautori, soprattutto se cantano in italiano, non fanno impazzire. E ancora…

29 May 2013 Reviews

Read more

Mir - S/T (Wallace/A Tree In A Field, 2009)

Qualcuno quest’estate mi ha parlato bene di questo trio e me l'ha presentato come un "gruppo alla Zu", ovviamente con…

19 Oct 2009 Reviews

Read more

Vincenzo Vasi - Braccio Elettrico (Tremolo A, 2010)

Che dire di Vincenzo Vasi? Che basta guardare le foto con cui si presenta per capire che si tratta di…

16 Mar 2011 Reviews

Read more

Reflue - A collective Dream (Shyrec, 2006)

Superpop anglofono di quello in stile Homesleep di poco tempo fa tanto per intenderci, ora la Homesleep ha fatto scuola?…

16 Oct 2006 Reviews

Read more

Stefan Fraunberger - Quellgeister #1 (Chmafu Nocords, 2014)

Questo disco parte dall'idea di Stefan Fraunberger di andare a suonare un vecchio organo in una vecchia chiesa al centro…

27 May 2014 Reviews

Read more

Larva 108 - Music For Cup Marked Stones (Inverno, 2011)

A poca distanza dall'uscita della raccolta per i primi dieci anni di Larva 108, Guido Bisagni (unico nome dietro a…

17 Apr 2011 Reviews

Read more

The Books – 30/04/11 Interzona (Verona)

Non sono mai stato un grande fan dei The Books: sulla carta quello che fanno è interessante, ma su disco…

21 Apr 2011 Live

Read more

Delay House - 3 (Stop, 2012)

I Delay House da Rimini propongono col terzo disco la loro interpretazione di suoni in salsa wave tenebrosa con …

05 Oct 2012 Reviews

Read more

Shonen Knife – Free Time (Damnably, 2011)

Ho scoperto le Shonen Knife anni fa grazie ad uno splendido split 7" in compagnia degli Shudder To Think (senza…

25 Oct 2011 Reviews

Read more

Prosperina - Faith In Sleep (Maybe, 2012)

Musica abbastanza lisa e consunta quella dei Prosperina, ma per chi ama chitarrismi elefantiaci in un magma psichedelico potrebbe esserci…

12 Dec 2012 Reviews

Read more

Protected By The Local Mafia - S/T (Autoprodotto, 2008)

Nel variegato e spietato panorama genovese fa piacere vedere emergere, tra gli altri, anche questi ragazzi (con un nome da…

22 Feb 2009 Reviews

Read more

Mount Eerie – Ocean Roar (P.W. Elverum & Sun, 2012)

A breve distanza da Clear Moon, sempre a nome Mount Eerie arriva Ocean Roar e si apre con Pale Lights, una…

22 Oct 2012 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 38 (16/07/15)

Puntata numero trentotto della terza stagione di The Sodapop Fizz, Emiliano e Massimo con una scaletta estiva ma non del…

19 Jul 2015 Podcasts

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top