Savage Republic – 27/01/10 Kroen (Villafranca – VR)

Non era vero niente, avevamo scherzato: il Kroen c'è ancora, gode di ottima salute e continua a proporre ottima musica. Il Kroen c'è ancora, almeno per una notte, il tempo di salutare ed assistere al proprio funerale officiato, non poteva essere altrimenti, dai californiani Savage Republic, resident band d'eccezione che innamoratasi del posto nel corso del tour dello scorso anno ha adddirittura composto una canzone che ne porta il nome. Sarà il richiamo di un nome storico, sarà la voglia di presenziare alla mesta cerimonia, con tanto di bara, libro delle presenze e candele votive (elettriche), fatto sta che il locale è pieno all'inverosimile nonostante sia mercoledì, ennesima dimostrazione che la morte fa vendere, specie in ambito rock'n'roll. Chierichetti della serata sono i veronesi Righetti, la cui esibizione mi perdo fra cerimonie di rito funerale------------kroen--------------savage_republice gesti di condoglianze ai parenti più stretti finchè, annunciati da un tetro mietitore, gli americani prendono posto sul palco. La partenza non è propriamente fulminea con un post-rock strumentale, buono comunque a mettere in mostra le strabilianti doti del batterista, che si guadagna subito la ribalta. Fortunatamente il cambio di registro è immediato, con Ethan Port che abbandonata la chitarra (la rotazione degli strumenti sarà la costante di tutto il concerto) e si mette alle percussioni metalliche, dando vita a poliritmie che sono uno dei marchi di fabbrica del gruppo. Il pubblico, finalmente coinvolto, ondeggia amabilmente ed è cullato dalle melodie orientaleggianti, altro elemento ch ha reso famoso il suono del quartetto, ma che in realtà sarà poco sfruttato, preferendo puntare sul ritmo. Entra anche la voce, ruvidamente post punk, ma a farla da padrone sono sempre i battiti industriali, certo non una soluzione innovativa, ma che dal vivo assolve perfettamente il compito, tanto che anche i pezzi del recente 1938, in sé piuttosto moscio, ne escono trasformati. Ancora qualche pezzo postrock a far calare la tensione e prima della fine l'annunciata Arci Kroen: una Careful With That Axe, Eugene in salsa acida, atmosfera torrida e notturna, una bella marcia funebre. Ma non finisce qui, c'è tempo per due bis, i pezzi più esplosivi della serata, dance post industriale che prosciuga le residue energie del pubblico. Un finale in crescendo, per il concerto e per il Kroen. E speriamo che il fantasma torni a tirarci i piedi…

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Gaerea - S/T (Everlasting Spew, 2017)

Con qualche mese di ritardo sull'uscita segnaliamo questo interessante esordio dalle tinte decisamente fosche. Presentandosi come una via di mezzo…

30 Dec 2017 Reviews

Read more

Luca Majer - Matita Emostatica (Volo Libero edizioni)

Questo libro più CD edito da Volo Libero e mandatomi dallo stesso Majer, non raccoglie solo alcune memorie dell'autore relative…

16 Nov 2011 Reviews

Read more

Paul Beauchamp - Sala B: Intervention (Chew-Z, 2010)

Doppia uscita della Chew-Z in bilico fra la capitale sabauda ed un contesto internazionale, infatti se Tommasini si accompagnava a…

04 Feb 2011 Reviews

Read more

Caso - La Linea Che Sta Al Centro (To Lose…

E ancora con la menata che a me i cantautori, soprattutto se cantano in italiano, non fanno impazzire. E ancora…

29 May 2013 Reviews

Read more

Mir - S/T (Wallace/A Tree In A Field, 2009)

Qualcuno quest’estate mi ha parlato bene di questo trio e me l'ha presentato come un "gruppo alla Zu", ovviamente con…

19 Oct 2009 Reviews

Read more

Vincenzo Vasi - Braccio Elettrico (Tremolo A, 2010)

Che dire di Vincenzo Vasi? Che basta guardare le foto con cui si presenta per capire che si tratta di…

16 Mar 2011 Reviews

Read more

Reflue - A collective Dream (Shyrec, 2006)

Superpop anglofono di quello in stile Homesleep di poco tempo fa tanto per intenderci, ora la Homesleep ha fatto scuola?…

16 Oct 2006 Reviews

Read more

Stefan Fraunberger - Quellgeister #1 (Chmafu Nocords, 2014)

Questo disco parte dall'idea di Stefan Fraunberger di andare a suonare un vecchio organo in una vecchia chiesa al centro…

27 May 2014 Reviews

Read more

Larva 108 - Music For Cup Marked Stones (Inverno, 2011)

A poca distanza dall'uscita della raccolta per i primi dieci anni di Larva 108, Guido Bisagni (unico nome dietro a…

17 Apr 2011 Reviews

Read more

The Books – 30/04/11 Interzona (Verona)

Non sono mai stato un grande fan dei The Books: sulla carta quello che fanno è interessante, ma su disco…

21 Apr 2011 Live

Read more

Delay House - 3 (Stop, 2012)

I Delay House da Rimini propongono col terzo disco la loro interpretazione di suoni in salsa wave tenebrosa con …

05 Oct 2012 Reviews

Read more

Shonen Knife – Free Time (Damnably, 2011)

Ho scoperto le Shonen Knife anni fa grazie ad uno splendido split 7" in compagnia degli Shudder To Think (senza…

25 Oct 2011 Reviews

Read more

Prosperina - Faith In Sleep (Maybe, 2012)

Musica abbastanza lisa e consunta quella dei Prosperina, ma per chi ama chitarrismi elefantiaci in un magma psichedelico potrebbe esserci…

12 Dec 2012 Reviews

Read more

Protected By The Local Mafia - S/T (Autoprodotto, 2008)

Nel variegato e spietato panorama genovese fa piacere vedere emergere, tra gli altri, anche questi ragazzi (con un nome da…

22 Feb 2009 Reviews

Read more

Mount Eerie – Ocean Roar (P.W. Elverum & Sun, 2012)

A breve distanza da Clear Moon, sempre a nome Mount Eerie arriva Ocean Roar e si apre con Pale Lights, una…

22 Oct 2012 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 38 (16/07/15)

Puntata numero trentotto della terza stagione di The Sodapop Fizz, Emiliano e Massimo con una scaletta estiva ma non del…

19 Jul 2015 Podcasts

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top