Ronin – 14/02/10 Arci Dallò (Castiglione Delle Stiviere – MN)

Per pochi gruppi, credo, il suonare dal vivo è necessario come per i Ronin. Necessario per testare e sviluppare i pezzi, ma soprattutto per dar risalto ad aspetti che su disco non emergono, dando così una visione a tutto tondo di quello che è la band. Stasera ne avremo ulteriore conferma. Nella stretta stanza a volta, quasi un tunnel, che funge da sala concerti per il piccolo club mantovano, i quattro musici si dispongono con Bruno Dorella e Nicola Ratti, armati delle loro semiacustiche, in prima fila e la sezione ritmica Martino-Rotondaro defilati sul fondo. Non è comunque solo la posizione a far spiccare i primi due: Ratti sfoggia una pettinatura degna del miglior Elvis, Dorella un'improponibile camicia sottratta al guardaroba di Drugo Lebwoski; quando si dice "classe". Essendo il tour di presentazione de L'ultimo Re è su questo album che s'incentra la scaletta, eppure l'atmosfera è assai diversa da quella che percepiamo dal dischetto di plastica. Innanzitutto pur trattandosi di musica riflessiva, a volte quasi intimistica, quello dei ronindall-------------------------------------ronindallRonin è un concerto da gustarsi in posizione eretta, dove continuamente si è indotti a battere il piede e a farsi trascinare dal ritmo. E se ciò è scontato per pezzi come Fuga Del Prete, lo è meno per i tranquilli (almeno su disco) Lo Spettro e Morte Del Re ed il merito è da ascrivere soprattutto al drumming secco di Enzo Rotondaro. Altra differenza: alle atmosfere serie, finanche cupe dei pezzi, si contrappone l'ironia dei musicisti che emerge negli intermezzi di commento e presentazione ai pezzi. Diciamo la verità, un loro concerto non è una cosa del tutto seria (non me ne vogliano…). O piuttosto lo è la musica, com'è suonata e quello che esprime, mentre le parole, per scelta stilistica fuori dal discorso musicale, bilanciano con dosi abbondanti di ironia e autoironia, dando al contempo l'idea che quello che c'è di politico nella loro musica (temi delle canzoni, scelte di gestione del gruppo) non possa dissociarsi dall'umano, cosa non scontata come potrebbe apparire. È questo quello che si respira in una serata come questa, serata di cui, mi rendo conto, dopo 1800 battute ho parlato assai poco. Fatemi così almeno citare una versione così spettrale de I Pescatori Non Sono Tornati, che pare estratto dalla colonna sonora di The Fog (l'originale, non quella merda del remake), i pezzi etnici come L'Etiope e Canzone D'Amore Moldava, che pur parlando lingue distanti sono assolutamente rock'n'roll e un Dorella che, oltrepassato il limite dell'inesistente palco per osservare la sua band dalla prima fila, nel rientrare in posizione trascina con sé fili, alimentatori e quant'altro. Gran finale semi-catastrofico, poi è solo il tempo delle parole con il líder a narrare avventure di tour e gag varie. Un altro momento imprescindibile di un (post)concerto dei Ronin.

Tagged under: ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Gesuco Razzati – S/T (Autoprodotto, 2013)

Manufatto di pregevole fattura, il CDr dei Gesuco Razzati, misterioso combo eporediese cultore del rumore prodotto con aggeggi elettronici e…

09 May 2013 Reviews

Read more

Makhno – Silo Thinking (Wallace/Neon Paralleli/Hysm?/Brigadisco, 2012)

Makhno (nome di un anarchico ucraino già usato per una collaborazione fra Nicola Guazzaloca e Francesco Guerri) è il moniker…

12 Oct 2012 Reviews

Read more

Il compleanno del Megawolf 2 – 05/02/11 Ekdina (Carpi -…

Strano animale il Megawolf che da un anno all'altro cambia la data del compleanno. Trattandosi comunque di una tremenda e…

26 Feb 2011 Live

Read more

Black Mountain - Wilderness Heart (Jagjaguar, 2010)

Spinto da un grande sforzo pubblicitario arriva il terzo disco dei rcanadesi Black Mountain, ormai consolidati come uno dei più…

14 Oct 2010 Reviews

Read more

Artifact Shore - Fun Is Near (Interference Shift, 2007)

In questo mini cd della durata di venti minuti circa, gli Artifact Shore dimostrano che alla facciazza di quelli che…

04 Apr 2008 Reviews

Read more

Psychofagist - The Optician Ep (The Spew, 2009)

Obbiettivamente credo che questo genere (grind) oggi abbia senso solo ed esclusivamente se interpretato a questi livelli. Tecnicamente il…

26 Oct 2009 Reviews

Read more

Sean Carey - All We Grow (Jagjaguar, 2010)

Non sempre le cose sono come sembrano: Sean Carey è sì il batterista dei Bon Iver, ma per nostra fortuna…

22 Jul 2010 Reviews

Read more

Wolf Eyes + Ghédalia Tazartès/Nico Vascellari – 23/05/12 Triennale (Milano)

Per la serata dedicata all'etichetta VON all'interno della rassegna Open, questa sera alla triennale ci sono i Wolf Eyes, reduci…

15 Jun 2012 Live

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 16 (05/02/15)

Per la puntata numero sedici della terza stagione di The Sodapop Fizz Emiliano e Stefano ospitano in trasmissione Andrea Serrapiglio…

09 Feb 2015 Podcasts

Read more

Larix – S/T (Pseudomagica, 2017)

Fonti ben informate, basandosi su uscite discografiche e cartelloni di concerti, mi dicono essere tornato in auge il jazz-core: rabbrividiamo.…

15 Dec 2017 Reviews

Read more

Unidentified Sound Object - Unsorted Tales (Synesthesia, 2012)

Il duo composto da Matteo Milani e Federico Placidi pubblica questo Unsorted Tales, in cui fa sfoggio di grandi doti…

10 Dec 2012 Reviews

Read more

?Alos - Ricamatrici (Bar La Muerte, 2009)

Riparte nella seconda metà del duemilanove la Bar La Muerte di Bruno Dorella, dopo un "intoppo" tragicomico per una storia…

02 Dec 2009 Reviews

Read more

The Haunting Green – Natural Extinctions (Hypnotic Dirge, 2019)

Al primo incontro con The Haunting Green, era l’epoca del single club della Final Muzik, il duo di Pordenone ci…

21 May 2019 Reviews

Read more

Panel Of Judges + The Aesthetics + Zond + Hissey…

Serata di band locali assieme ai "cugini" neozelandesi The Aesthetics in uno dei locali con la più lunga tradizione per…

20 Sep 2010 Live

Read more

Peter Kernel - White Death Black Heart (On The Camper,…

Dalla Svizzera con furore. E' proprio il caso di dirlo, visto che mi ero imbattuta in un live dei Peter…

26 Oct 2011 Reviews

Read more

Mombu - Niger (Subsound, 2013)

Sempre a metà strada tra il divertissement e il "safari senza fucile", proseguono le sperimentazioni etno (?) industriali del duo…

17 Dec 2013 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top