Robert Lippok – 27/10/2014 Santa Maria in Chiavica (VR)

Scatta l’ora legale e, col favore delle tenebre, riparte la seconda stagione dell’associazione Morse; in realtà, contando l’ottimo Path Festival nel mese di agosto, i ragazzi non si sono mai davvero fermati, mettendo in piedi una programmazione che ha privilegiato la cura dei particolari alla frequenza: poche (ma non pochissime) cose ben fatte, insomma. In quest’ottica si riparte stasera con un ospite di riguardo, quel Robert Lippok fondatore dei redivivi To Rococo Rot e da tempo impegnato come solista.
La location è quella più frequentemente utilizzata, la chiesetta di Santa Maria in Chiavica, un luogo dove si torna sempre con piacere.  L’ambiente interno appare quasi vuoto, con le sedie ridotte a poche unità e qualche puf spartano sistemati ai piedi delle colonne: sulla carta è in effetti una serata che potrebbe prestarsi  a una fruizione in posizione eretta, per poter godere dei ritmi generati dalle muto__santa_maria_in_chiavicamacchine. A far gli onori di casa è, a sorpresa, M.uto (già lo ascoltammo all’Interzona di spalla ai Matmos), con un set che parte un po’ lento ma poi si dipana bene attraverso ambientazioni mutevoli: ambient, battiti dub, inserti quasi techno, un buon antipasto a ciò che sentiremo nel corso della serata. Lippok, che ha assistito all’apertura da posizione defilata, fa partire il proprio set in maniera straniante: un pezzo etno-pop, che all’inizio sembra essere semplicemente un riempitivo in attesa dell’inizio dell’esibizione, diventa invece la base per le prime incursioni ritmiche, che finiscono per dissolverlo. Sono subito i battiti a guadagnarsi la ribalta con accelerazioni ed improvvise pause, un andamento discontinuo che nega  ogni possibilità di abbandono, tanto più che i beat, dalle sonorità scopertamente di sintesi o metalliche, frantumano regolarmente i momenti più quietamente ambient o le fugaci melodie di synth. È un gioco sottile con l’ascoltatore, continuamente lippok__santa_maria_in_chiavica_2indotto a lasciarsi trascinare dal flusso e poi repentinamente scaricato. Lippok controlla tutto con un mouse e un visual sequencer mentre, sullo schermo issato sopra di lui, i prismi della copertina di Redsuperstructure mutano gradualmente colore, a ciclo continuo. La sua è musica che parla alla mente ma anche al corpo ed è un peccato che la maggior parte del pubblico la segua da seduto: l’impressione è che qualcosa si perda, mentre sarebbe stato bello percepire, anche attraverso il movimento, la partecipazione collettiva. Tra l’altro, pur rimanendo decisamente un suono inorganico, traslata dal vivo la sua musica diventa meno fredda e fa trasparire il tocco umano che governa la macchina. Verso la mezzora, alle irregolarità ritmiche della prima parte si sostituiscono ritmi più regolari e concitati, ma quando finalmente ci  sembra di aver preso le misure, tutto si spegne improvvisamente. Il tentativo d’applauso viene tuttavia soffocato dal subitaneo inizio di un nuovo brano, caratterizzato da sonorità decisamente ambient e pacifiche, a tratti sporcate da rumori tenui. Sensibilmente più lento del precedente e quasi rilassante, il pezzo viene scosso lippok__santa_maria_in_chiavica_1gradualmente da una rumorosa corrente sotterranea che ne increspa la superficie, mentre i battiti fugaci si organizzano in tappeti  sempre più compiuti fino a costruire il più classico ambient ritmico, non originalissimo ma ben orchestrato e d’effetto: mente e corpo che viaggiano all’unisono. A ribadire la dialettica umano-meccanico, verso la fine una voce in loop ripete meccanicamente un conteggio prima progressivo e poi a rovescio, roba degna del Conet Project; a questo punto la ritmica torna per un attimo padrona del campo, prima che le distese di synth ci conducano placidamente alla fine. Fine che è sancita da un breve discorso dove Lippok apprezzamento per la particolare location e ringrazia chi rende possibile eventi del genere. Speriamo che anche altri capiscano il valore della cosa.

Foto di Anna Mainenti

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Harshcore & Der Einzige – Live Bujùn Dokument (Old Bicycle,…

Harshcore, il progetto di Luca Sigurtà e Tommaso Clerico, è per vocazione propenso all'interagire e al mischiarsi con altre realtà:…

28 Jun 2013 Reviews

Read more

Adamennon/Shiver – S/T (Diazepam, 2020)

Se, durante la successione di antichi e più recenti capodanni, dal 31 ottobre al 31 dicembre, la distanza fra i…

29 Dec 2020 Reviews

Read more

Alberto Boccardi/Lawrence English – split 12” (Fratto9 Under The Sky,…

Del bellissimo spettacolo organizzato all’oratorio di San Lupo a Bergamo un anno fa parlammo a suo tempo nella sezione live.…

13 Dec 2013 Reviews

Read more

Belanov - Paragraph (Dying Giraffe, 2008)

Dopo essere recentemente passati per l'Italia in occasione di un minitour che ha toccato esclusivamente il nord della Lombardia (!)…

24 Oct 2008 Reviews

Read more

Lee Gamble - KOCH (PAN, 2014)

Ritorno al futuro. Sarà ormai più di un mese che ascolto questo disco (alternandolo con altro, naturalmente), perchè con le…

16 Oct 2014 Reviews

Read more

Rage Against The Sewing Machine Vs. Indch Libertine – S/T…

Del duo bolognese delle Rage Against The Sewing Machine avevamo già avuto occasione di parlare in occasione del Tago Fest:…

02 Sep 2011 Reviews

Read more

Yuk! Interventi a cadenza casuale e necessaria numero 3 -…

Etica. Un parolone. Però mi interessa perchè, parlando di musica, segna lo sfumato confine tra le proposte che valgono qualcosa…

13 Oct 2012 Articles

Read more

Il compleanno del Megawolf 2 – 05/02/11 Ekdina (Carpi -…

Strano animale il Megawolf che da un anno all'altro cambia la data del compleanno. Trattandosi comunque di una tremenda e…

26 Feb 2011 Live

Read more

The Ex + Ililta Band - 21/03/09 Interzona (Verona)

Trent'anni (beh, qualcuno quasi cinquanta, mi sa...) e non sentirli. Gli olandesi The Ex, in occasione del trentennale, battono…

28 Mar 2009 Live

Read more

Father Murphy - Orsanti They Call Them (Yerevan Tapes, 2013)

Per la gioia di tutti gli aficionados del loro personalissimo culto tornano i Father Murphy: dopo Anyway Your Children Will…

04 Jun 2013 Reviews

Read more

Labirinto – Anatema (Dissenso, 2010)

Dal Brasile, attivi dal 2003, questi Labirinto arrivano oggi (beh non proprio oggi, l’album è del 2010) a…

11 Mar 2011 Reviews

Read more

Sigillum S - Coalescence of Time: Other Conjectures on Future…

L’incipit è immediatamente feroce ed animalesco, ferino, tipo una fossa cyborg. Come il più grande carnivoro malgascio i nostri sembrano…

16 Jun 2022 Reviews

Read more

Luminance Ratio - Like Little Garrisons Besieged (Boring Machines/Fratto9 Under…

Luminance Ratio, ovvero il rapporto tra la luminosità delle luci d'ambiente e quella dello schermo del computer: prendendola in senso…

23 Feb 2010 Reviews

Read more

Mastice – Crepa (Hellbones/I Dischi Del Minollo, 2020)

Il secondo lavoro lungo dei Mastice, duo noise ferrarese, segna un deciso passo avanti nella definizione di una propria cifra…

02 Sep 2020 Reviews

Read more

Isterismo + Circuits + Collapsed Toilet Vietnam + Leprosy +…

Nella nostra trasferta downunder non poteva mancare un concerto alla mecca del punk locale: all'Arthouse infatti ha suonato praticamente qualunque…

14 Sep 2010 Live

Read more

Gregor Samsa - Rest (Own, 2008)

I Gregor Samsa tornano con un nuovo disco, dopo il bellissimo 55:12. Per fortuna non ripetono esattamente la formula con…

25 Apr 2008 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top