Riul Doamnei – Apocryphal (Dead Sun, 2007)

Ci sono alcune caratteristiche nella musica di oggi assolutamente sorprendenti. Perché fino all’inizio degli anni novanta le band italiane di ispirazione straniera (quindi in ambito rock praticamente tutte) risultavano meschine copie di quelle straniere? Forse eravamo meno intelligenti, forse la comunicazione era più approssimativa, forse eravamo no-global sul serio e non lo sapevamo. Il quesito lo rimando altrove. Oggi. Oggi tra Riul Doamnei, Black Engine e Ufomammut+Lento c’è un filo conduttore che non è sicuramente caratterizzato dal genere musicale: le quattro band non sono più italiane. Sono esclusivamente ciò che fanno. Già, perché seppur con stili e passioni ben distinte, tutte interpretano magnificamente e in modo assolutamente originale ed individuale ciò in cui credono. Questo comporta una competitività stilistica che non ha eguali, perlomeno nei panorami musicali in cui si muovono. Nello specifico dei cinque veronesi, la disinvoltura con cui i Riul Doamnei destreggiano il black sinfonico è a dir poco spettacolare. Tra l’altro, con un genere tutt’altro che maneggevole. La produzione è cristallina, rabbiosa, pulita. Il suono è talmente gonfio e graffiante da far impallidire il nuovo Dimmu Borgir e le aperture delle tastiere si incastonano perfettamente col ringhio di voce e chitarra. Gli arrangiamenti sono sempre studiati, ragionati e provati all’infinito. Un prototipo sicuramente inadatto per circolare su strada, ha troppi cavalli motore. Peccato per la solita copertina da avanspettacolo: la Maddalena ritratta sembra spaventata quanto le professioniste sotto casa mia. Ma tra colleghe millenarie ci sta comunque. Consigliato a chi ha idolatrato Stormblast dei Dimmu Borgir, a chi vede bene Russel Crowe come gladiatore e a chi vuole Dimitri libero.

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Andrea Ferraris/Matteo Uggeri - Autumn Is Coming, We're All In…

Spesso non si riesce a seguire il ritmo delle uscite di molti musicisti elettronici/ambientali/sperimentali, ma tra i dischi usciti quest'anno…

31 Oct 2010 Reviews

Read more

Zavoloka Vs. Kotra - To Kill The Tiny Groovy Cat…

Non è bello dirlo, ma spesso leggendo titolo e nome di un gruppo dell’est verrebbe da pensare che sia arretrato…

02 Dec 2006 Reviews

Read more

Heroin In Tahiti – Death Surf (Boring Machines, 2012)

Il lato oscuro di Tahiti su Boring Machines: non musica da spiaggia o surf rock come lo intendiamo noi, al…

19 Jan 2012 Reviews

Read more

Patron And Patron - Gen (Nonine, 2008)

Iniziate a segnarvi il nome di Me Raabenstein perché ho il sospetto che "il ragazzo abbia il risultato nelle gambe",…

16 Sep 2008 Reviews

Read more

Annie Hall - Cloud Cuckoo Land (Pippola, 2007)

Dopo un demo e un Ep autoprodotto, l'approdo all'album d'esordio in un cartoncino che al tatto sembra fatto di stoffa.…

12 Oct 2007 Reviews

Read more

Christian Alati – Pietra (Chew-Z/Grey Sparkle/Canebagnato, 2009)

L'iperattiva netlabel Chew-Z, in combutta con Grey Sparkle e Canebagnato, ci regala prima che si chiuda il 2009, il CD solista di…

30 Dec 2009 Reviews

Read more

Roberto Fega - Postcard From A Trauma (Setola Di Maiale,…

Ritorna Il maestro Fega dopo poco tempo dall'ultimo lavoro recensito sempre su queste pagine. Stavolta non si tratta (apparentemente) di…

16 Dec 2021 Reviews

Read more

Pagan Moon Organization, intervista con il vampiro

Nel cuore della vecchia Torino, a cercare bene, si possono trovare strani ed invitanti anfratti come nel caso di Pagan…

26 Apr 2011 Interviews

Read more

RD - Bodies Inspected (Luce Sia, 2020)

Dub post-atomico, apparentemente disarticolato, ma che si struttura nell'inesorabile incedere addizionando continui blip e pattern cigolanti. Bodies Inspected è il…

15 Nov 2020 Reviews

Read more

Climat - Iccopoc Papillon (Autoprodotto, 2016)

Suonare post - math - rock nel 2016? Completamente fuori tempo massimo mi direte! Ma i Climat, con due axeman…

05 Oct 2016 Reviews

Read more

Simon Balestrazzi: dagli albori industriali alla musica contemporanea

Per quanto introdurre uno come Simon Balestrazzi risulti superfluo, vi basti sapere che oltre ad essere una delle colonne portanti…

07 Apr 2012 Interviews

Read more

Murmur Mori - La Morte Dell'Unicorno (Casetta, 2018)

La prima cosa che si nota del nuovo disco dei Murmur Mori è il suo essere un lavoro ormai maturo:…

05 Jul 2018 Reviews

Read more

My Disco - 22/10/10 Polyester Records (Melbourne)

Difficile penetrare nei meandri della musica indipendente locale, ma per fortuna chiaccherando veniamo a sapere dal bassista dei My Disco…

18 Sep 2010 Live

Read more

AA.VV. - Blood On The Scratchplate '65 (Motorsoundsrecords, 2006)

Piove, là fuori la cazzo di città fognosa è ancor più fognosa. E' pomeriggio e sembra sera. I coglioni girano,…

25 Sep 2006 Reviews

Read more

Edgar Café - Alcuni Fattori Marginali (Arci Sana, 2008)

Sebbene al disco d'esordio, il cammino dei genovesi Edgar Cafè è lungo e denso di caratteri propri ed eterogenei. Difficile…

25 Oct 2009 Reviews

Read more

Gil Hockman - Dolorous (Self Released, 2015)

A volte la semplicità paga, come nel caso di questo disco fatto di niente, nato quasi per caso attraverso un…

28 Oct 2015 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top