Raccoo-oo-oon – Behold Secret Kingdom (Release The Bats, 2007)

Qualche nota per cominciare, i Raccoo-oo-oon provengono da Iowa City, Iowa, USA. Raccoon invece è il procione, l’orsetto lavatore americano, e sul sito del gruppo se ne vedono in fotografia i resti sbudellati da qualche predatore. Una foto cinica ma che rende l’idea dei personaggi in questione, che a vederli mi sembrano dei giovani freak fusi un pò dementi e dalle facce simpatiche, poi non so, tutto questo si basa sul fatto di aver visto un paio di foto in rete. Il disco, primo ufficiale dopo una serie di cdr e cassette ed una ristampa sempre su Release The Bats, si muove su coordinate apparentemente indefinite ma allo stesso tempo facilmente riconoscibili. Il suono è un krautrock tra Can (Malcolm Mooney e Damo Suzuki ringraziano) e Amon Düül II rinvigorito da bordate chitarristiche ai limiti dello stoner, qualcosa di neanche troppo lontano, per arrivare a tempi relativamente recenti, dai Boredoms. Ma potemmo anche dire tipo Animal Collective, ma molto più pesanti, o come i Black Dice ma più concisi e rock. Il tutto condito da ritmiche tribali, elettronica povera fuori controllo, rumorismi assortiti, voce effettata, distorta, riempita di eco, riverbero, delay, eccetera eccetera, a cui va aggiunta una buona dose di improvvisazione, o forse sarebbe meglio dire casualità. Anche se i nostri amici procioni non inventano nulla di nuovo – ma chi ne è ancora capace in fondo? – l'ascolto di Behold Secret Kingdom prende, cattura. Sarà quel tocco di psichedelia cupa e ossessiva che attraversa in lungo e in largo il disco, sarà che i momenti maggiormente free sono limitati e il gruppo sembra non perdersi in sbrodolamenti onanistici quanto piuttosto badare al sodo, vedi il minutaggio dei brani mediamente contenuto (si viaggia sui cinque minuti di media) e certe impennate stoner rock. Sarà che dopo un certo numero di ascolti ci ho fatto l'abitudine, ma devo dire che per le mie orecchie c'è un certo gusto nella costruzione di questi otto brani, c'è una visione, perlomeno, o per dirla alla Julian Cope, c'è una certa dose di Luce e Verità, o meglio, è un bel viaggio. Soprattutto sarà, infine, che appena sento odore di kraut(i) a me viene appetito, in particolare ora verso il mezzogiorno, ma per quanto mi riguarda questo disco è decisamente buono. Consigliato, anche lontano dai pasti.

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Gianluca Becuzzi/Fabio Orsi - Dust Tears And Clouds (Silentes, 2013)

Dopo anni di silenzio torna una delle collaborazioni più azzeccate della scena elettronica ambient italiana: Silentes pubblica un disco doppio…

03 Mar 2014 Reviews

Read more

Makhno – Silo Thinking (Wallace/Neon Paralleli/Hysm?/Brigadisco, 2012)

Makhno (nome di un anarchico ucraino già usato per una collaborazione fra Nicola Guazzaloca e Francesco Guerri) è il moniker…

12 Oct 2012 Reviews

Read more

Davide Cedolin - Contemplations and other Instrumentals from the Valley…

Diciamocela tutta, basterebbe il titolo. Socchiudi gli occhi, un refolo di vento ed è tutto lì. Ma in realtà c’è molto…

09 May 2022 Reviews

Read more

Encode – Core (Ghost, 2011)

Incollati a piedi saldi negli anni '90 ma con voglia di rimettersi in pista, dopo un esordio  di ben 8…

20 Apr 2011 Reviews

Read more

Matteo Uggeri/Luca Mauri/Francesco Giannico – Pagetos (Boring Machines/Grey Sparkle, 2012)

A concludere la quadrilogia iniziata nel 2007 da Maurizio Bianchi e Matteo Uggeri e dedicata ad alcuni aspetti della natura…

20 Jul 2012 Reviews

Read more

Thunder Bomber – S/T (6x6, 2009)

Sorti dalle ceneri ancora tiepide dell'iper-hyped band Machete dopo un risolutivo cambio alla sezione ritmica e già assurti a piccolo…

22 Dec 2009 Reviews

Read more

Birthmark - Antibodies (Polyvinyl, 2012)

Nate Kinsella, il cugino dei due più noti fratelli, si è aggiunto negli ultimi anni ai Joan Of Arc, creatura…

12 Jun 2012 Reviews

Read more

Tindersticks - Ypres (Lucky Dog/City Slang, 2014)

Non sorprende affatto vedere i Tindersticks, rinomata band inglese di "pop orchestrale da cameretta", alle prese con un lavoro musicale…

05 Dec 2014 Reviews

Read more

Talibam! + Mangia Margot - 19/05/09 Arci Kroen (Villaranca -…

Era certo uno dei nomi di punta del cartellone di questa fine stagione quello dei newyorkesi Talibam!, ridottisi a duo…

30 May 2009 Live

Read more

Sigurtà, Fhievel, Hue - Live At Lab 12, Part 1…

Un preambolo più che dovuto per dire che se Uggeri non è capace di star fermo sembra che anche i…

06 Jun 2007 Reviews

Read more

Cobra Experience – 04/11/10 Locanda Di Campagna (Lonato - BS)

Ultimo concerto dell'anno alla Locanda (si riprenderà a primavera) con il nome da me più atteso, quei Cobra Experience che…

21 Sep 2010 Live

Read more

Giant Drag - Hearts And Unicorns (Kickball, 2005)

I Giant Drag, sono californiani e sono solo in due. Ma suonano con la maestria di cinque. Come cinque…

08 Aug 2006 Reviews

Read more

AA.VV. - Quit Having Fun (Boring Machines, 2009)

Prima compilation per Boring Machines, e anche se non sono assolutamente un fan della raccolte in genere (per non parlare…

06 Nov 2009 Reviews

Read more

New Monuments - New Earth (Pleasure Of The Text, 2018)

Dopo una lunga militanza con un considerevole numero di uscite sull’Amercan Tapes di John Olson, e dopo essere passati con…

11 Dec 2018 Reviews

Read more

Tsigoti – Private Poverty Speaks To The People Of The…

Perchè parlare oggi di un disco uscito nel 2009? Semplicemente per due motivi: da Sodapop non era ancora passato e…

10 Jul 2012 Reviews

Read more

?Alos - Yomi, L'Oscura Terra Dei Morti (Bar La Muerte,…

Per questo 10", che fa da ponte tra Ricamatrici e un nuovo disco già in preparazione, Stefania Pedretti sceglie di…

14 Feb 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top