Raccoo-oo-oon – Behold Secret Kingdom (Release The Bats, 2007)

Qualche nota per cominciare, i Raccoo-oo-oon provengono da Iowa City, Iowa, USA. Raccoon invece è il procione, l’orsetto lavatore americano, e sul sito del gruppo se ne vedono in fotografia i resti sbudellati da qualche predatore. Una foto cinica ma che rende l’idea dei personaggi in questione, che a vederli mi sembrano dei giovani freak fusi un pò dementi e dalle facce simpatiche, poi non so, tutto questo si basa sul fatto di aver visto un paio di foto in rete. Il disco, primo ufficiale dopo una serie di cdr e cassette ed una ristampa sempre su Release The Bats, si muove su coordinate apparentemente indefinite ma allo stesso tempo facilmente riconoscibili. Il suono è un krautrock tra Can (Malcolm Mooney e Damo Suzuki ringraziano) e Amon Düül II rinvigorito da bordate chitarristiche ai limiti dello stoner, qualcosa di neanche troppo lontano, per arrivare a tempi relativamente recenti, dai Boredoms. Ma potemmo anche dire tipo Animal Collective, ma molto più pesanti, o come i Black Dice ma più concisi e rock. Il tutto condito da ritmiche tribali, elettronica povera fuori controllo, rumorismi assortiti, voce effettata, distorta, riempita di eco, riverbero, delay, eccetera eccetera, a cui va aggiunta una buona dose di improvvisazione, o forse sarebbe meglio dire casualità. Anche se i nostri amici procioni non inventano nulla di nuovo – ma chi ne è ancora capace in fondo? – l'ascolto di Behold Secret Kingdom prende, cattura. Sarà quel tocco di psichedelia cupa e ossessiva che attraversa in lungo e in largo il disco, sarà che i momenti maggiormente free sono limitati e il gruppo sembra non perdersi in sbrodolamenti onanistici quanto piuttosto badare al sodo, vedi il minutaggio dei brani mediamente contenuto (si viaggia sui cinque minuti di media) e certe impennate stoner rock. Sarà che dopo un certo numero di ascolti ci ho fatto l'abitudine, ma devo dire che per le mie orecchie c'è un certo gusto nella costruzione di questi otto brani, c'è una visione, perlomeno, o per dirla alla Julian Cope, c'è una certa dose di Luce e Verità, o meglio, è un bel viaggio. Soprattutto sarà, infine, che appena sento odore di kraut(i) a me viene appetito, in particolare ora verso il mezzogiorno, ma per quanto mi riguarda questo disco è decisamente buono. Consigliato, anche lontano dai pasti.

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Mulo Muto/Beta – Tape Crash #11: The Examination (Old Bicycle,…

Nell’undicesimo scontro della serie su cassetta ideata dalla Old Bicycle estraiamo dalle lamiere gli svizzeri Mulo Muto e i padani…

14 Sep 2015 Reviews

Read more

Bad Powers - S/T (The End, 2012)

Un' atmosfera palpabilmente febbricitante ammanta questo esordio tutto nuovaiorchese. Infatti dalle ceneri ancora fumanti dei Made Out Of Babies (tre…

21 Dec 2012 Reviews

Read more

Andrew Quitter/Nick Hoffman - Nu Grotesque (Diazepam, 2013)

Collaborazione tra Andrew Quitter e Nick Hoffman sulla nostrana Diazepam di Mauro Sciaccaluga. Quitter aveva già inciso una bella cassetta…

10 Mar 2014 Reviews

Read more

OvO – Crocevia (Load, 2009)

Tornano gli OvO e questa volta la release è 100% "made in Usa" come buona parte delle armi con cui…

10 Jan 2009 Reviews

Read more

Words And Actions - Time Can't Be Turned Back (Final…

Dopo tre anni i vita i Words And Actions si arrendono all'ormai vetusto formato CD: Final Muzik pubblica infatti una…

24 Jul 2013 Reviews

Read more

Built To Spill - You In Reverse (Warner Bros, 2006)

Premesso che qualsiasi uscita sotto questo nome andrebbe acquistata a scatola chiusa (compreso il tanto criticato Ancient Melodies Of The…

29 Sep 2006 Reviews

Read more

Orange - Certosa (Midfinger, 2009)

L'album degli Orange arriva nelle mie mani corredato da un semplice booklet contenente i testi dei brani, e nulla più.…

03 Oct 2009 Reviews

Read more

Vs. Antelope – S/T (Arctic Rodeo, 2011)

Escono per la tedesca Artic Rodeo (recorz) i VSA, così come al gruppo piace chiamarsi. La label di Amburgo…

25 Jul 2011 Reviews

Read more

Barnacles - The Evening News (Arell, 2017)

Esordio sulla breve distanza per la nuova creatura di Matteo Uggeri, che come Barnacles pubblica su Arell (nel bel formato…

03 May 2017 Reviews

Read more

Sean Noonan Pavees Dance - Tan Man's Hat (RareNoise, 2019)

Seconda uscita per l’ensemble Pavees Dance capitanato dal batterista di lungo corso Sean Noonan, un cantastorie moderno che, come evoca…

02 Jul 2019 Reviews

Read more

New Jooklo Age – 16/11/10 Circolo Creassant (Brescia)

È ancora il Creassant, nel mortorio omologato della tanto a sproposito decantata scena bresciana, a offrirci una serata di musica…

07 Oct 2010 Live

Read more

Black Lava - Lady Genocide (Hellbones, 2019)

Schegge radioattive scagliate in una corsia d'ospedale e conficcate sulle pareti bianche. Questa è la perfetta sintesi del progetto condiviso…

05 Jul 2019 Reviews

Read more

Ryan Powers Boyle - S/T (Far And Away, 2010)

Indeciso se suonare in una band o fare tutto da solo, questo cantautore, originario di St. Petersburg Florida, alla fine…

05 Sep 2010 Reviews

Read more

Silvia Cignoli - The Wharmerall (Pitch The Noise, 2020)

Raffinata elettronica ascensionale per il debutto solista di questo enfant prodige milanese. A nostro insindacabile giudizio siamo al cospetto di…

05 May 2020 Reviews

Read more

Atlantic/Pacific - Meet Your New Love (Arctic Rodeo, 2010)

No amici, non si tratta di uno split, ma del nome per il progetto scelto da Garrett Klahn già in…

07 Sep 2010 Reviews

Read more

The Rust And The Fury - See The Colors Through…

Piove. Ultimamente non è strano per niente, no? Comunque, siccome, secondo me, il caso esiste fino a un certo punto,…

19 Sep 2014 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top