Psycho Kinder – Perì Phýseos (Fonetica Meccanica, 2021)

Psycho Kinder, entità mutevole ma dotata di un baricentro ben saldo, capace di trova ogni volta nuovi compagni che ne condividano l’indole composta e oppositiva, si presenta all’appuntamento del sesto album con un titolo che rivela senza possibili fraintendimenti la fonte a cui i testi attingono: Perì Phýseos, Sulla Natura, opera del filosofo greco Eraclito. Come già annunciato, il lavoro è condiviso con Maurizio Bianchi, personaggio che non necessita presentazioni e del quale è giusto appena ricordare la scelta di estraniarsi dalla vita pubblica che lo rende ideale fiancheggiatore della poetica disallineata di Alessandro Camilletti. Che in questo nuovo episodio l’artista marchigiano metta la voce ma non le parole non rende il lavoro meno personale: l’attenta ricerca e selezione di brani altrui e la loro ricomposizione in un’opera coerente ed autonoma, è di per sé un atto creativo originale, cosa evidente nella grande quantità di rimandi e suggestioni che i concetti, pur disposti secondo il linguaggio sintetico proprio delle ultime pubblicazioni dell’autore, sanno creare. La voce stessa, sempre recitata, talvolta filtrata, conferisce alle parole peso sempre diverso frazionando il testo per l’intera lunghezza del brano (Track 8), duplicandolo in mantra che ne rafforzano i significati (Track 6) o in loop che ne creano continuamente di nuovi (Track 4 e Track 9), oppure ergendosi lapidaria per poi lasciare spazio al suono (Track 3) di un Bianchi particolarmente in palla, capace di creare musiche esse stesse strumento per la trasmissione e l’approfondimento dei contenuti. Perì Phýseos è innanzitutto un’opera che guarda alla realtà da una diversa prospettiva, quella di un cosmo increato e di un tempo circolare, vedendo in questo moto perpetuo, che porta gli estremi a toccarsi, una fonte vitale: quanto l’idea di una simile fusione possa essere impopolare, in tempi di pigri manicheismi e di settarismo ottuso, non è inutile sottolinearlo. Questo disallineamento rispetto alla retorica imperante lo evidenzia già il primo brano che chiama a raccolta i prescelti: nottivaghi, magi, posseduti da Dioniso, menadi, iniziati. Se siete fra questi potrete conoscere la natura del cosmo (Track 2) e capire che “Ciò che si oppone converge, e dai discordanti bellissima armonia” (Track 3); è a questo punto che la musica, fino ad ora discreta accompagnatrice, esplode in 11 minuti di massimalismo sonico fra droni impazziti, svisate dal sapore prog, ritmi, volumi assordanti: un’ipertrofia che sottolinea l’idea dirompente portataci dalle parole e ci conduce in un attimo oltre la metà del lavoro. Qui i contorni si fanno meno definiti, la lingua più allusiva e le immagini maggiormente esoteriche; il senso generale rimane chiaro, ma altri possibili significati si affiancano al filone principale, fra fanciulli che giocano a scacchi su dub post-industriali (Track 8) e improvvise rivelazioni durante inquieti dormiveglia (Track 7). L’invito finale a sperare l’insperabile, irraggiungibile con la sola razionalità, sigilla un lavoro dal peso specifico notevole, indisponibile al compromesso ma propositivo, esso stesso apprezzabile solo staccandosi da ogni convenzione e idea preconcetta. Fatevi iniziare, dunque.

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Fight Club – Feedback (Sidi/Tornado Ride/Fucking Clinica/Tropo, 2010)

Infrangiamo la prima regola e parliamo del Fight Club: un terzetto bergamasco dedito a un hardcore sparato senza "se" e…

10 May 2010 Reviews

Read more

Grails - Doomsdayer’s Holiday (Temporary Residence, 2008)

Imperturbabili retro futuristi, i Grails continuano il proprio percorso evo/involutivo iniziato all'inizio di questa decade su Neurot Records. Dopo…

19 Oct 2008 Reviews

Read more

Bass Tone Trap - Trapping (Music A La Coque, 2007)

Prima di entrare nel vivo della recensione mi sembra il minimo far notare che questo CD esce per quella Music…

15 Jun 2007 Reviews

Read more

Oxbow + Monsieur Gustavo Biscotti – 18/11/09 Arci Kroen (Villafranca…

Può capitare che uno stato d'animo non proprio sereno modifichi la percezione delle cose, è normale. Quindi ci sta che…

23 Nov 2009 Live

Read more

Rainer Maria - Catastrophe Keeps Us Together (Grunion, 2006)

Even if Rainer Maria are an emo band, Catastrophe Keeps Us Together is not an emo album. Con questa citazione…

24 Jul 2006 Reviews

Read more

AA.VV. - Art Detox 2010 (Ethereal Open Network, 2011)

Disintossicarsi dall'arte: questo l'obiettivo del progetto Art Detox 2010, parte una catena di incontri e iniziative che si svolgono ogni…

22 Dec 2011 Reviews

Read more

Lady Vallens – Phemur (Second Family, 2012)

Tornano i Lady Vallens, stavolta con un disco intero, dopo l'EP che recensimmo un paio di anni orsono. Se là…

25 Jan 2013 Reviews

Read more

Deison & Mingle - Tiliaventum (Final Muzik/Loud!, 2017)

Se la memoria non mi inganna siamo alla quinta collaborazione tra Cristiano Deison e Mingle (Andrea Gastaldello), il duo fin…

06 Sep 2017 Reviews

Read more

Swedish Mobilia – Knife, Fork And Spoon (Leo, 2012)

Un trio all'americana, chitarra, basso e batteria, ma con un sound quasi nordeuropeo, stampati da un'etichetta Inglese, ma provenienti dal…

18 Jan 2013 Reviews

Read more

Dialvogue (Andrea Bolzoni/Daniele Frati) – Outfit (Bunch, 2014)

Il collaudato sodalizio fra Andrea Bolzoni e Daniele Frati a nome Dialvogue, passato da Setola Di Maiale a Bunch Records,…

30 Jan 2015 Reviews

Read more

The Wisdom - Hypothalamus (Heavy Psych Sounds, 2014)

Misticismo, oriente, terzo occhio e quanto altro potrebbe venire in mente ad un americano che tratta di argomenti che non…

09 Jun 2014 Reviews

Read more

Kevin Devine - Brother's Blood (Arctic Rodeo, 2009)

Secondo disco Arctic Rodeo che mi capita fra mani ed orecchie e l'impressione è che si sia sintonizzata su gente…

31 Oct 2009 Reviews

Read more

True Widow - True Widow (End Sounds, 2008)

Widow. Vedova. Una parola forte. Una parola che richiama ai nostri occhi un’immagine precisa. C’è chi la vede una donna…

05 Mar 2009 Reviews

Read more

Delia Meshlir - Calling the Unknown (CD / LP Irascible,…

Partiamo da molto tempo fa, 2015 quando, durante una delle mie fallimentari esperienze come tour booking riesco a piazzare a…

21 Apr 2022 Reviews

Read more

Giovanni Rossi – Industrial [R]Evolution (Tsunami, 2011)

Va sempre più arricchendosi la bibliografia riguardo alla musica industriale in lingua italiana. Quest'opera di Giovanni Rossi, giornalista di Ritual…

28 Sep 2011 Reviews

Read more

Extra Large Unit - More Fun, Please! (PNL, 2018)

La Large Unit di Paal Nilssen-Love è il suo personale ensamble dedito all’improvvisazione spesso molto radicale, visto i componenti che…

17 Jul 2018 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top