Peter Piek – Cut Out The Dying Stuff (Solaris Empire/ Tron, 2014)

Che personaggio interessante Peter Piek: dipinge fin da bambino – e ne ha fatto un lavoro -, suona da quando aveva 12 anni, è autore di libri di arte e fondatore di un Centro artistico-culturale, suona in giro per il mondo – da quasi due anni ininterrottamente – e canta pezzi in tedesco – Analyse -, cinese – (Ti O O) -, dedica canzoni a città – Girona – e a quartieri che l’hanno segnato – Brooklyn Lullaby -, fa ascoltare musica durante le sue mostre, fa vedere sue creazioni grafico-pittoriche durante i suoi concerti. La cosa che più mi colpisce di questo che è il suo terzo album però è la poliedricità che si fa colonna portante nei suoi pezzi che attraversano il cantautorato e lo celebrano – Left Room -, porgono sentiti omaggi a un poprock morbido – Cut Out The Dying Stuff – e non dimenticano brevi incursioni nell’elettronica minimal – Alive -. Peter Piek parla di amore a tutto tondo: per la musica, l’arte, la gente, le cose che vede, la vita; è uno dei pochi artisti entusiasti che conosco e mi piace tanto anche per questo. Per realizzare i suoi video, collabora con colleghi specializzati in altri campi, giusto per fare un esempio, qui c’è il clip di una traccia di Cut Out The Dying Stuff, dove regia, fotografia, costumi e musica fanno parte di uno stesso lavoro pur essendo frutto di contributi che provengono da differenti autori – una su tutti, Ari Fuchs che a me è piaciuta molto. Se avete voglia di dare un’occhiata, qui c’è il suo sito. Se qualcuno se lo chiedesse, Peter Piek è tedesco – secondo me hanno una marcia in più -, giovane, vive e lavora a Lipsia – che è una citta strabella – e ha suonato con John Elliot, Appaloosa – mica niente – e i Naked Lunch  – che sono un altra band tedesca di quelle storiche per l’indie teutonico e, siccome per me sono pure pezz’e core, vi linko (tipo bonus) un pezzo vecchissimo che mi piaceva esageratamente (e via di nota nostalgico-autobiografica) -.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Owls – The Night Stays (Rare Noise, 2011)

In genere il catalogo Rare Noise non incontra i miei gusti, anche in quei casi dove non posso che riconoscere…

14 Mar 2011 Reviews

Read more

Deflore - 2 Degrees Of Separation (Subsound, 2010)

Interessante calcio all'indietro verso le cupe, ma turgide sonorità power dark dei primi anni novanta che portarono (allora) alla ribalta…

12 Oct 2010 Reviews

Read more

Simon Balestrazzi - Ultrasonic Bathing Apparatus (Sincope, 2015)

Un rollio di basse frequenze capace di spaccarvi i woofers apre Ultrasonic Bathing Apparatus di Simon Balestrazzi, uno dei musicisti…

11 Jan 2016 Reviews

Read more

Cop Problem - Buried Beneath White Noise 7" (The…

Bello intenso, scuro e maligno questo 7 pollici che arriva dagli Stati Uniti e segna il ritorno dei Cop Problem…

25 Feb 2014 Reviews

Read more

Agatha – Goatness (Wallace/Basement City, 2011)

Evolutesi a power-duo dopo l'abbandono della chitarrista ormai a tempo pieno nei Verme, le Agatha si sono reinventate, allenandosi…

23 Feb 2011 Reviews

Read more

Sakee Sed – Alle Basi Della Roncola (Mousemen, 2010)

Quelle contenute in Alle Basi Della Roncola, esordio dei Sakee Sed, sono canzoni da balera, o da saloon, suonate con "sentimento…

24 May 2010 Reviews

Read more

Erdem Helvacioglu & Ros Bandt - Black Falcon (Doublemoon, 2011)

Riecco Erdem Helvacioglu, che abbiamo già recensito a più riprese dai tempi del suo lavoro su New Albion; come per…

15 Sep 2011 Reviews

Read more

Mombu - Niger (Subsound, 2013)

Sempre a metà strada tra il divertissement e il "safari senza fucile", proseguono le sperimentazioni etno (?) industriali del duo…

17 Dec 2013 Reviews

Read more

Dead Boomers + GNAUMGN + Undecisive God - 12/10/10 Bar…

Ogni martedì sera al Bar Open c'è la serata sperimentale/rumorista Mess+Noise curata da Sean Baxter, noto soprattutto come batterista free…

06 Sep 2010 Live

Read more

Maggot/Heifetz – Plays The Music Of Slobodan Kajkut (God, 2013)

Uno split LP in cui due formazioni chitarra-batteria interpretano composizioni di Slobodan Kajkut, dal tono evidentemente minimalista: il suono, nei…

20 May 2013 Reviews

Read more

Impossible Hair - What Is The Secret Of Impossible Hair…

Pop rock molto semplice e vintage per gli Impossible Hair, e quando dico pop rock non parlo di qualcosa che…

17 Mar 2009 Reviews

Read more

The Caretaker – Patience (After Sebald) (History Always Favours…

Album ambizioso a nome The Caretaker, ovvero Leyland James Kirby. In un attimo Patience ti conduce ti trasporta in…

27 Aug 2012 Reviews

Read more

Metroschifter + Lucertulas – 28/11/09 Interzona (Verona)

"Quando all'inferno non c'è più posto, i morti camminano sulla terra" diceva un personaggio in Zombi di Romero. Beh, l'inferno…

30 Nov 2009 Live

Read more

Anne-James Chaton + Andy Moor – Heretics: Tout Ce Que…

Di Andy Moor, storico chitarrista degli Ex, mi è sempre piaciuto il suo saper essere tremendamente efficace nelle collaborazioni, la…

23 Jun 2018 Reviews

Read more

Fabio Orsi - Endless Autumn (Backwards, 2013)

Così come la prima uscita in vinile di Backwards era di Fabio Orsi (il bel Von Zeit Zu Zeit), anche…

06 Dec 2013 Reviews

Read more

Callers - Fortune (Westernvinyl, 2008)

Qualche tempo fa avevo parlato positivamente dei Balmorea e rimanendo sullo strumentale-melodico credo che avessero fatto un buon lavoro, a…

07 Sep 2008 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top