Perturbazione – 30/05/08 Morya (Cellatica – BS)

Mi aspettavate, lo so. Eccomi dunque all'esordio su queste pagine a portarvi un po' di sano spirito padano. Indosso l'elmo e vado a incominciare.

Arriva alla conclusione la stagione del Morya, piccolo locale della cintura bresciana che per l'occasione fa il riassunto delle puntate precedenti, con brevi apparizioni di gruppi locali che hanno calcato il palco nel corso dell'anno a far da spalla ai torinesi Perturbazione. Nell'ordine suonano il cantautore di belle speranze Manuele Zamboni, Ettore Giuradei, in terzetto, prossimo a partire in tour di spalla al temibile Cisco "ex-modenasitiremblers" e gli "indie boy" Annie Hall, reduci da una cinquantina di date lungo la penisola e pronti per il Mi Ami. Di questi gruppi ho poco da dire, li conosco e non ho dubbi sul fatto che le loro performance siano state ottime, ma al momento ero impegnato ad assaltare il buffet, prima che la carica delle cavallette spazzasse il tavolo lasciando, a fine serata, solo poche uova sode; per cui, credetemi sulla parola. mrya_30_maggio_031I Perturbazione non sono propriamente la mia "tazza di tè"; gli riconosco la capacità di costruire un pop elegante che "ruba" equamente a certo indie e al cantautorato nostrano, qualcuna delle vecchie canzoni mi piace (gli ultimi due album neppure li ho ascoltati), ma in definitiva li sento abbastanza lontani dai miei gusti; solo la gratuità della serata, l'alone d’evento che la circonda e la possibilità di socializzare (specie con soggetti del sesso opposto…), mi spingono ad esserci.
Nel seminterrato che ospita la sala concerti la temperatura è la stessa di quando gli Slayer suonano nel sesto girone dell'Inferno, ma fortunatamente con meno calca. I torinesi (rivolesi anzi, ci tengono a precisare), per questo Pianissimo tour si presentano amputati della sezione ritmica, con due chitarre, violoncello e voce, una versione minimale che non mi dispiace per nulla come idea.
Così, per un’ora, in un’atmosfera soffusa, sfilano pezzi nuovi e meno nuovi, con prevalenza dei primi: Agosto (una di quelle che mi piacevano), Un Anno In più, Giugno, Nel Mio Scrigno, Battiti Per Minuto, una cover di Smokey Robinson di cui non ricordo il titolo, tante altre. Il mood è invero un po' malinconico, ma gli intermezzi del cantante Tommaso Cerasuolo, in bilico fra il simpatico e l’involontariamente imbarazzante, alleggeriscono il tutto, mentre i brani riarrangiati, meno formali e più freschi, funzionano bene e aiutano a sopportare la temperatura tropicale (che comunque un lato positivo ce l’ha: fa un po' spogliare le ragazze). Il pubblico gradisce, in sala non vola una mosca (capita di rado da queste parti…) e io mi accodo: avessi il CD non credo lo ascolterei molto, ma dal vivo i Perturbazione hanno decisamente la loro ragione d’essere.
Ci si avvia così alla fine, con l’abusato siparietto del gruppo che se ne va e torna richiamato sul palco per i bis: un pezzo originale e una cover, "una canzone scritta da un ragazzo di Washington". Waiting Room dei Fugazi. Chitarre, violoncello e voce per Waiting Room dei Fugazi, in versione spettacolare che, ci crediate o no, se la gioca con l’originale. Gran finale e per me, lacrimuccia. Alla fine, io e i Perturbazione non siamo poi così lontani (e se mi fossi ricordato che gli esordi del gruppo del gruppo uscivano su On/Off e Beware!, avrei anche potuto arrivarci prima…)
pertrbzrdx

(foto di Gianni Filippini)

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

The Sinai Divers - Elders (A Lot Of Brians, 2012)

Philippe Henchoz, cantante e chitarrista dei Ventura, negli anni ha registrato canzoni in solitudine tenendole per sé, salvo poi decidere…

19 Dec 2012 Reviews

Read more

Lite - Filmlets (Transduction, 2007)

I giapponesi hanno una cultura che non sono mai riuscito a capire bene: riescono a inglobare elementi dall'esterno in modo…

26 Jan 2007 Reviews

Read more

The Shoreditch Trio - Again (Amirani, 2010)

Mi spiace essere diventato sempre più lento nel recensire i dischi, ma se può esser di vostro interesse, me li…

26 Apr 2012 Reviews

Read more

Orion - Builders Of The Cosmos (Taxi Driver/Brigante 2016)

Riffs belli cicciosi alla Conan, immaginario cosmologico di attribuzione vagamente pagana e cantato tra Kyuss e Hermano. Il gioco è…

14 Oct 2016 Reviews

Read more

AA. VV. - Alessandria Post Industrial Area (Inverno/Creative Fields, 2017)

Torniamo in contatto con la Inverno records di Guido Bisagni aka Larva 108 con questa raccolta di musica ambient/industrial tutta…

23 Feb 2018 Reviews

Read more

Mike Cooper - Tropical Gothic (Discrepant, 2018)

Nomen omen, titolo che rispecchia a pieno le intenzioni di Mike Cooper nella stesura di Tropical Gothic. Un lavoro che…

16 Oct 2018 Reviews

Read more

L'Altra - Telepathic (Acuarela Discos, 2011)

Il progetto L'Altra, con base a Chicago, torna dopo ben sei anni di silenzio, tanto che credevo che la band…

14 Apr 2011 Reviews

Read more

Owun - 2.5 (Atypeek Music/Reafførests, 2017)

Tornano gli Owun e continuano questa loro seconda vita iniziata qualche anno fa con il precedente Le Fantôme De Gustav,…

14 Feb 2018 Reviews

Read more

Carla Bozulich – 8/12/12 Lenz Teatro (Parma)

Carla Bozulich dal vivo a Parma, nell'ambito del festival Natura Dèi Teatri organizzata dal Lenz, è un'occasione da non perdere,…

14 Dec 2012 Live

Read more

Trapcoustic - Rugiada (Tape, Union Editions 2022)

Registrare la prima parte di una trilogia dei fenomeni il giorno di natale, nel 2020, dà un tono al proprio…

06 Mar 2022 Reviews

Read more

Moe – Examination Of The Eye Of A Horse (Wallace/ConradSound,…

Ricordo Henry Rollins sparare in un’intervista che l’influenza del punk su di lui fosse stata nulla rispetto a quella del…

17 Oct 2016 Reviews

Read more

Nu Creative Methods – Superstitions (Music à La Coque, 2013)

Musica inclassificabile, ecco cosa contiene questo disco che Music à La Coque ci ripropone dopo trent'anni di oblio. Nu Creative…

01 Aug 2013 Reviews

Read more

The Tablets - S/T (Autoprodotto, 2014)

Succede di frequente che gruppi o progetti non particolarmente degni di menzione abbiano la fortuna (o chiamatela come volete) e…

08 Sep 2014 Reviews

Read more

Simon Balestrazzi - Pest Exterminator (Ticonzero, 2011)

Come s'intitolava quel film con Mickey Rourke "L'anno del dragone" o qualcosa del genere? ...beh, se proprio dovessimo sfruttare il…

30 Sep 2011 Reviews

Read more

Merzbow + Sshe Retina Stimulants + Der Weze - 12/04/12…

Sono davvero pochi i nomi della scena industriale che non abbiano calcato i palchi nostrani negli ultimi tempi (ultimo annunciato…

20 Apr 2012 Live

Read more

No Sound - Lightdark (Burning Shed, 2008)

Partito nel 2002 come progetto solista di Giancarlo Erra, No Sound si è presto evoluto in una band a tutti…

14 Apr 2008 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top