Persian Pelican – How To Prevent A Cold (Autoprodotto, 2012)

Placidamente pop. Indie pop. Elettroacusticamente indie pop. Questo giusto per tentare di riassumere in maniera funzionale il secondo lavoro, dopo quattro anni dall’esordio, di questo progetto. Il classico album-gioiellino che mi fa sorridere nelle fredde mattinate in cui il sole scioglie la – poca per fortuna – neve sui prati. Melodie semplici – ma solo in apparenza… basta ascoltare la sbilenca Overcast Sky o la splendida title track tutta arpeggi che si trasformano in riff quasi elettronici e cambi di tempo improvvisi per rendersene conto – e di forte impatto emotivo. Un Vic Chesnutt nostrano – trasferitosi momentaneamente in quel di Barcellona – che mette mano al songwriting tipicamente prodotto negli States per innestarlo con un neofolk che risulta sempre leggero e ottimamente suonato da Andrea Pulcini che si avvale di preziosi arrangiamenti con alla fisarmonica Paolo Testa e al violoncello Francesco Testa. I testi dei Persian Pelican sono cuciti attorno a tristi storie che parlano del famigerato gioco al massacro di alcuni rapporti sentimentali e prendono spunto da eventi autobiografici, citazioni cinefile (a quanto pare Pulcini è appassionato di cinema iraniano) e un certo crepuscolarismo – Gozzano soprattutto -. Spesso però, devo dire, questa dichiarazione di intentata tristezza cozza con la melodia che invece, almeno per me, profuma di delicata positività (certo, avrei dovuto capire che Glass Fragments In The Soup o There’s No Forever For Us non parlavano di niente di buono, ma insomma…)- Little Red Riding Hood, Indian Ink -. Sottoscrivo la definizione di How To Prevent A Cold come un insieme di paesaggi sonori, dodici tracce che, al contrario di come recita il titolo dell’album, non forniscono nessuna ricetta nè soluzione. Raccontano solo a chi ascolta, ma lo fanno egregiamente. E che siano storie piacevoli o meno, sono proprio ben raccontate.

Tagged under: ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Fabio Perletta - Field: Atom(s) Entropy (Farmacia901, 2013)

Fabio Perletta ha imparato dai grandi nomi come Taylor Dupree, Lawrence English e Steve Roden ad essere leggero come una…

21 Oct 2013 Reviews

Read more

qqqØqqq – A Lustrum Before Revelations (Casetta/È Un Brutto posto…

Stravolge la successione temporale l’ultimo lavoro del duo trevigiano qqqØqqq: registrato nel 2015, ben prima della pubblicazione di Burning Stones…

01 Aug 2021 Reviews

Read more

Circle Takes The Square - Decompositions: Volume Number One (Gatepost,…

Sarebbe ingenuo e anche un pochino arrogante non leggere l'attuale crisi, finanziaria ma anche valoriale, come una fase particolarmente dispersiva…

06 Jun 2013 Reviews

Read more

June - Happy Boys Cry Loud (Here I Stay, 2007)

La Here I Stay è l'etichetta sarda che qualche tempo fa aveva fatto uscire i Plasma Expander in collaborazione con…

04 Aug 2007 Reviews

Read more

Crayon Mortel - Piel (51Beats, 2015)

L'etichetta nostrana 51Beats ci ha abituato ormai alle scoperte dal sottobosco italiano e pubblica un altro esordio di musica elettronica…

10 Apr 2015 Reviews

Read more

I/O - Polytone (Fratto9 Under The Sky/Ebria, 2007)

Puzza di piccolo gioiello questo disco nuovo degli I/O, ma detto fuori dai denti, non credo che ci volesse molto…

30 Mar 2007 Reviews

Read more

Caligine - II 3” (Monstre Par Exces, 2009)

Ho tardato tanto a fare la recensione del debutto dei Caligine che hanno fatto in tempo a mandarci il secondo…

30 Apr 2009 Reviews

Read more

Istituzioni Ambiente Naturalismo - Luminamenti (Monstres Par Exces, 2008)

CD-r ma in copertina extralusso digipack, nel cui interno fa bella mostra una foto di un gatto spappolato sulla strada:…

07 Jan 2009 Reviews

Read more

Io Monade Stanca - Three Angles (Canalese*Noise et al., 2013)

Piemontesi, classe 1987, visionari, favolosi. Potrei fermarmi qui linkando il video di Momra Rusia, primo singolo tratto da quello che…

27 Sep 2013 Reviews

Read more

Karin - I've Tried With Sport But It's Not My…

Un amico un pò di tempo fa sosteneva di non riuscire ad ascoltare la musica di gente che sul piano…

27 Jan 2007 Reviews

Read more

Eternal Zio – Vibbria (Autoprodotto, 2011)

Questo CD-R si presenta in modo assai dimesso, una semplice busta dalla grafica incerta e bruttina, con solo l'indicazione del…

08 Aug 2011 Reviews

Read more

Vanessa Van Basten - La Stanza Di Swedenborg (Eibon, 2006)

Uno dei gruppi genovesi più "chiaccherati" del momento? Non saprei, non abitando neppure nella Superba dura valutarne la fama in…

26 Feb 2007 Reviews

Read more

God Fires Man - Life Like (Arctic Rodeo, 2009)

Con il passare del tempo e degli ascolti, a forza di sottopormi alle peggiori nefandezze sperimentali, rumoristiche ed a-melodiche, a…

16 Jul 2009 Reviews

Read more

Converge + The Secret + Bologna Violenta + Meteor…

Chi c'era sa. Chi non c'era ben difficilmente potrà rendersi conto, attraverso la mia povera prosa, di quello che si…

22 May 2011 Live

Read more

Black Mountain - Wilderness Heart (Jagjaguar, 2010)

Spinto da un grande sforzo pubblicitario arriva il terzo disco dei rcanadesi Black Mountain, ormai consolidati come uno dei più…

14 Oct 2010 Reviews

Read more

Lyke Wake - The Long Last Dream (Final Muzik, 2013)

Lyke Wake è un gruppo di Roma che negli anni ottanta ha fatto parte del circuito industrial/ambient, registrando negli anni…

09 Aug 2013 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top