Persian Pelican – How To Prevent A Cold (Autoprodotto, 2012)

Placidamente pop. Indie pop. Elettroacusticamente indie pop. Questo giusto per tentare di riassumere in maniera funzionale il secondo lavoro, dopo quattro anni dall’esordio, di questo progetto. Il classico album-gioiellino che mi fa sorridere nelle fredde mattinate in cui il sole scioglie la – poca per fortuna – neve sui prati. Melodie semplici – ma solo in apparenza… basta ascoltare la sbilenca Overcast Sky o la splendida title track tutta arpeggi che si trasformano in riff quasi elettronici e cambi di tempo improvvisi per rendersene conto – e di forte impatto emotivo. Un Vic Chesnutt nostrano – trasferitosi momentaneamente in quel di Barcellona – che mette mano al songwriting tipicamente prodotto negli States per innestarlo con un neofolk che risulta sempre leggero e ottimamente suonato da Andrea Pulcini che si avvale di preziosi arrangiamenti con alla fisarmonica Paolo Testa e al violoncello Francesco Testa. I testi dei Persian Pelican sono cuciti attorno a tristi storie che parlano del famigerato gioco al massacro di alcuni rapporti sentimentali e prendono spunto da eventi autobiografici, citazioni cinefile (a quanto pare Pulcini è appassionato di cinema iraniano) e un certo crepuscolarismo – Gozzano soprattutto -. Spesso però, devo dire, questa dichiarazione di intentata tristezza cozza con la melodia che invece, almeno per me, profuma di delicata positività (certo, avrei dovuto capire che Glass Fragments In The Soup o There’s No Forever For Us non parlavano di niente di buono, ma insomma…)- Little Red Riding Hood, Indian Ink -. Sottoscrivo la definizione di How To Prevent A Cold come un insieme di paesaggi sonori, dodici tracce che, al contrario di come recita il titolo dell’album, non forniscono nessuna ricetta nè soluzione. Raccontano solo a chi ascolta, ma lo fanno egregiamente. E che siano storie piacevoli o meno, sono proprio ben raccontate.

Tagged under: ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Ensemble Uzi - S/T (Autoprodotto, 2009)

Fa uno strano effetto sapere che un terzetto del genere, musica improvvisata che evita accuratamente la struttura…

28 Jul 2009 Reviews

Read more

AA.VV. - Art Detox 2010 (Ethereal Open Network, 2011)

Disintossicarsi dall'arte: questo l'obiettivo del progetto Art Detox 2010, parte una catena di incontri e iniziative che si svolgono ogni…

22 Dec 2011 Reviews

Read more

Zoft – Eletrically Haunted (Humpty Dumpty, 2011)

Gli Zoft sono un duo belga, di base a Bruxelles. Il loro suono è interamente costruito sugli intrecci matematici di…

29 Feb 2012 Reviews

Read more

Acid Mothers Temple & Melting Paraiso UFO - Interstellar Guru…

Ma quant’è bello essere hippie? Insomma uno può prendere una di queste belle patatone anti-anoressiche in pieno stile Settanta, metterla…

15 Apr 2009 Reviews

Read more

Simone Lanari - the Null Search (autoproduzione, 2022)

La concezione di musica folk è radicalmente cambiata nel tempo. Un chitarrista, Simone Lanari in questo caso, prendendosi una settimana…

05 Sep 2022 Reviews

Read more

Adamennon & Luciano Lamanna – Iris (Souterraine, 2017)

Esordiscono insieme l’etichetta napoletana Souterraine e la collaborazione fra Adamennon e Luciano Lamanna che su questo 12” mettono in comune…

11 Oct 2017 Reviews

Read more

Vonneumann – The Procrastination Loops (Ammiratore Omonimo, 2018)

I Vonneumann sono prossimi a festeggiare i vent’anni di attività e come antipasto dell’evento rendono disponibile sul loro bandcamp una…

11 Sep 2018 Reviews

Read more

Nicola Di Croce - Fieldnotes (Oak, 2014)

“Geografia” è il termine intorno a cui ruota il progetto Walkingsoundtracks di Nicola Di Croce,  che di recente abbiamo visto…

30 Apr 2014 Reviews

Read more

Owls – Scars/Child (Verba Corrige, 2015)

Tornano a farsi vivi gli Owls di Eraldo Bernocchi, Tony Wakeford e Lorenzo Esposito Fornasari dopo il felice esordio. Avevo…

02 Jul 2015 Reviews

Read more

Iceburn/Ascend/Eagle Twin: la poetica del ghiaccio e del fuoco di…

Gentry Densley ha rappresentato, nel circuito hardcore degli anni '90, una figura di assoluto rilievo, che ha contribuito a ridefinire…

05 Mar 2012 Articles

Read more

Andrew Bird - 18/05/09 Musicdrome (Milano)

Un'ora e dieci per arrivare in città e tre quarti d'ora per trovare il posto, locale ex Transilvania (fortunatamente rinnovato…

03 Jun 2009 Live

Read more

Davide Cedolin - Embracing the Unknown (Torto, Marsiglia 2021)

Un sonaglino, la chitarra che si fa sentire, limpida, agra…poi parte la voce di Davide Cedolin e 70 anni di…

08 Feb 2022 Reviews

Read more

Lip Colour Revolution - S/T (Suoni Sommersi, 2008)

Dopo oltre due anni di gestazione e vari cambi di formazione esce finalmente l'esordio degli italianissimi Lip Colour Revolution.…

19 Oct 2008 Reviews

Read more

Il Cielo Di Bagdad - Manca Solo La Neve (Autoprodotto,…

Mi sa che c’ho una buona stella lassù che fa sì mi arrivino per posta dei demo che non mi…

20 Nov 2006 Reviews

Read more

Rainbow Lorikeet - Fractures (Debacle, 2012)

Rainbow Lorikeet, monicker di Nicolò Tescari, esordisce pubblicando sull'americana Debacle di Seattle il disco Fractures. Anche se in un'epoca di…

26 Jul 2012 Reviews

Read more

Loimann - Towards Higher Consciousness (One Voice, 2010)

A dispetto dell'artwork gotico e post-industriale, il combo torinese, ormai attivo da diversi anni, presenta una sorta di sludge/stoner che…

26 Oct 2010 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top