Pecksniff – The Book Of Stanley Creep (Black Candy, 2004)

Disclaimer: questa NON è la recensione del nuovo disco dei Pecksniff!! Là dove guizzano le trote immaginarie dei nostri sogni se l'è dormita in allegria lo spirito di Sodapop. Ora che s'è desto pare cosa buona e giusta e fonte di salvezza mettersi in pari con un disco che, ormai ben radicato nei nostri ascolti, merita, alfine, una dose di attenzione in più. Spirito di patata, storie da fantabosco.
Il raffinato giochino messo in atto dalla compagine indie parmigianina nel primo splendido Elementary Watson, viene qui portato avanti senza alcun evidente scombussolamento. Non me ne vogliano gli scapestrati amanti dei gruppi da un genere diverso per ogni pubblicazione, ma io alla fin fine amo i cambiamenti lenti. Credo che si chiami maturazione. Cambiare di palo in frasca è una peculiarità attinente più a Tarzan che ai giovani d'oggi. Ma anche a quelli di ieri.
Mi piace guardare indietro, ad uno spettro di alcuni dischi e rendermi conto se e come un gruppo si sia sputtanato o come invece abbia tracciato uno spettacolare percorso rinforzando logiche all'inizio in ombra e regalando, col senno di poi, nuove letture al proprio passato. Mi piace avere pazienza e pensare che alla fine si, siamo di fronte ad un'altro passo e che dovremo attendere ancora per goderci l'immagine completa.
Il disco dei Pecksniff di per sè presenta già ben definiti alcuni dei passi compiuti, proprio nel momento in cui sono mossi. Dove nel primo cd regnava un caos quasi incontrollato e un'urgenza creativa che alla lunga non riusciva a nascondere alcune ingenuità ed indecisioni non del tutto volontariamente presenti, in questo seguito tutto è più a fuoco. In primis la scrittura dei pezzi. I brani sono canzoni a tutto tondo, cantabili e orecchiabili, ben scritte e più ordinate.
Che il passo fatto sia di muoversi, raddrizzando le deviazioni, verso una più coesa e classica forma di pop? Credo, e spero, di no. Mi sembra ci sia una ben marcata maggiore sicurezza nello stile compositivo del gruppo che riesce a tenere a bada le intemperanze delle proprie incongruenze. Mi spiego. Dove le canzoni si svelano in tutta la loro unitarietà pop, le campanelle, le trombette e i flautini giocattolo si dispiegano al servizio dei brani, non a renderli ulteriormente caotici. Merito anche, probabilmente, dei due elementi base per il processo di maturazione di un gruppo: buona attività dal vivo e produzione chiara.
Facile immaginare che la prima raccolta di canzoni fosse un po' nebulosa, in primis, nelle menti dei nostri paladini. Più facile dedurre che, senza mezzi termini, questa volta abbiano avuto una base ben più chiara su cui lavorare. Ora. La domanda che risuona è: ce la faranno i nostri eroi a compiere un ulteriore passo alla conquista del mondo? Il disco nuovo dovrebbe essere in uscita entro l'anno e si suppone che il progetto non possa definirsi completo e già arrivato dopo appena due uscite. Incrociamo le dita e attendiamo fiduciosi. Mi piace vedere i bambini che maturano (per poi mangiarli meglio).

Tagged under:

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Simon Balestrazzi – The Sky Is Full Of Kites (Boring…

Abbiamo più volte avuto occasione di segnalare la prolificità di Simon Balestrazzi, sia in solo che in collaborazione con altri…

29 Jun 2012 Reviews

Read more

Red Worms' Farm + Squadra Omega + A Flower Kollapsed…

Fra i tanti festival che si propongono di riempire le lunghe e caldi notte estive nella Pianura, quello di Curtarolo,…

29 Jul 2011 Live

Read more

Putan Club – 10/04/10 Le Tits (Brescia)

A un solo giorno di distanza da Amaury Cambuzat coi suoi Ulan Bator anche il cugino Francois (già Gran Teatro…

08 Apr 2010 Live

Read more

The Ex + Ililta Band - 21/03/09 Interzona (Verona)

Trent'anni (beh, qualcuno quasi cinquanta, mi sa...) e non sentirli. Gli olandesi The Ex, in occasione del trentennale, battono…

28 Mar 2009 Live

Read more

Monarch – Sabbath Noir (Heathen Skulls, 2010)

Fra le cose migliori del cospicuo bottino di dischi che il boss ha portata dall'Australia c'è questo vinile dei francesi…

03 Jan 2011 Reviews

Read more

Kleistwahr - Music For Zeitgeist Fighters (Nashazphone, 2017)

Questo è il quarto disco dal ritorno sulle scene di Gary "Ramleh" Mundy con uscite a nome Kleistwahr e devo…

15 Sep 2017 Reviews

Read more

Mother – S/T (Commando Vanessa, 2019)

C’è in giro una nuova etichetta, nata dall’inesauribile substrato della città di Torino: Commando Vanessa è ambigua fin dal titolo,…

15 Oct 2019 Reviews

Read more

Vortice Di Nulla – The Roundabouts Mania (Trazeroeuno, 2010)

A dispetto delle malinconiche immagini del packaging del cd, si presentano invece rocciosissimi all’ascolto questi Vortice Di Nulla. Si muovono…

15 Jan 2011 Reviews

Read more

Sic Alps + Movie Star Junkies – 28/04/12 – Interzona…

Ci volevano proprio i Sic Alps per decidermi ad uscire di casa, stasera. Il fatto che fossero spalleggiati dai Movie…

18 May 2012 Live

Read more

The Soul - Hardfunkinvasion (Autoprodotto, 2009)

Lo avevamo incontrato sulla doppia compilation di funk italiano assemblata sotto la supervisione di Bobby Soul ed ecco qui il…

01 Nov 2009 Reviews

Read more

Panel Of Judges + The Aesthetics + Zond + Hissey…

Serata di band locali assieme ai "cugini" neozelandesi The Aesthetics in uno dei locali con la più lunga tradizione per…

20 Sep 2010 Live

Read more

Yalda - Tavallodi Digar ( CD Taxi Driver, 2022)

A novembre dello scorso anno Massimo Perasso mi passa un live degli Yalda, conoscendo la mia passione per le voci…

23 Jun 2022 Reviews

Read more

The Drift - Money Drawings (Temporary Residence, 2008)

Parlando di questi The Drift possiamo aprire su tutta una serie di considerazioni più o meno interessanti a seconda di…

12 Feb 2008 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 16 (05/02/15)

Per la puntata numero sedici della terza stagione di The Sodapop Fizz Emiliano e Stefano ospitano in trasmissione Andrea Serrapiglio…

09 Feb 2015 Podcasts

Read more

Rella The Woodcutter – I Know When It's Time To…

Secondo capitolo della trilogia di Rella The Woodcutter su Boring Machines (che comprende anche uno split 7" con My Dear…

11 Apr 2012 Reviews

Read more

Carver - Raw (Setola Di Maiale, 2010)

Strani casi di omonimia, infatti questo gruppo si chiama come un combo emo-core/indie rock che qualcuno ricorderà di spalla ai Locust.…

27 Jan 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top