Pan del Diavolo – 23/08/09 Festa Di Radio Onda D’Urto (Brescia)

Se il valente Giorcelli, con gentile signora, si sobbarca i quasi 400 chilometri che dividono Brescia dalle spiagge della Maremma per assistere al concerto dei Pan Del Diavolo, qualcosa deve pur esserci. Fiuto l'affare e prontamente, copro la distanza fra casa mia e la Festa di radio Onda d'Urto (circa un decimo della loro), sita nell'ormai pusher-free area di via Serenissima. Quando sarà debellata anche la piaga dei bonghisti si aprirà finalmente una nuova età dell'oro.
I due palermitani appaiono, stasera, in apertura al gruppo locale de I Luf e riuniscono ovviamente un pubblico assai limitato, anche se molto selezionato, fra cui due ineffabili vecchietti piazzati, con sedie pieghevoli, a ridosso delle transenne. I musicisti, posizionati a filo del palco, giusto per non perdersi nella distesa che ospita, solitamente, band ben più numerose, sfoggiano camicia e calzoni buoni, pettinature degne del Solito pandeldiavolo_________ondadurto--------grandeIgnoto Ferribotte, due chitarre e grancassa. Il minimo indispensabile, insomma. Rispetto al CD, carino ma non imperdibile, dal vivo l'approccio è decisamente più rock'n'roll che blues, grazie anche a un repertorio che privilegia i pezzi nuovi rispetto a quelli del demo, che non viene neppure eseguito per intero; si affievolisce, nella furia del live, anche l'influenza di Rino Gaetano, mentre nei pezzi nuovi fa capolino un Capossela assai meno compiaciuto e tronfio di quello attuale, il tutto condito da una sana sicilianità che conferisce al tutto un tocco personale. Solo un piccolo calo di tensione, a metà della mezz'ora di concerto, quando sul palco rimane un'unica chitarra e si perde un po' lo spirito chiassoso, indispensabile per inquinare lo stile cantautoriale, ma per il resto si procede con tiro notevole e con una varietà di scrittura che non fa trasparire i limiti posti dalla scarsità di strumenti.
Dopo di loro, I Luf, su cui non mi dilungherò. Solito folk dal sapore celtico che, fossimo sul finire degli anni '70, farebbe furore nei Campi Hobbit, mentre oggi, chissà perché, manda in brodo di giuggiole i pronipotini di Stalin. Dio stramaledica i Pogues. E i Modena City Ramblers, quelli sempre.

(foto tratte dal Myspace del gruppo)

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Spock’s Beard - Octane (SPV/InsideOut, 2005)

Per carità, non vi inganni la pompa di benzina! Non siamo dinnanzi agli ennesimi imitatori dei Kyuss né tanto meno…

15 Sep 2006 Reviews

Read more

Mondongo - Transparent Skin (Megaplomb, 2011)

Degna accoppiata di Megaplomb che assieme al ritorno dei Calomito fa uscire questi Mondongo, un gruppo nuovo solo nel nome…

25 Jul 2011 Reviews

Read more

Stefano Ferrian - Amphetamine (dE-NOIZE, 2011)

Un esordio? Non esattamente, visto che si tratta sì del primo disco solista di Stefano Ferrian, ma stiamo comunque parlando…

15 May 2011 Reviews

Read more

3eem - Matilda (White Label Music, 2008)

Dopo un CD ed un 7" su Small Voices, i 3eem pubblicano adesso in UK per la label di un…

15 Apr 2008 Reviews

Read more

Bogong In Action - And That If Piggod! (HysM/Lemmings, 2011)

Questo EP di otto minuti, seconda prova dei Bogong In Action dopo un limitatissimo split tape, inizia con una chitarra…

10 Jan 2012 Reviews

Read more

Giacomo Baldelli - New York City Tracks (Halidon, 2022)

Ricordate ancora quel momento di anni fa, il momento in cui per la prima volta vedeste New York? Pensateci…l’aeroporto, i taxi,…

14 Sep 2022 Reviews

Read more

Pretty Flowers - EP (Bananaseat, 2005)

Che poi a me queste cose piacciono pure... indierock che tende al punkrock con singalong a manetta e con armonie…

09 Sep 2006 Reviews

Read more

Drieu – La Distruzione (Autoprodotto, 2019)

Strano a dirsi, ma mettendo insieme esponenti del miglior post-HC (Burning Defeat), dello storico HC italico (Crash Box), dell’oi! più…

31 Mar 2020 Reviews

Read more

Scarnella/Fluorescent Pigs - Phonometak Series #8 (Phonometak/Wallace, 2010)

Nuovo vinile per la label di Iriondo coadiuvata dalla Wallace di Mirko Spino e ancora una volta si tratta di…

01 Oct 2010 Reviews

Read more

Heroin In Tahiti - Sun and Violence (Boring Machines, 2015)

Se con Death Surf c'era chiaro riferimento allo spaghetti western, qui, per mole e durata, già si parla di kolossal,…

30 Mar 2015 Reviews

Read more

Mike Cooper - Tropical Gothic (Discrepant, 2018)

Nomen omen, titolo che rispecchia a pieno le intenzioni di Mike Cooper nella stesura di Tropical Gothic. Un lavoro che…

16 Oct 2018 Reviews

Read more

Plakkaggio - C.D.G. 7'' (Hellnation, 2014)

Abbandonata l' HC  con cui li avevamo ascoltati fino a ieri ritorna il power trio di Colleferro: sempre combattivo, sempre…

03 Sep 2014 Reviews

Read more

Messa In Piaga - Undelicate Sound Of Powder (LR l'oretta…

Ritorna la piaga dai meandri del passato. Sempre  più free, uncompromising e nonsense, stavolta propugna cinque pezzi a metà strada…

10 Aug 2020 Reviews

Read more

Luca Majer - Matita Emostatica (Volo Libero edizioni)

Questo libro più CD edito da Volo Libero e mandatomi dallo stesso Majer, non raccoglie solo alcune memorie dell'autore relative…

16 Nov 2011 Reviews

Read more

Dylan Henner - Flues Of Forgotten Sands (Dauw, 2022)

L’amicizia è importante. Le connessioni sono importanti ed i consigli sono vitali. Non ho mai incontrato dal vivo Tiberio Faedi (voce dietro…

08 Aug 2022 Reviews

Read more

Yalda - Tavallodi Digar ( CD Taxi Driver, 2022)

A novembre dello scorso anno Massimo Perasso mi passa un live degli Yalda, conoscendo la mia passione per le voci…

23 Jun 2022 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top