Oxbow + Monsieur Gustavo Biscotti – 18/11/09 Arci Kroen (Villafranca – VR)

Può capitare che uno stato d'animo non proprio sereno modifichi la percezione delle cose, è normale. Quindi ci sta che in un periodo abbastanza… doom, un concerto la maggior parte dei presenti giudichi epocale, a me appaio "solo" molto bello. Ma trattandosi di gente della massima fiducia, mi limito quindi alla fredda cronaca, priva di giudizi troppo evidentemente alterati. Fidatevi di loro. Quando entro nel locale Eugene Robinson non c'è ancora; il soundcheck se lo sono fatti solo i tre strumentisti e hanno stipato il palco all'inverosimile, tanto da costringere i Monsieur Gustavo Biscotti, il gruppo di spalla, ad emigrare su una pedana nella stanza adiacente. Per loro quattro pezzi in venticinque minuti e un genere che, con l'inserimento di un chitarrista a fianco dei due bassi, aggiunge la particella -rock al prefisso post-, cancellando il precedente -core. Si è dalle parti dei Floor meno sludge, coi suoni che si fanno liquidi, trattenuti solo dalla batteria potente e accompagnati, novità, da qualche vocalizzo: si aprono nuove prospettive oxbow_______________oxbox___kroen02per il futuro, magari pure quella di un nome nuovo. Il batterista degli Oxbow dimostra di apprezzare. Intanto mr. Robinson ha fatto la sua comparsa: mi immaginavo una specie di Evander Holyfield, ma oltre ad essere più basso di quello che mi aspettassi, con una palandrana nera che lo fa apparire meno gonfio, la cuffia fin sugli occhi, il baffo sottile e la dentatura cavallina, mi ricorda piuttosto…cazzo, Eddie Murphy! È così che il nostro si presenta al prologo del concerto, un minuscolo set montato a pianterreno e tre canzoni cantate senza alcuna amplificazione, con chitarra, contrabbasso e batteria ridotta al minimo ad accompagnare. Nella suggestiva location, col pubblico stipato sulla scala e sulla balconata che si affaccia sulla zona bar, spicca su tutto un'Angel davvero suggestiva in queste vesti. Poi si sale, il gruppo prende possesso degli strumenti elettrici mentre Robinson, nascosto dietro la colonna di amplificatori del basso, si mette in ghingheri: capelli crespi pettinati all'indietro con sciccosa striatura grigia, giacca, cravatta e panciotto neri, pantaloni in tinta. Non che durino oxbow_______________oxbox___kroen01molto: giacca e cravatta spariscono alla fine del primo pezzo, la camicia nel secondo e alla volta del quarto la livrea è questa: panciotto indossato sul torso nudo, agghiaccianti slip aderenti bianchi con la scritta Israel sulle chiappe, scarpe e calzini; fortunatamente non si spingerà oltre. Sarà un caso, ma è a questo punto che il concerto si impenna: cadenze che si interrompono bruscamente, ritmi che si spezzano, il tutto sottolineato dal movimenti a scatti del frontman, ora nel suo ambiente naturale, alle prese con una musica che più che una mazzata, come mi aspettavo, è una rasoiata continua. Inevitabili le concessioni alla mitologia del gruppo: un concerto senza che Eugene si tocchi ripetutamente il pacco e non infili il microfono a far compagnia ai genitali sarebbe come se a uno degli AC/DC Angus non si esibisse nel suo proverbiale passo. La scaletta verte sul recente A Narcotic History, con qualche puntata nel passato e con Robinson che dà sfogo a tutto il repertorio, dalle moine agli urli belluini, entrando, dove la coolness newyorkese sembra prevalere, con la grazia di un elefante in una cristalleria. Va da sé che, col benestare degli strumentisti, la cristalleria si trasforma subito in una fonderia. Eppure è musica che, nonostante l'impatto puramente hardcore, rimane profondamente blues ed è capace di far cogliere molto al di là della violenza di facciata. Mi sa che i molti hanno ragione: concerto dell'anno.

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Roberto Fega – Daily Visions (Creative Sources, 2012)

Ottimo manipolatore di suoni, Roberto Fega intaglia il suono con sapienza artigianale attingendo dalle fonti più disparate, da una parte…

05 Mar 2013 Reviews

Read more

The Eagle Twin Ascend the Iceburn: intervista a Gentry Densley

Dopo aver ripercorso la carriera di Gentry Densley dagli esordi (Iceburn) ai nostri giorni (Ascend e Eagle Twin) nell'articolo monografico,…

07 Mar 2012 Interviews

Read more

Battles - Mirrored (Warp, 2007)

Il concept del gioco di specchi che campeggiano dalla copertina alle foto promozionali, dal video di Atlas al poster interno,…

21 May 2007 Reviews

Read more

Franz Rosati – Ruins (Nephogram, 2014)

Nuovo lavoro per il romano Franz Rosati, musicista, videoartista, discografico (sua l’etichetta che fa uscire il disco) e membro dell’attivissimo…

18 Jul 2014 Reviews

Read more

Agamotto - S/T (Cosmic Swamp, 2012)

Esordio per il duo italico Agamotto (dal nome di un personaggio Marvel) sulla nostrana Cosmic Swamp, etichetta dedita a stoner,…

13 Feb 2013 Reviews

Read more

Gerstein – Live Radio Blackout 1999 (Luce Sia, 2016)

È uno dei nomi storici della musica di ricerca nostrana quello di Gerstein, sigla dietro cui si nasconde il torinese…

22 May 2017 Reviews

Read more

Massa Sonora Concentrata – Boe (Setola Di Maiale, 2015)

È terra estrema la Sardegna, in senso geografico e culturale, terra di confine e di confini. Se dall’isola ci sono…

18 Dec 2015 Reviews

Read more

Arab On Radar – Sunshine For Shady People DVD (Three…

E’ con notevole ritardo, giusto quel paio di annetti, non me ne voglia il buon Grigis sempre fiducioso nei confronti…

03 Jun 2010 Reviews

Read more

Murcof & Philippe Petit - First Chapter (Aagoo/Rev Laboratories, 2013)

Un disco dal titolo First Chapter non può essere che l'inizio di un qualcosa e questa collaborazione tra Murcof e…

18 Nov 2013 Reviews

Read more

The Young Gods – 3/11/2018, Workout Pasubio (Parma)

Il Rumore Del Lutto, festival che indaga i confini fra vita e morte, è ormai un appuntamento fisso dell’autunno parmigiano,…

08 Nov 2018 Live

Read more

March Of RaDOOM - Volume 000/666

Era inevitabile, ora è successo. L’orribile Radu Kakarath rompe il silenzio e con voce sibillina, presenta una serie di brani…

22 Nov 2009 Podcasts

Read more

Gretel E Hansel - Follow The Porcupine (Madcap, 2008)

Niente strega cattiva, niente casetta di marzapane, niente di tutto ciò: l'unica favola che troviamo nell'album di Gretel E Hansel…

06 Jun 2008 Reviews

Read more

Torba/Luca Sigurtà & Prayin For Oblivion - Tape Crash No.4…

Quarto episodio della serie tape crash per la svizzera Old Bicycle, musica che aggiunge elementi di confusione al vostro stereotipo…

03 Jan 2013 Reviews

Read more

Ranter's Groove - Musica Per Camaleonti (Kaczynski, 2018)

Nel recensire la compilation-manifesto della Kaczynski Records avevamo segnalato Ranter's Groove come l'episodio migliore della raccolta, è quindi un piacere…

24 Jun 2018 Reviews

Read more

Beats Me! - Out Of The Box (Autoprodotto, 2011)

Frizzantissimo trio romano dedito sia stilisticamente che propositivamente al punk rock settantasette americano con una strizzatina di Buzzcocks. Considerdando…

12 Dec 2011 Reviews

Read more

Father Murphy - Brigadisco's Cave #6 (Brigadisco, 2011)

Date le derive che sta prendendo, non da oggi, la società, è plausibile pensare che certi ambiti verranno ad assumere…

29 Nov 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top