Ovo – Ignoto (Artoffact, 2022)

Ovo.
La mia prima volta fu, se non erro, il concerto al Cox 18 a Milano, insieme ai Rollerball, ancora in trio con Jacopo Andreini, poteva essere il 2001 suppergiù.
Ad ogni incontro un pugno nello stomaco, ad ogni disco ascoltato ed ogni live visto la sensazione di una via parallela, oscura, romantica, pregna.
Non posseggo 10 dischi di molte bands e l’idea che Ignoto sia il loro decimo lavoro, beh, da il giusto peso a questo ennesimo tuffo nella loro pece.
La Morte Muore sembra essere la cronaca di uno sfacelo, con delle reiterate punte di cattiveria. Il suono è spesso, dotato di una massa in movimento, con delle vene e delle radici che sembrano essere maggiormente decomponibili. È un percorso che attraversa più fasi, senza nessuna redenzione, avanzando fino allo sfascio aumentando sempre di più velocità e slancio.
Provo a fare un passo indietro ascoltando certa musica ed attento alle sfumature che ci colgo penso a come queste possano arrivare ad un pubblico meno allenato. Paura, sgomento, disturbo, magnetismo. Queste quattro probabilmente potrebbero essere le sensazioni che Ovo scatenerebbero. Dovendo raffigurare visimamente il loro suono penserei alla versione bruta ed incattivita di Yor, il gigante di pietra della Storia Infinita di Wolfgang Petersen, ad accompagnare un sabba di streghe sui prati dell’inferno.
Distillati di Tenebre prende velocemente una piega arrembante e lo sbraitare di Stefania Pedretti insieme ai colpi ed ai rombi sembrano veramente squarci di vita quotidiana del servizio di sicurezza dell’inferno, Cerbero ed i suoi fratelli. C’è ritmo, c’è foga, c’è impeto, c’è soprattutto il controllo affinché tutta questa massa si gonfi senza esplodere mandando il tutto fuori giri. Le abrasioni che si susseguono aprono realmente degli squarci sonori, con degli stacchi che sembrano essere permeati da una sensualità marcescente. Non so se, tra l’altro, sia sensato parlare degli Ovo come di un progetto che aprono porte su altri mondi, mostruosi e misteriosi. Perchê non considerare il fatto che possano provenire direttamente da questi mondi ed esserne i rappresentati della musica popolare? Relativizzare il cattivo gusto imperante del pianeta terra potrebbe essere un grande passo per la via ad un mondo migliore, dove Hotblack Desiato governa realmente le classifiche e dove i readings poetici dei Vogon siano espletati a microfoni spenti e con feedback onnipresenti.
Musica viva, che scava nei nostri padiglioni auricolari, mille di questi dischi agli Ovo, ad Artoffact ed a tutti i folgorati sulla bocca dell’inferno musicale.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Koji Asano – Mileage Reimbursement (Solstice, 2012)

Non si ferma, ci preoccuperebbe il contrario, la prolifica produzione del giapponese Koji Asano e a pochi mesi da Travel…

05 Feb 2013 Reviews

Read more

Dispositivoperilanciobliquodiunasferetta – Rembrandt Era Eccezionale (UHR/Lemming/Respira, 2009)

Dobbiamo prendere atto che oramai i giovani musicisti crescono a pane e Battles come una volta si cresceva con i…

04 Nov 2009 Reviews

Read more

Andrew Tuttle - S/T (Someone Good/Room40, 2018)

Andrew Tuttle arriva al terzo disco mescolando chitarra acustica e banjo con synth e laptop: il suo essenziale armamentario gli…

05 Jun 2018 Reviews

Read more

Zerogroove /Alessandro Bocci -The Urban Tape (Kaczynski, 2019)

Uno split, per essere davvero buono, dovrebbe mettere insieme due metà non troppo simili da rendere monotono l’ascolto, ma nemmeno…

07 Jan 2020 Reviews

Read more

The Cubical - Arise Conglomerate (Halfpenny/Cargo, 2012)

Gustosa terza uscita per questo quintetto di Liverpool sempre pù scollato dalle asperità punx 'n' roll degli esordi in favore…

04 Apr 2013 Reviews

Read more

Lords - This Ain't A Hate Thing, It's A Love…

Bisogna essere piuttosto intelligenti per non capire le operazioni intellettuali. Il concetto stesso di liberatorio pare essere più legato al…

16 Jul 2006 Reviews

Read more

Ty Segall + JC Satan – 02/11/2014 Interzona (Verona)

Serata post Halloween all’Interzona, con qualche reduce della sera precedente che ancora si aggira nella sala e del quale renderemo…

07 Nov 2014 Live

Read more

Radar Bros - Auditorium (Merge, 2008)

Dopo la mezza delusione di The Fallen Leaf Pages (che era tutt'altro che un disco brutto) torna un invecchiato Jim…

19 Jan 2008 Reviews

Read more

AA.VV. - Trax 0982 Xtra (Radical Matters, 2011)

Trax 0982 Xtra è il terzo episodio delle ristampe dei dischi Trax, che dopo Notterossa (su Small Voices) e Trax…

09 Jan 2012 Reviews

Read more

Drink To Me: ovvero, piccolo manuale della sobrietà

Arrivati da poco al secondo disco, Brazil, recensito qualche tempo fa qui sulle pagine virtuali di Sodapop, i piemontesi…

08 May 2010 Interviews

Read more

Roll The Dice - In Dust (Leaf, 2011)

Questo duo svedese approda su Leaf per il secondo disco in studio e per quanto io non sia molto incline…

15 Nov 2011 Reviews

Read more

H!U – S/T (Corpoc/Esercizi Di Assenza, 2014)

Quanto il crescere fra boschi e sassi in provincia di Lecco possa aver influenzato la genesi di H!U, creatura del…

13 Feb 2015 Reviews

Read more

Ffatso - Mano Nera (Setola Di Maiale, 2009)

Un nuovo disco targato Setola Di Maiale in ambito più marcatamente jazzistico: l’amore di Stefano Giust per il genere ed…

16 Jul 2009 Reviews

Read more

Bilayer – Bilayer (Va Fongool, 2019)

Dopo  prove soliste molto interessanti, tra cui l’incisivo Lazuli, Hilde Marie Holsen torna assieme a Magnus Bugge a nome Bilayer.…

21 Mar 2019 Reviews

Read more

Ovo - Miasma (Artoffact, 2020)

Gli Ovo sono una delle realtà più seminali della scena europea degli ultimi vent’anni. Partiti da una visione punk sperimentale…

25 Mar 2020 Reviews

Read more

Frana - Disastersss (Taxi Driver/Santavalvola/Sonatine, 2021)

I milanesi Frana ci sono simpatici. Come se fossimo ancora nel1997 si divertono a coniugare brillantemente i Quicksand, i Bastro…

06 Apr 2021 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top