OvO – Crocevia (Load, 2009)

Tornano gli OvO e questa volta la release è 100% "made in Usa" come buona parte delle armi con cui gli Iracheni hanno combattuto gli yankee (toh!… pensa te, i casi della vita!), infatti questo lavoro è stato registrato al Seizures Palace dove prima di loro avevano registrato qualche gruppo "minore" tipo Naked City, Sonic Youth, Devendra Banhart, Khanate e giù di lì.
Ovviamente la registrazione fa molto, ma resta che il salto gli Ovo lo avevano già fatto con Miastenia o meglio un po’ prima, quando oltre a passare a delle tracce più strutturate hanno reso il suono più compatto e concerto dopo concerto hanno rodato per bene la loro macchina, proprio come una delle vetture di Mad Max (o se siete autarchici diciamo come quelle dei contrabbandieri pugliesi). La grossa differenza che sento rispetto a Miastenia è il fatto che tutto risulti meno schiacciato, meno spinto fra le gengive, il che per il mio gusto personale non è per nulla male; subito ero rimasto leggermente spiazzato pensando che questo raffinamento della produzione facesse perdere agli Ovo la botta hardcore, e quest’ultima i due l’avevano cercata con ogni mezzo da quando si erano abbandonati a corpo morto a quella loro vecchia passione cresciuta a concerti, distribuzioni e a vagonate di vinili. Invece, dopo alcuni ascolti, ho iniziato a pensare che questo raffinare il suono faccia uscire i ricami più deliranti di Dorella e della Pedretti. Il risultato?… semplice: gli Ovo si portano dietro il loro fardello hardcore-crust-neurot-giapponoise e si muovono verso la no wave, non che le cose fossero inconciliabili, anzi, tutto sommato era un po’ una scelta chiamata, il fatto è che un po’ la produzione, un po’ che a differenza del disco precedente i due si sono lasciati andare ad una serie di ghirigori davvero belli da sentire, resta che il lavoro li porta a fare un ulteriore passo in avanti. Per quel che mi riguarda si tratta del miglior disco degli Ovo fino ad oggi e più lo ascolto più penso che la produzione senza averli stravolti abbia solo giovato, quindi la chitarra della Doretti suona più morbida senza per questo risultare molle, la voce inizia ad avere due o tre riverberi davvero fighi che la ambientano perfettamente e diversamente a secondo dell’esigenze del pezzo: sotto quest’aspetto potremmo dire che si possa parlare del primo disco veramente "prodotto" degli Ovo. Se tutto questo parlare di produzione vi ha fatto sorgere il dubbio che si tratti di un disco soft, troppo artefatto o intellettualizzato lasciate perdere, si tratta solo e semplicemente degli Ovo con il suono della grande mela, non quello di Don Fury, ma quello che fa sì che una frustrata in faccia sia data con una cinghia di pelle super lusso invece che il buon vecchio latex.

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Peter Brötzmann & Jason Adasiewicz - Going All Fancy (Eremite,…

Ormai si sa, che più le release sono introvabili, più fanno gola; come in questo caso in cui mi trovo…

03 Jan 2013 Reviews

Read more

Raising Fear - Mythos (Dragonheart/SPV, 2005)

La nuova promessa del power metal! segnalano le prime note biografiche di questa scoppiettante formazione nostrana. Sound tedesco postbellico (Helloween,…

15 Aug 2006 Reviews

Read more

Whores / Rabbits - Split 7" (Brutal Panda, 2014)

Ho sempre pensato che tra i gruppi meno facilmente "coverizzabili" ci fossero The Cure: non so perché ma ho sempre…

15 May 2014 Reviews

Read more

Antonello Cresti - Lucifer Over London (Aereostella, 2010)

Sarebbe ahimè troppo sostenere che questo libro, dall'eloquente sottotitolo di "Industrial, folk apocalittico e controculture radicali in Inghilterra", vada a…

15 Oct 2010 Reviews

Read more

Ak'chamel - Transmissions From Boshqa (Artetetra, 2016)

Nel mare di etno-freak che sta sommergendo il pianeta da qualche anno a questa parte il misterioso texano Ak’chamel cerca…

16 Jan 2017 Reviews

Read more

Picore - Assyrian Vertigo (Jarring Effects, 2012)

Concettuale e ostico, il sestetto francese Picore si immerge con l'album Assyrian Vertigo in una sorta di delirio in…

03 May 2012 Reviews

Read more

Lost (Songs) in Leominster, tra Tupperware e hardcore

Scostare la tenda della finestra è quasi un rituale quando piove, ripetuto in maniera ossessiva, con il vetro scalfito, ogni…

02 Sep 2018 Writings

Read more

Two Dead Bodies - Reflect (Afe/Bar La Muerte, 2006)

I due cadaveri nelle sacche nere sono quelli di Luca e Andrea al secolo chitarra e voce degli I/O e…

11 Sep 2006 Reviews

Read more

Nembrot - S/T (Officine Frog ,2008)

Io e l'ordine non siamo mai stati i migliori amici e purtroppo, pur cercando disperatamente di metterci una toppa, crescendo…

16 Jul 2009 Reviews

Read more

Pietro Riparbelli - Uncodified Signals (Oak, 2014)

Continua la ricerca della Oak Editions intorno ai suoni di confine che vanno a braccetto con l'ambient nelle sue diverse…

29 May 2014 Reviews

Read more

Mamuthones – More Alien Than Aliens (Boring Machines/Corpoc, 2013)

Ne è passato di tempo dall'ultima uscita discografica dei Mamuthones e le esibizioni a cui abbiamo assistito nel corso di…

03 Jan 2014 Reviews

Read more

Modotti - Come Ti Senti (Upupa/Fooltribe, 2016)

I Modotti sono un trio bolognese. Si chiamano così in onore di quella gran donna che è stata Tina Modotti.…

24 Feb 2016 Reviews

Read more

Ovo – Abisso (Supernatural Cat, 2013)

Nonostante le numeroso uscite discografiche, anche su etichette di nome come Load e l'attuale Supernatural Cat e i palchi calcati…

28 Oct 2013 Reviews

Read more

Bug Jargal - S/T (Aut, 2014)

­ Recuperare dischi dal passato e ristamparli dopo quasi vent'anni è sempre un'operazione un po' pericolosa, perché si rischia di…

24 Jul 2014 Reviews

Read more

AA.VV. - Brucia Imperia Brucia (Good Vibes, 2007)

Certamente per una buona causa. Chi vive all'estrema periferia dell'impero, emblematicamente gli abitanti di Imperia, non vuole esser dimenticato…

15 Jun 2008 Reviews

Read more

Nicola Ratti/Mark Templeton/Olson - Resophonic (Silentes/13, 2014)

L'etichetta Silentes ha racchiuso più progetti sotto la collana 13, uno di questi si chiama Issues ed il terzo episodio…

28 May 2014 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top