oRSo – Ask Your Neighbor (Contraphonic, 2008)

"Molta della musica che ascolto oggi mi delude in maniera sorprendente perché è così dannatamente noiosa. Manca completamente di… bè, qualsiasi cosa. Non possiede né sensazioni né emozioni, non so perché esista. Dai tempi del Punk, ogni stronzo negli Stati Uniti ha pensato di poter far parte di una rock band; non perché ci fosse portato dal desiderio di fare musica, ma piuttosto perché voleva essere figo, voleva soldi e fama e pollastrelle o ragazzini. Così, vent'anni dopo, abbiamo un'intera industria guidata da persone che non sono poi così creative." Parole sante. Il Punk, venuto come una benedizione, è rimasto ad aleggiare sulle coscienze per troppo tempo assolvendo anche ciò che sostanzialmente non avrebbe dovuto. In realtà questa potrebbe non essere la faccia fallita del movimento Punk, semmai un'ulteriore dimostrazione della sua forza esagerata e dirompente, ma questa è un'altra storia. Le parole sante sono di Phil Spirito (Chicago, Illinois), ex Rex, qui alla sua quinta (?) uscita con il progetto quasi decennale oRSo. E siccome alle parole bisogna dare un seguito, diciamo subito che questo è un disco inequivocabilmente eccezionale.
Sono i musicisti a prendere i mano gli strumenti, a sperimentarli nel profondo della loro specifica conoscenza e a intrecciarli con delicatezza, senza affanno. Il tutto tenuto insieme dal collante della Bintofamily, luogo discografico dal nome più che esplicativo. Detto questo appare curioso che il risultato sia un disco che col Punk ha molto da spartire. Non certo nelle sonorità o nelle tecniche, ma nella consapevolezza che alcune regole semplicemente non hanno diritto di cittadinanza nel nostro tempo; in più Phil Spirito e soci hanno il grosso merito e privilegio di sapere quali queste regole siano. Le etichette sulla rete riportano come Indie la musica di oRSo, ma in quest'ultima uscita appare diretta l'affinità con la Folktronica di Books e Colleen, pur mantenendo una più concreta forma-canzone. Insomma, rimediate questo disco. Non fosse altro che per Way Way, la traccia che chiude l'album, una perla quasi perfetta che sfiora il limite senza romperlo. "Vorrei fare un concerto con un milione di sedie a dondolo nel locale. Non suona grandioso? Un intero pubblico che ascolta oRSo, seduto su sedie a dondolo che viene delicatamente cullato verso il sonno. Un sonno molto disturbato. Ma è così difficile trovare delle buone sedie a dondolo oggi." Già.

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Luminance Ratio/Yannis Kyriakides – Split 7” (Fratto9 Under The Sky/Kinky…

Terzo episodio nella serie degli split che i nostri Luminance Ratio hanno deciso di dividere con musicisti stranieri di una…

02 Apr 2015 Reviews

Read more

Meneguar - Strangers In Our House (Troubleman United, 2007)

Avete mai notato che i dischi più fighi non li recensisce mai nessuno? Nelle liste di fine anno di solito…

11 Dec 2007 Reviews

Read more

D.B.P.I.T. / Xxena – Alien Symbiosis (Deserted Factory, 2008)

Per chi non si ricordasse D.B.P.I.T. sta per Der Bekannte Post-Industrielle Trompeter che al secolo è Flavio Rivabella, quest'ultimo oltre…

29 Nov 2008 Reviews

Read more

700Bliss - Nothing To Declare (CD Hyperdub, 2022)

Niente da dichiarare. Ho ripetuto questa frase migliaia di volte vivendo a stretto contatto di un confine, quello svizzero italiano. Nothing…

22 Jun 2022 Reviews

Read more

AA.VV. - Clouds From The Earth (neuroprison.blogspot.com, 2009)

Promossa da dal forum italiano dei Neurosis, Clouds From The Earth è un esaustivo documento sullo stato dell'arte della scena…

09 Sep 2009 Reviews

Read more

Cursive + Green Like July - 19/05/12 Twiggy Club…

'I sogni son desideri di felicitààà...' e con un maggio che pare - oggettivamente dal punto di vista meteo e…

08 Jun 2012 Live

Read more

Sneers - For Our Soul, Uplifting Lights To Shine As…

Non sappiamo se Maria Greta Pizza e Leonardo Oreste Stefanelli, che compongono questo duo formatosi, come spesso capita, a Berlino,…

18 Dec 2013 Reviews

Read more

Fear - The Record (The End, 2012)

Se date da ripetere a memoria a un pappagallo i versi di Dante, siete sicuri che qualcosa di buono ne…

28 Feb 2013 Reviews

Read more

Fuzz Orchestra – 09/09/10 Locanda di Campagna (Lonato – BS)

Riparte la stagione concertistica della Locanda (stasera è il terzo appuntamento) e arrivano i Fuzz Orchestra, che già qualche volta…

14 Jul 2010 Live

Read more

Yama-Akago - Wheel Of Fortune (Sottomondo, 2008)

Alla faccia di chi pensa che anche nel bel pese non ci siano etichette con un fegato spaventoso un’altra uscita…

28 Sep 2008 Reviews

Read more

Gablé - Cut Horse Cut (Loaf, 2011)

Un fantastico gruppo elettro-rock che non è certo semplice definire, non perché abbiano sovvertito le regole della musica, solo e…

26 May 2011 Reviews

Read more

The Way Of Purity - Crosscore (Aural Music, 2010)

A dispetto della puerile presentazione da cospiratori e sovvertitori dell'ordine mondiale, alla fin fine, questi The Way Of Purity…

11 Jul 2010 Reviews

Read more

Blistrap - Remotion (Setola Di Maiale, 2009)

Nuove uscite su Setola Di Maiale ed alcune vedono coinvolto il patron stesso dell’etichetta che come immagino sappiate è il…

20 Sep 2009 Reviews

Read more

Bemydelay – Hazy Lights (Boring Machines, 2013)

Dopo le atmosfere eteree e la chitarra in loop di To The Other Side, torna Marcella Riccardi (già in Franklin…

17 Apr 2013 Reviews

Read more

The Great Saunites – Brown (Neon Paralleli/Hypershape e altre, 2018)

The Great Saunites chiude la trilogia dei colori aggiungendo al nero e al verde il marrone e l’effetto è assolutamente…

26 Apr 2018 Reviews

Read more

Dalila Kayros – Transmutations part [I] - The Yin Side…

Mancava da tempo il nome di Dalila Kayros sulla copertina di un disco, dal 2013 per la precisione, anno di…

21 Mar 2018 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top