Om + Lichens – 30/01/10 Interzona (Verona)

E venne il giorno degli Om. La notte anzi, umida e fredda, ma almeno non nevosa, cosa rara di questi tempi. Il gruppo tocca Verona come tappa conclusiva del primo tour italiano spalleggiato dal fedele Robert Lowe, in arte Lichens, che già aveva suonato nell'ultimo album dei californiani e che stasera è presente nella doppia veste di solista e special guest. È lui, baffo alla Vittorio Emanuele II e capelli alla Don King, a intrattenerci a inizio serata, armato di chitarra intagliata con motivi floreali, microfono, effetti vari e tisana, che si scola prima di iniziare. Accomodatosi su una sedia posta su un tappeto dai quanto mai adatti motivi orientaleggianti, spende i primi minuti creando, con voce e corde, la base sonora dell'esibizione. Da qui in poi nulla verrà più toccato, sebbene il drone continuerà a montare lentamente, in base a qualche misterioso algoritmo preimpostato e sarà tutta questione di corde vocali a disegnare un mantra che, non fossimo qui ad assistere, faticheremmo a lichens----------------------------interzonariconoscere di origine umana. Le stesse espressioni di Lowe, ora estatiche, ora sinistramente diaboliche, sembrano confermare ambiguamente questa impressione. Certamente è uno spettacolo che richiede, da parte dell'ascoltatore, la disponibilità a calarsi nell'atmosfera misticheggiante (e forse sarebbe stato meglio assistere seduti a terra) ma che in cambio dona venti minuti di assoluto trasporto. Per lui, tuttavia, la serata non si conclude qui: quando i due attuali titolari del marchio Om salgono sul palco, da bravo scolaretto prende posto a un banchetto dove sono disposti i suoi strumenti (tastiera, effetti, cembali); questa sera il duo si allarga a terzetto. Abbiamo così Al Cisneros a sinistra, cuffia a coprire i capelli ormai corti e basso a nascondere la pancia prominente e al centro la batteria della new entry Emil Amos, che sfoggia sulla cassa un immagine della Madonna marcata Jason Jesee; più laico è il santino che espone Lowe alla sua postazione: Geezer Butler, che Dio lo abbia in gloria. La benaugurante Meditation Is The Practice Of Death mette subito in luce come il nuovo batterista dia al suono una profondità e una varietà prima sconosciuta. Lo si coglie sia in questo caso, dove al brano che già aveva suonato su disco conferisce maggior enfasi, sia nei brani più vecchi, in origine eseguiti da Chris Hakius: Rays Of The Sun/To The Shrienbuilder, leggermente velocizzata e molto arricchita nelle soluzioni ritmiche, implode su sé stessa ed è enormemente superiore alla versione che troviamo nello split coi Current 93. Il contributo di Lowe è inevitabilmente scarso nei momenti più rumorosi, ma altrove, in particolare in quelli tratti da God Is Goood, che viene om----------------------------interzonaeseguito per intero, la chitarra appena accennata e i suoi vocalizzi sono fondamentali per colorare e dare profondità alle canzoni. Quanto a Cisneros, fa la sua parte: dimenandosi come un metal-nerds alla Fusi Di Testa, scava le basse frequenze col suo Rickenbaker e canta cantilenando secondo consuetudine, evidenziando qualche limite già apparso su disco. Nulla comunque che comprometta la bontà di un concerto dove i brani storici si affiancano bene ai più recenti, come accade per At Giza e Thebes, che a causa delle linee vocali simili diventano un monolite di quasi mezz'ora. Nel gigantesco groove che ne esce spiace notare come pochi, fra il pubblico, siano indotti a un cadenzato headbanging: se non la si pratica in una serata così è segno che questa nobile disciplina è ormai morta. Ma a parte questi particolari, un concerto del genere è un'esperienza da fare: un maelström lentissimo che sembra ripetersi sempre uguale, ma che ad ogni giro ingloba qualcosa di diverso, dal funk elefantiaco di Cremation Gath ai profumi mediorientali della già citata Meditation Is The Practice Of Death, dimostrando come gli Om abbiano ancora inattesi margini di evoluzione grazie soprattutto all'apporto di Amos, il cui inserimento si è dimostrato quanto mai felice e chissà, magari attraverso altre collaborazione come quella del buon Lichens.

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Airportman & Tommaso Cerasuolo – 23/04/10 Tipo 00 (Brescia)

Una tribute band, seppur sui generis, questo è quel che è il progetto messo insieme dai cuneesi Airportman con Tommaso…

28 Apr 2010 Live

Read more

The White Mega Giant - TWMG (Shyrec, 2014)

Tornano i The White Mega Giant dopo l'ottimo biglietto da visita di Antimacchina, una sorta di fotografia di ciò che…

22 Sep 2014 Reviews

Read more

37500 Yens - Astero (Distile, 2007)

Mi scuso per la banalità e per la noia che provoco nel continuare a ripeterlo, se rock dev'essere e proprio "post rock"…

16 Sep 2007 Reviews

Read more

Paolo Spaccamonti Ramon Moro - I Cormorani O.S.T. …

Interessantissima colonna sonora per un film che, indubbiamente per storia e location, non sarà facile scovare nei cinema, ma che…

27 Jan 2017 Reviews

Read more

In Zaire + Johnny Mox + Liir Bu Fer –…

Pochi, pochissimi intimi questo venerdì, segno di una situazione che finirà per lasciare solo macerie e il rimpianto di molti,…

28 Nov 2009 Live

Read more

Setting Sun - Be Here When You Get There (Young…

Setting Sun è un progetto che nasce dalla mente di Gary Levitt, con una lineup che ruota a seconda…

29 Apr 2014 Reviews

Read more

Marvin - Barry (Africantape, 2013)

Francesi, terzo album per l'Europa e debutto nel Nuovo Mondo, famosi per i loro live: i Marvin non le mandano…

31 Jul 2013 Reviews

Read more

Psychocandy - Le Canzoni Dei Folli (Autoprodotto, 2006)

Buon prodotto di stampo tipicamente americano per questi quattro metallari del mezzogiorno che porano in giro il nome Psychocandy. Benché…

18 Aug 2007 Reviews

Read more

Massimo De Mattia - Mikiri+3 (Setola Di Maiale, 2011)

Si tratta di un disco decisamente anomalo per il catalogo della Setola Di Maiale, non tanto per la grande fruibilità…

23 Sep 2011 Reviews

Read more

Get The People - S/T (Ruminance, 2006)

C’è gente che vive un drammi indicibili quando in fase post-adolescenziale vede crollare miserabilmente il proprio eroe e purtroppo è…

26 Feb 2007 Reviews

Read more

Three Second Kiss - Long Distance (Africantape, 2008)

Formazione nuova, vita nuova, ma pur sempre vecchi Three Second Kiss, sia nel bene che nel male. Il gruppo non…

16 Mar 2008 Reviews

Read more

Joe Lally: Fugazi, Roma, more human than human

Strana congiunzione astrale quella che fa sì che nell'ultimo periodo siano tornati alla ribalta musicisti o gruppi che ruotano attorno…

01 Oct 2011 Interviews

Read more

Jim Capaldi - Poor Boy Blue (SPV, 2004)

Con questo album Jim Capaldi (un nome che sembra uscito da "I Soprano" ma che in realtà negli USA è…

05 Sep 2006 Reviews

Read more

gRAEFENBERg - Ishikozume (Autoprodotto, 2013)

Ritornano con un nuovo disco i gRAEFENBERg, sempre divisi tra Casale Monferrato e Roma e sempre dediti al rumore, decisamente…

17 Sep 2014 Reviews

Read more

Un tranquillo weekend di riapertura – 9-10/11/12 Villa Zamboni (Valeggio…

Dell'associazione Humus di Valeggio sul Mincio avevamo avuto già modo di parlare in occasione del concerto di Murcof, che battezzava…

23 Nov 2012 Live

Read more

Murder - Tu M'Uccidi (Autoprodotto, 2010)

Sorpresa sorpresa! I Murder ti ammazzano sul serio, ma né di noia né dalle risate. Al secolo Carlo Marrone…

21 Mar 2010 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top