since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

ODRchestra – Prima Opera (Luce Sia, 2020)

Questo lavoro nasce dall’improvvisazione di diversi artisti del circuito Luce Sia, tra cui lo stesso patron Sacha Rovelli (Icydawn), e si dipana in due lunghe suite (una per ogni lato della cassetta) all’insegna di echi ambientali, clangori e torride urla inumane. Come potete immaginare non vi è alcuna concessione melodica nel progetto che al contrario va assorbito senza freni o resistenze come un unico flusso di percezioni che dovrebbero valicare l’apparato uditivo procedendo per evocazioni di “altro”. Un “altro” che risiede nella memoria individuale e che viene sollecitato da alte frequenze e smottamenti tellurici tutt’altro che lievi. L’ennesimo lavoro “difficile” dell’etichetta svizzera che ancora una volta si conferma tra le poche vicine realtà di un certo spessore intellettuale e che, nonostante le innegabili intemperie storiche, resiste, proprugnando dischi per espandere le percezioni e trascendere la materia. Sostenere e diffondere senza remore. Particolare menzione per il bellissimo artwork di ispirazione Deutsche Grammophon che impreziosisce ulteriormente il lavoro e da un certo punto di vista gli dona quella leggerezza di spirito necessaria per avvicinarsi a queste operazioni.

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Back to top