Non Voglio Che Clara – s/t (Aiuola, 2006)

Ad un certo punto della nostra vita, fin qui breve, ci si trova, nei propri vent'anni, a fare i conti con la collezione dei dischi dei genitori; a volte imbarazzante, a volte foriera di sorprese ma, sempre, inizialmente guardata con disprezzo. Sono diverso, non possono piacermi le stesse cose. Eppure…
Un De Andrè particolarmente ispirato, un Fossati che non si butta via niente; un Paolo Conte o un Gino Paoli particolarmente lirici e pianistici. E, di nascosto, il piacere di ammettere le proprie immature intolleranze per canzoni che sanno trasportare con intelligenza e comunicarci immagini poetiche, troppo a lungo considerate degne di vergogna. Il piacere di scoprirsi forse maturi, ma cosa vuol dire poi, di apprezzare composizioni classiche che poggiano sui pilastri della melodia italiana. E rendersi conto che il nuovo disco dei Non Voglio Che Clara non ha alcun elemento di quell'eredità indie che contraddistingue il nostro snobismo e, invece, pesca a piene mani da quell'immaginario, dei nostri genitori, elementi che gli ultimi vent'anni di canzone d'autore hanno, se non in rari casi, abbandonato. Il già citato Paoli e il suo, supposto, amico Tenco, sono riferimenti facili, sono gli esperti di canzone italiana che dovrebbero venirci in aiuto per tracciare le derivazioni più evidenti, dacchè noi abbiamo ancora troppi pochi ascolti per goderceli appieno. Credo che l'immediata classicità, non mediata o filtrata come nei contemporanei Baustelle, possa non essere un peso e un rallentamento come qualcuno ritiene. Qui si tratta di gettarsi oltre gli steccati tra pop emerso e indie. E dopo, nel caso, provare anche a costruire un ponte, ma dall'altra parte. Non più una scalata ad uno status di autori riconosciuti ma una discesa a prendere per mano chi è rimasto indietro. La presenza in Sottile di Syria, che per stile è, comunque, la più "giovane" delle stelle del firmamento, è abbastanza sintomatica della posizione assunta da questo disco, ma, contemporaneamente, la pubblicazione per Aiuola dimostra l'assioma appena esposto. Il nostro orgoglio ci dice di essere contenti del nostro rimanere indietro, di farne una bandiera. Ma questo candido disco bianco del pop underground italiano va dritto dritto, Questo Lasciatelo Dire, nella parte in comune della collezione di famiglia.

Tagged under: , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

St.Ride: Dadaismo Ligure E Frammentazione

Credo che gli St.Ride (myspace.com/stpuntoride) siano un fenomeno abbastanza atipico in Italia, infatti parliamo di un gruppo sperimentale ormai piuttosto…

11 Oct 2009 Interviews

Read more

Lady Vallens – Noon EP (Second Family, 2010)

Il boss dell'etichetta più il chitarrista degli ottimi Bonora e un tot di macchinari, questo l'organico dei Lady Vallens, che…

30 Aug 2010 Reviews

Read more

Chapter - Two (The Biographer) (Saiko, 2007)

Copertina extralusso stile piccolo libro "di una volta" con tanto di booklet strafigo per questo duo svizzero, in fin dei…

17 Oct 2007 Reviews

Read more

Skrima - Tapes (Disasters By Chioce, 2018)

Debutto che viene da lontano per Skrima, progetto di Salvo Pinzone in cui come dichiarato dal titolo sono proprio i…

25 Jun 2018 Reviews

Read more

Santabinder - Oops!...I Did it Again (Leper Without a Cause,…

"Una decina di anni fa o giù di lì, con la mia vecchia etichetta, Lepers Productions, ebbi il piacere di…

14 Dec 2021 Reviews

Read more

The Sinai Divers - Elders (A Lot Of Brians, 2012)

Philippe Henchoz, cantante e chitarrista dei Ventura, negli anni ha registrato canzoni in solitudine tenendole per sé, salvo poi decidere…

19 Dec 2012 Reviews

Read more

Los Fancy Free - Nevergreens Vol. 1 (SiliconCarne, 2008)

Fuori da qualsiasi moda, fuori dal tempo ed inevitabilmente (ed autenticamente) fuori di testa, questo bizzarro quartetto scandinavo/messicano (!!!)…

26 Nov 2008 Reviews

Read more

Noise Cluster And Stigmate – Extreme Sleepwalking (Grubenwehr, 2022)

Quale possa essere il suono dell’oggi è una domanda inevitabilmente destinata a rimanere senza risposta: troppi sono gli “oggi” che…

19 Jun 2022 Reviews

Read more

Maurizio Bianchi: "...italian pioneer of noise music, originating from Milan"…

Maurizio Bianchi o molto più semplicemente MB, un nome che paradossalmente in Italia è meno conosciuto che all'estero. Ma fino…

25 Dec 2006 Interviews

Read more

Pikelet - Pre-Flight Jitter (Sabbatical, 2007)

Avevo sentito questo disco dei Pikelet con un po’ di fretta e non mi ero neanche accorto di come fosse…

15 Apr 2009 Reviews

Read more

A Sphere Of Simple Green - With An Oblique Glance…

Gli A Sphere Of Simple Green sono un trio formato da Adriano Orrù al contrabbasso, Silvia Corda al piano preparato…

05 Feb 2018 Reviews

Read more

Bobby Soul E Les Gastones - 73% Phunk (Inmusica/Altoparlante, 2008)

Educato, ma fieramente maschilista, Bobby Soul ritorna, riformulando, ammorbidendo, impastando il precedente Draghi Rossi Buchi Neri; questa volta doppiando…

15 Jul 2008 Reviews

Read more

Davide Maspero/Max Ribaric - Come Lupi Tra Le Pecore…

È un'opera monumentale quella messa insieme da Davide Maspero e Max Ribaric per i tipi della Tsunami, non solo per…

08 May 2013 Reviews

Read more

Metzengerstein - Albero Specchio (Sonic Meditations, 2013)

Avere la prima uscita della carriera per l'etichetta di Justin Wright (alias Expo '70) è certamente un buon biglietto da…

23 Apr 2013 Reviews

Read more

Johnson Righeira - Ex Punk, Ora Venduto (Astroman, 2006)

Sì, questa recensione avrebbe dovuto farla Giulio Olivieri, perlomeno come seguito al suo splendido articolo sugli oscuri ottanta, ma io…

27 Sep 2006 Reviews

Read more

Broken Spindles - Fulfilled/Complete (Saddle Creek Europe, 2004)

Non è che uno prende, fa un disco solista e da cover band dei Cure si scopre essere un Tim…

12 Sep 2006 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top