Non Voglio Che Clara – s/t (Aiuola, 2006)

Ad un certo punto della nostra vita, fin qui breve, ci si trova, nei propri vent'anni, a fare i conti con la collezione dei dischi dei genitori; a volte imbarazzante, a volte foriera di sorprese ma, sempre, inizialmente guardata con disprezzo. Sono diverso, non possono piacermi le stesse cose. Eppure…
Un De Andrè particolarmente ispirato, un Fossati che non si butta via niente; un Paolo Conte o un Gino Paoli particolarmente lirici e pianistici. E, di nascosto, il piacere di ammettere le proprie immature intolleranze per canzoni che sanno trasportare con intelligenza e comunicarci immagini poetiche, troppo a lungo considerate degne di vergogna. Il piacere di scoprirsi forse maturi, ma cosa vuol dire poi, di apprezzare composizioni classiche che poggiano sui pilastri della melodia italiana. E rendersi conto che il nuovo disco dei Non Voglio Che Clara non ha alcun elemento di quell'eredità indie che contraddistingue il nostro snobismo e, invece, pesca a piene mani da quell'immaginario, dei nostri genitori, elementi che gli ultimi vent'anni di canzone d'autore hanno, se non in rari casi, abbandonato. Il già citato Paoli e il suo, supposto, amico Tenco, sono riferimenti facili, sono gli esperti di canzone italiana che dovrebbero venirci in aiuto per tracciare le derivazioni più evidenti, dacchè noi abbiamo ancora troppi pochi ascolti per goderceli appieno. Credo che l'immediata classicità, non mediata o filtrata come nei contemporanei Baustelle, possa non essere un peso e un rallentamento come qualcuno ritiene. Qui si tratta di gettarsi oltre gli steccati tra pop emerso e indie. E dopo, nel caso, provare anche a costruire un ponte, ma dall'altra parte. Non più una scalata ad uno status di autori riconosciuti ma una discesa a prendere per mano chi è rimasto indietro. La presenza in Sottile di Syria, che per stile è, comunque, la più "giovane" delle stelle del firmamento, è abbastanza sintomatica della posizione assunta da questo disco, ma, contemporaneamente, la pubblicazione per Aiuola dimostra l'assioma appena esposto. Il nostro orgoglio ci dice di essere contenti del nostro rimanere indietro, di farne una bandiera. Ma questo candido disco bianco del pop underground italiano va dritto dritto, Questo Lasciatelo Dire, nella parte in comune della collezione di famiglia.

Tagged under: , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Gianni Mimmo/Harri Sjostrom - Live At Bauchhund, Berlin 2010 (Amirani,…

Ennesimo ritorno di Gianni Mimmo, non che se ne fosse mai andato, anzi, se ci fosse anche solo una qualità…

13 Sep 2011 Reviews

Read more

H!U/Stelvio – Pulsatilla (Casetta/Subincision/Light Item, 2018)

Il percorso artistico di H!U – giunto alla quinta tappa - si fa stavolta meno solitario grazie a Stelvio, che…

09 Jul 2018 Reviews

Read more

Golden Gurls - Typo Magic (Damnably, 2013)

Non saprei dire se il nome è una storpiatura di una vecchia serie televisiva statunitense ma certo è che il…

08 Jul 2013 Reviews

Read more

Messa In Piaga - S/T (Autoprodotto, 2013)

Ennesima sbrodolatura scatologica per Hugo Bandannas ed Alessandro Scotti arrivati qui finalmente dopo mille sforzi ai minimi storici. Del…

14 Jan 2014 Reviews

Read more

Victor Bockris - Keith Richards (Omnibus Press, 2006)

Provvidenziale, questo ristampone in paperback piuttosto economico che la Omnibus sforna a 14 anni dalla prima uscita del volume originale.…

10 Dec 2006 Reviews

Read more

Le Carogne - S/T (Autoprodotto, 2011)

Un terzo di beat, uno demenziale e uno rocchenrol. Certamente il vecchio Pierpaolo De Iulis li farebbe entrare…

21 Sep 2011 Reviews

Read more

Il Buio - L'Oceano Quieto (Autunno Dischi/To Lose La Track,…

Dopo un esordio fulminante con il 12" del 2012 e il notevole 7" dell'anno scorso a conferma ulteriore dei numeri…

27 Mar 2013 Reviews

Read more

Six Organs Of Admittance - Ascent (Drag City, 2012)

Avevamo già scritto di Ben Chasny, mente dei prolifici (anche troppo dalla quantità di album in uscita: 13, disco…

18 Sep 2012 Reviews

Read more

Lady Vallens – Phemur (Second Family, 2012)

Tornano i Lady Vallens, stavolta con un disco intero, dopo l'EP che recensimmo un paio di anni orsono. Se là…

25 Jan 2013 Reviews

Read more

Merzbow – MONOAkuma (Room40, 2018)

Se un amico neofita mi chiedesse 10 dischi fondamentali per comprendere il genere noise, tra quei dieci ce ne sarebbero…

13 Dec 2018 Reviews

Read more

Compoundead – Cutting Your Certainty (Sincope, 2012)

Texture di grigi su nero sgranate, attraversate da linee e graffi, sporcate da macchie circolari. Cutting Your Certainty potremmo recensirlo…

22 Feb 2013 Reviews

Read more

Bilk - This Bilk Is Radioactive (Moonlee, 2006)

Un gruppo croato il cui disco è uscito nel 2006 su sodapop? Sono in effetti due anni che mi zampetto…

20 Feb 2008 Reviews

Read more

Bobby Soul - Draghi Rossi & Buchi Neri (Autoprodotto, 2007)

Strana compilation questa, nel senso che di solito i remix seguono gli album veri e propri, ma raramente, come in…

21 Feb 2008 Reviews

Read more

Ventura - Ultima Necat (Africantape/Vitesse, 2013)

Ennesimo mattoncino Africantape sul già alto e forte muro. A questo giro, trattasi di trio svizzero - di Losanna per…

06 May 2013 Reviews

Read more

Bill Dolan / JBe Split 7" (Sixgunlover, 2010)

Che se c'è un gruppo che non ho mai capito perchè non è capostipite di una filiazione di dei in…

20 May 2010 Reviews

Read more

Billy Torello – Ultime Notize Dalla Tartaruga, Chitarra Vol. 2…

Il fingerpicking non è una cosa nuova, tutt'altro, ma dalle nostre parti, contrariamente a quanto accade altrove, è un genere…

11 Dec 2012 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top