Nicola Di Croce – Fieldnotes (Oak, 2014)

“Geografia” è il termine intorno a cui ruota il progetto Walkingsoundtracks di Nicola Di Croce,  che di recente abbiamo visto all’opera con l’AIPS Collective. Tuttavia il concetto va inteso in maniera poco convenzionale, venendo riletto attraverso il suono, all’incrocio delle coordinate di spazio e tempo.  Detto questo, bisogna rilevare che Fieldnotes si distanzia anche dai lavori di molti compagni di strada, abbandonando il taglio antropologico a favore di una visione maggiormente poetica.
Il punto di partenza è un viaggio e dei field recordings raccolti a mo’ di appunti, il registratore come un taccuino zeppo di impressioni e schizzi. Poi viene il momento del ricordo e della rielaborazione attraverso parti strumentali improvvisate o composte che integrano i dati, trasformandoli in racconto, dove musica e suoni dialogano con misura, senza che l’uno prevarichi mai l’altro. Stavolta non abbiamo dati né coordinate geografiche a indirizzarci, al limite possiamo indovinare qualche luogo decifrando le lingue e gli accenti, ma non è questo il punto: Fieldnotes è un ode al senso profondo del viaggio e alla poesia (sonora) come strumento di conoscenza, ma anche una metafora del raccontare, dove il fatto e la sua successiva interpretazione/rielaborazione si fanno tutt’uno. Per quanto il discorso che sta alla base possa sembrare complesso, questo è in realtà un disco semplice, ricco di melodia e di toni caldi, che chiede solo di essere ascoltato, calandosi completamente in esso. Potrebbe ricordare certe uscite di Fennesz, ma con un maggior equilibrio fra parti suonate e field recordings, che si dividono equamente la scena: a un ascolto superficiale le prime parrebbero prevalenti, ma i secondi segnano le composizioni in profondità, fornendo i punti fermi che poi la musica unisce. Abbiamo così le atmosfere jazz e concitate di Palomar, eleganti ma non prive di spigoli, una Inner Tales nervosa dove il piano duetta col suono  dell’acqua, le pulsazioni di Nida e i ritmi coinvolgenti di Tracciati. Un’orchestra di chitarre, corsi d’acqua, cigolii, pianoforti, campanacci, sax, treni, voci il loop, chitarre che non si limita a riprodurre un paesaggio sonoro semplicemente realistico ma ne crea uno  assolutamente reale, dove le barriere fra dato ed emozione cadono e il ricordo si fa racconto.

 

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

The Great Saunites & Attilio Novellino - Radicalisme Mècanique (Manza…

One side strikes back. Torna il formato vinilico più gettonato degli ultimi tempi, una volta tanto giustificato non da mere…

26 Feb 2014 Reviews

Read more

Dead Boomers/Crow + Rushford/Talia + Hamann + Brennan/Butler - 24/10/10…

E' domenica sera ma la musica dal vivo non si ferma a Melbourne e la nostra scelta si orienta sul…

22 Sep 2010 Live

Read more

15 anni di ODRZ – 12/12/2015 Spazio Ligera (Milano)

Anche se dalla data è passato un po’ di tempo e gli infiniti impegni della vita non ci hanno permesso…

08 Jan 2016 Live

Read more

Paolo Sanna – Oggetti Smarriti (Setola Di Maiale, 2011)

Un solo pezzo, di 28 minuti e 20 secondi, ma che scorre veloce, dinamico, ricco e vario, anche se scritto…

18 Jun 2013 Reviews

Read more

Hexen & Wailing Of The Winds - S/T (Diazepam, 2014)

Dopo l'esordio in cassetta sulla sua Diazepam e il CD su Paradigms, Wailing Of The Winds arriva alla terza uscita…

16 Dec 2014 Reviews

Read more

Evil Purpose – Normal Life (Spina Bifida, 2010)

La metà più fisica del suono degli Iron Molar la ritroviamo nell'opera di Jacopo Manelli, alias Van Malora, alias Evil…

04 Sep 2010 Reviews

Read more

Erdem Helvacioglu - Altered Realities (New Albion, 2006)

Anche se temo che molti su questa webzine non conoscano la New Albion, non è per nulla sconosciuta anzi, trattasi…

08 Jun 2007 Reviews

Read more

Taras Bul'ba - Secret Chimiques (Wallace,2008)

A volte ci sono dei libretti così strani che a fatica riesci a capire dove infilare il cd, un pò…

17 Apr 2009 Reviews

Read more

Gerstein – Live Radio Blackout 1999 (Luce Sia, 2016)

È uno dei nomi storici della musica di ricerca nostrana quello di Gerstein, sigla dietro cui si nasconde il torinese…

22 May 2017 Reviews

Read more

Zerogroove /Alessandro Bocci -The Urban Tape (Kaczynski, 2019)

Uno split, per essere davvero buono, dovrebbe mettere insieme due metà non troppo simili da rendere monotono l’ascolto, ma nemmeno…

07 Jan 2020 Reviews

Read more

Parlor Walls - EXO (Northern Spy, 2018)

Con Opposite i Parlor Walls ci avevano raccontato di una band con qualcosa da dire all’interno di un contesto che…

12 Jul 2018 Reviews

Read more

Body/Head – The Switch (Matador, 2018)

Il primo disco dei Body/Head ha riportato allo scoperto tutto lo spleen di una scena d’altri tempi, di quando a…

04 Sep 2018 Reviews

Read more

Stefano De Ponti & Eleonora Pellegrini – Physis (Manyfeetunder/Grotta, 2017)

Parte da lontano questo progetto di Stefano De Ponti ed Eleonora Pellegrini e chissà che questo disco non sia solo…

29 Dec 2017 Reviews

Read more

Il Babau e I Maledetti Cretini – Il Cuore Rivelatore…

Secondo fonodramma della trilogia dedicata dichiaratamente ad Edgar Allan Poe che la band meneghina sviluppa anche stavolta attraverso un booklet…

10 Feb 2017 Reviews

Read more

Mamuthones – S/T (Boring Machines, 2011)

Continua il cammino dei Mamuthones che da progetto del solo Alessio Gastaldello (ex Jennifer Gentle) diventa ora un vero gruppo…

05 Mar 2011 Reviews

Read more

The Tall Ships – On Tariffs And Discovery (Minority, 2011)

That's only post-rock, but I like it. Ecco cosa ho pensato qualche minuto dopo aver iniziato ad ascoltare On Tariffs…

04 Apr 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top